GarganoManfredonia
"Quanto approvato oggi – aggiunge - è il disegno di legge presentato dalla Giunta regionale successivamente alla presentazione del nostro testo"

Caccia, Gatta “Finalmente legge approderà in Aula”

"Quanto fatto oggi dimostra che quando si lavora seriamente i "like" li danno i cittadini veri, non quelli virtuali"

Di:

Bari. “Ci sono voluti 20 anni per rinnovare il quadro normativo riguardante la caccia, adeguandolo alle leggi sopravvenute e alle direttive dell’Unione Europea. Ed oggi, finalmente, la legge è stata approvata dalle Commissioni II e IV. Certo, alcune disposizioni non sono quelle previste nella proposta di legge redatta dal sottoscritto e dal collega Pentassuglia, ma spero che si possano apportare ulteriori correttivi quando il provvedimento approderà in Aula consiliare. Per oggi, non possiamo che ritenerci soddisfatti”. Così il vicepresidente del Consiglio regionale, Giandiego Gatta.

“Quanto approvato oggi – aggiunge – è il disegno di legge presentato dalla Giunta regionale successivamente alla presentazione del nostro testo, in buona parte aderente all’impianto della nostra proposta. Alcune difformità siamo riusciti a limarle con una serie di emendamenti, mentre altre potranno essere oggetto di modifica in Consiglio regionale. Nel complesso, però, si è fatto un significativo passo in avanti”. “Un buon lavoro – conclude Gatta – che non può dirsi concluso, ma siamo certamente a buon punto”.

Pentassuglia: “Caccia, dopo 19 anni un testo innovativo e adeguato a norme nazionali ed europee”
Nota del consigliere e presidente della IV commissione, Donato Pentassuglia

“Ci sono voluti 19 anni, ma finalmente la Puglia si sta per dotare di una legge sulla caccia (che ora passerà al vaglio del Consiglio regionale per l’approvazione definitiva), che adegua quella esistente, la l.r.27/98, ma recepisce anche le norme nazionali ed europee. Sono soddisfatto per il lavoro svolto nelle Commissioni Caccia e Agricoltura, quest’ultima da me presieduta, perché sono convinto che il legislatore non deve e non può avere “paura” di svolgere il proprio ruolo se questo è a servizio dei cittadini.

Sono doppiamente soddisfatto, inoltre, perché il DDL approvato è un riconoscimento al lavoro svolto in grande sinergia con il collega Giandiego Gatta. Quindi, considero l’approvazione di oggi una sorta di promozione di una intera squadra. Per questo, sento di dover ringraziare la struttura tecnica che ha lavorato con grande impegno per la redazione di una legge che avesse come perimetro le normative nazionali ed europee; il collega Gianluca Bozzetti del M5S per l’approccio propositivo e per il contributo che ha dato per migliorare il testo.

Unica nota stonata di questo percorso, la presenza di “qualche” soggetto che anziché partecipare e contribuire a migliorare la legge ha remato contro sperando che i lavori si bloccassero sulla base di vere e proprie fake news lanciate sui social, facilmente smascherate e ridicolizzate e di richieste di rinvio a data da destinarsi.

Quanto fatto oggi dimostra che quando si lavora seriamente i “like” li danno i cittadini veri, non quelli virtuali”.



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • Antonio M.

    Un grazie a Giandiego Gatta,forse l’unico che a Manfredonia fa qualcosa per la caccia e i cacciatori………


  • Zar

    Certamente il solo che lavora per il suo territorio. Non l’ho votato e me ne pento. Ho votato pe un fantasma.


  • Redazione

    Nicola Russo: “Attività venatoria, ancora una volta i ritardi della Regione
    penalizzano chi rispetta le regole. L’assessore Di Gioia intervenga subito”

    “Anche quest’anno la vigilia dell’apertura della stagione venatoria è
    contraddistinta da ritardi che rischiano di provocare disagi considerevoli
    per tutti coloro i quali intendono rispettare le regole. È il secondo anno
    che questi disguidi si ripetono, pertanto rinnovo ancora una volta
    all’assessore regionale all’Agricoltura, Leonardo Di Gioia, l’appello ad
    occuparsi della questione con impegno, attenzione e, soprattutto,
    tempestività.
    Anche quest’anno, infatti, la Regione Puglia non ha ancora materialmente
    trasferito i tesserini alla Provincia di Foggia. Un ritardo che,
    ovviamente, paralizza anche l’attività degli uffici comunali, cui spetta il
    compito di rilasciare materialmente i tesserini a quanti ne abbiano diritto.
    Non è possibile che questi ritardi impediscano a quei cacciatori che
    rispettano le regole, che sono ligi alle norme ed in regola con il
    pagamento delle quote, di non poter esercitare l’attività venatoria.
    È intollerabile che le difficoltà ed i ritardi burocratici si scarichino
    sui cacciatori. Non è possibile che il rispetto delle regole sia,
    paradossalmente, penalizzato.
    All’assessore Di Gioia chiedo formalmente di intervenire per risolvere
    questo problema, tutelando chi intende esercitare l’attività venatoria con
    precisione e nella piena e totale legalità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi