Manfredonia
A cura di Pascalonia

A facce de Frecone


Di:

S’aviss’a vedì a Frecone,
aggirete u ponde candone
e subbete cange stréde.

Ne llu guardanne mbacce,
a longa sije, ca ne nghéde…
ò pèrse ogne retègne.

D’a sèrjètà ò pèrse u sègne
ne nn’éje addu mètte lla facce.

Dice:” E che cose ji… Musè?
ca doppe avite lli tavele

a facce ce facètte lucènde
e a guardarle, nu svenemènde?”

No! Cche dice? A llu cundrarje…
Jisse ce sènde nu premarje…

A chépe a tene a feleture
e quala luce…quèdde fé schife,
nu mostre, ò pèrse ogne fejure,
ma cchjù, proprje chjù de tutte
a ffurje de fé quiddi cose
c’ji fatte zezzose e bbrutte.

Pascalonia

Il viso di Frecone

Se tu dovessi
vedere Frecone,/ gira l’angolo/ e subito cambia strada./Non lo guardare in
viso/ lontano sia, che non cada…/ ha perso ogni ritegno./ Della serietà ha
perso i segni (significati),/ non ha dove porre il viso./

Dici: “che cosa è,
Mosé?/ che dopo ricevute le tavole (10 comandamenti)/ il viso si fece lucente/
e a guardarlo si acciecava?”/ No, che dici, a contrario,/ lui si sente un
primario./La testa ce l’ha come un tappo (di sughero),/ e quale luce, quella fa
schifo,/ un mostro, ha perso ogni figura (umana),/ ma di più, proprio più di tutto,/ per la voglia di fare quelle
cose,/ si è fatto sporcaccione e brutto.

A facce de Frecone ultima modifica: 2017-08-17T09:29:40+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi