Cronaca

Bari, antimafia: sequestro beni per 300mila euro a componente clan

Di:

Controlli Guardia di Finanza (st)

Bari – MILITARI del Nucleo di polizia tributaria guardia di finanza di bari, in collaborazione con il servizio centrale investigazione sulla criminalità organizzata (scico) di roma, hanno sequestrato beni mobili ed immobili riconducibili a Giuseppe Bruno di anni 36, per un valore di circa 300 mila euro. Si tratta di un soggetto indagato nell’ambito dell’operazione “leonessa”, condotta circa un anno fa nei confronti del clan mafioso “Dambrosio” di Altamura (Ba). A suo carico risultano reati di associazione a delinquere di stampo mafioso, omicidio doloso, occultamento di cadavere, detenzione illegale di armi e di similuzione di reato.


I sequestri dei beni sono scaturiti dai complessi accertamenti patrimoniali condotti dagli investigatori del G.i.c.o. di Bari – con l’ausilio di speciali sistemi informatici (il noto applicativo “molecola”) sul tenore di vita delle persone coinvolte nelle indagini e dei loro familiari conviventi che hanno consentito di dimostrare la sproporzione tra i redditi dichiarati dal bruno giuseppe e le disponibilità allo stesso direttamente e indirettamente riconducibili. I beni sequestrati, costituiti da 1 immobile e dalle sue pertinenze siti in Altamura (ba) e da 2 autovetture, sono stati affidati ad un amministratore giudiziario nominato.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi