Capitanata

Cerignola, tirocinio invece di detenzione per 20 cittadini

Di:

Rete sociale (if.deatmins)

Cerignola – UN tirocinio formativo di 12 mesi come misura alternativa alla detenzione per favorire il reinserimento sociale di 20 persone sottoposte a provvedimenti restrittivi della libertà personale. E’ il progetto che l’Ambito Territoriale di Cerignola, insieme al Consorzio Elpendù (soggetto attuatore del progetto) e alla Sia, che fornirà supporto organizzativo, realizzerà a partire dal 23 settembre, sfruttando le opportunità offerte da una iniziativa della Regione Puglia, l’Avviso Pubblico 6/2011, con il quale la Regione stessa intende perseguire le finalità previste dall’Asse III Inclusione Sociale del P.O. FSE Puglia 2007 /2013 e contribuire al conseguimento dell’ obiettivo prioritario “ Poverty/social exclusion”. Un piano declinato all’interno della nuova “Strategia Europa 2020”, che prevede di diminuire il numero di persone a rischio di povertà e di esclusione sociale e per la cui realizzazione la Regione si affida ai 45 Ambiti Sociali Territoriali presenti nel suo territorio. Così come gli altri, il progetto riguardante l’Ambito di Cerignola – del costo di
227.968 euro – è finanziato per il 50% dal Fondo Sociale Europeo
, per il 40% dal Fondo Rotazione quale contributo pubblico nazionale, e per il restante 10% dalla Regione.

Stamane, in una riunione tenutasi nella sede del Cercat, a Cerignola, l’Ambito ha definito operativamente i dettagli dell’intervento. Le 20 persone in questione – 10 a Cerignola, 4 ad Orta Nova, 2 a Stornara, Stornarella e Carapelle – saranno impegnate da lunedì prossimo nella raccolta differenziata dei rifiuti nei diversi comuni. Per quanto riguarda i dieci soggetti destinatari dell’ intervento nel territorio di Cerignola, la competenza della scelta è toccata agli Uffici di Esecuzione Penale Esterna di Foggia e Bari, per il tramite della Magistratura di Sorveglianza.

“E’ un modo per agevolare il loro ritorno nella comunità civile – spiega il Sindaco di Cerignola, Antonio Giannatempo -. L’ obiettivo di questo intervento è dunque creare le condizioni per favorire l’inclusione sociale di persone che evidentemente si sono macchiate di colpe anche gravi, evitando che rimangano esposte al rischio della precarietà e della marginalità”.

“ A mio avviso – sostiene l’assessore ai Servizi Sociali Rosario Spione – il lavoro all’esterno delle carceri per il recupero spirituale e sociale dei detenuti è il vero unico antidoto alla sfiducia che regna intorno a questo mondo. Le persone a cui viene data l’opportunità di ricostruirsi una vita, lo dicono lo statistiche, scelgono in massima parte di non tornare a delinquere”.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi