ManfredoniaMattinata
Intervento della Capitaneria di Porto

Manfredonia – Mattinata, ferito in mare durante Regata: d’urgenza a Casa Sollievo

Al momento dell’incidente l’unità si trovava al traverso di Baia delle Zagare

Di:

Manfredonia. Nella tarda mattinata di oggi 17 settembre 2016, verso le 12.55 circa, perveniva alla sala operativa della Capitaneria di porto di Manfredonia, segnalazione telefonica tramite il numero blu 1530 della Guardia Costiera, con cui si rappresentava che a bordo di una imbarcazione da diporto a vela partecipante alla regata GARGANO Summer Race era avvenuto un incidente a seguito del quale un membro dell’equipaggio era rimasto ferito, a causa di un forte urto contro il boma dell’unità durante le fasi concitate della gara.

Al momento dell’incidente l’unità si trovava al traverso di Baia delle Zagare

.

Da qui, si è disposta l’immediata uscita della dipendente Motovedetta Search and Rescue CP 820, che arrivava in brevissimo tempo sul posto, assistendo e scortando l’unità a vela fino al suo rientro presso il porto turistico “Marina del Gargano”, ove -contestualmente- il personale di servizio della Guardia Costiera Sipontina aveva fatto dirottare una ambulanza del 118 con personale medico specializzato. Verso le ore 14.40, circa dopo l’arrivo dell’unità all’ormeggio, al ferito sono state prestate le prime cure da parte del personale medico arrivato sul posto e successivamente trasbordato a terra e trasportato d’urgenza all’Ospedale di San Giovanni Rotondo.

redazione stato quotidiano.it – riproduzione riservata



Vota questo articolo:
8

Commenti


  • michele

    all’infortunato. “BUONA GUARIGIONE”
    Ha conosciuto il BOMA.
    C’è un detto che dice: ” E’ COME IL BOMA, SE LO CONOSCI LO EVITI” anche perche potrebbe essere molto ma molto pericoloso ( riferito anche a persone)


  • Pasquale Ciuffreda

    A voi tutti un abbraccio,allo sfortunato un augurio di pronta guarigione


  • Montanarointrasferta

    Buona guarigione allo sfortunato navigatore.
    Un plauso alla barca vincitrice della regata Indigo e al suo equipaggio.
    Bisogna riconoscere i meriti dei vincitori.


  • SkipperOne

    trofeo vinto poi con strane manovre. poco meritato. saluti dal mare e da uno che in mare aperto non ha rivali. ciao sig. michele


  • Nerone

    Pronta guarigione. La cosa più importante.
    Vista come è finita la regata…Non è tutto oro quel che luccica. Alcune cose da rivedere. Comunque da lontano si son viste cose strane.


  • cccill

    questi vano giranto con le barche e noi ci moriamo di fame e poi si fanno male che percarita del signore nostro che ha me mi dispiace pero dico io statevi ritirati a casa che non succede che poi la recata la vinda una barca che non e nemmeno di manfredonia mi sempra saluti


  • Belfagor

    L’invidia rode e chi si libera dei pesi inutili è più leggero


  • AmicodelCardinale

    I commenti sono un po’ spiazzanti. Ritengo che lo sport debba prima di tutto insegnare i valori della lealtà, della condivisione, della ricerca dell’uomo nel suo essere fisico, psichico e morale. Io in questi commenti ci leggo solo invidia, pressapochismo, superficialità e mancanza di rispetto per gli altri e per sé stessi. Detto questo, auguro buona guarigione al malcapitato e mi congratulo con l’equipaggio di Indigo per la vittoria, in quanto segno di gioco di squadra, volontà e passione. E nessun può sindacare su questo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati