Foggia
"Il risultato dei play-off non aveva scalfito questo nostro convincimento"

Curva Nord “Foggia pretende rispetto”

"A lasciare il Foggia a chi vuole battersi per Foggia. Quest’anno non aspetteremo marzo per farci sentire"

Di:

Foggia. Striscioni e cori per giocatori, allenatori e dirigenti, non rientrano nelle nostre abitudini. Eppure è lì, nero su bianco. E risale a non più di un mese e mezzo fa. “Per un futuro migliore, De Zerbi allenatore”. Ci eravamo espressi senza remore, a viso aperto. Per rendere il giusto tributo all’uomo di calcio e non solo. Per rendere pubblico il nostro sostegno all’idea di puntare alle vittore attraverso l’amore per la città e la maglia.

Il risultato dei play-off non aveva scalfito questo nostro convincimento. Ma quanto successo in queste ultime ore – l’esonero di De Zerbi, certe chiacchiere di troppo da parte di qualcuno, la minaccia di rescissione del contratto di alcuni tesserati – ha duramente messo alla prova se non il nostro desiderio di crederci, di certo la nostra pazienza. Non abbiamo mai sopportato, e di certo non cominceremo a farlo adesso, i beceri teatrini messi in scena sulla passione dei foggiani. Non accettiamo che si manchi di rispetto impunemente ad una piazza già duramente provata dalla mancata promozione e da un inferno che dura continuativamente da quasi venti anni. Non ci interessano le consorterie, così come ripudiamo il gossip da bar dello sport. E questa non è una presa di posizione a favore dell’uno o dell’altro personaggio di questa farsa. Quanto, piuttosto, un monito: attenzione a quel che fate. Tutti. Perché Foggia merita serietà e professionalità, se non amore e attaccamento. Tra due settimane comincerà il campionato che siamo chiamati a vincere. Tutti coloro che non sono sicuri di poter dare il cento per cento, di volersi impegnare al massimo per questi colori, è invitato a farsi da parte e ad andar via. A lasciare il Foggia a chi vuole battersi per Foggia. Quest’anno non aspetteremo marzo per farci sentire.

(Curva Nord Franco Mancini – Foggia)



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati