GarganoManfredonia
In quel di Rignano Scalo, ex-Zuccherificio Eridania

Firme contro fumi impianto di bio-masse di Rignano Scalo

La raccolta firme avrà luogo domani, Domenica 17 luglio, dalle h.18.00 alle 22.00

Di:

Rignano Garganico. Parte la raccolta delle firme di protesta contro i presunti fumi nocivi dell’impianto di bio – masse, a Rignano Garganico. Il riferimento è a quello in funzione da qualche tempo in quel di Rignano Scalo, ex-Zuccherificio Eridania, in agro di Foggia, di cui il centro abitato, ora quasi del tutto disabitato, ne era una attiva e popolosa frazione. Allora anche la stazione ferroviaria costituiva una importante fermata per i treni merci e fino al dopoguerra anche di persone. Chi non ricorda le dispute che i soldati di leva dovevano affrontare per convincere il maresciallo di turno a rilasciare il biglietto per Foggia e non per Rignano Scalo, irraggiungibile allora da qualsiasi automezzo pubblico, ed anche successivamente. In pratica Rignano della montagna non ha avuto mai a che fare con lo Scalo ferroviario, nonostante ne porta il nome. Qui, da qualche anno non si sa perché e da chi autorizzato è sorto, ad opera di una ditta del Nord (Belenergia, entrata in affari con Stilo, società controllata dalla famiglia Percassi, immobiliaristi di Bergamo) e al posto dei vecchi impianti di trasformazione delle barbabietole in zucchero, un grosso impianto di bio – masse, a filiera corta, per la produzione di energia elettrica attraverso la combustione dei residui vegetali rivenienti dall’agricoltura. A titolo di ristoro ambientale, il Comune di Foggia, dovrebbe ricevere 75 mila euro all’anno. Ad occhio e croce la distanza chilometrica di quel luogo da Rignano è di quasi 25 chilometri. Per cui la “puzza di bruciato”, se si avverte, è sicuramente molto meno rispetto a chi abita nella periferia Ovest del Capoluogo dauno o ad Est di San Severo, da cui è separata da appena una manciata di chilometri. Comunque sia, ad avviare la raccolta firme ci pensa, Viviana Saponiere, già attiva assessora comunale e coordinatrice locale di Forza Italia.

Lo fa dalle colonne di facebook su cui è apparso dalle prime ore di oggi un telegrafico comunicato stampa o post che testualmente recita: ”Si parte…La raccolta firme avrà luogo domani, Domenica 17 luglio, dalle h.18.00 alle 22.00, davanti all’edificio ex – scuola elementare. In caso di pioggia si effettuerà all’interno. Grazie!”. Accedendo agli archivi della memoria, prima di quelli documentari, si è appreso di un’altra avvertita lotta per scongiurare la costruzione di una mega porcilaia di 50 mila suini. Nei primi tempi era prevista lungo il tracciato stradale della pedegarganica Est e successivamente addirittura in prossimità di Santa Maria di Stignano (sempre in agro di Rignano). A sponsorizzarne la costruzione ci sarebbe stato il gruppo Amadori. Niente fu fatto, grazie agli ambientalisti locali (non sappiamo se quelli odierni siano li stessi) e soprattutto all’intervento ad hoc messo in atto dal compianto Gabriele Tardio di San Marco in Lamis, ambientalista senza macchia e senza paura, cui molti di noi si accodarono. Insomma, quando si tratta di un bene vitale, come la salute, la paura fa novanta. Andiamo a firmare!

(A cura di Antonio Del Vecchio, Rignano Garganico 17.07.2016)



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • pessima gestione

    DIo CI HA DATO UNA NATURA VERGINE.QUANTO SOPRAVVIVREMO CON TUTTO QUESTO INQUINAMENTO? RENDIAMOCI CONTO. PAGHEREMO UN PREZZO NOI ESSERI UMANI : MALATTIE, INFEZIONI…ECT.SE RISPETTIAMO QUELLO CHE CI CIRCONDA NE RIAVREMO INDIETRO 100 VOLTE TANTO


  • siamo al sud.......

    Bene mi pareva strano che non si erano lasciato la centrale di rignano….e vai…con le firme…la cosa strana di questo paese…che non va bene niente…non basta che siamo morti di fame…non vogliamo nulla di nulla…vogliamo vivere d aria…e campate di sussidi…ora non va bene nemmeno una piccola centrale..a biomassa…che brucia paglia…praticamente innocua….io penso che stiamo esagerando…fino a rifiutare qualsiasi cosa pori lavoro…stessa cosa per energas….
    L importante é dire NO E raccogliere firme…per cosa??? Lo si fa senza capire nulla….
    Ripeto Basta dire Nooooo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati