Manfredonia

Pompilio: “fine crisi amministrativa, il documento”

Di:

Il sindaco di San Giovanni Rotondo, Luigi Pompilio (st)

San Giovanni Rotondo – COME è noto, quattro consiglieri comunali (2 del PDL e 2 del gruppo “Agire Insieme – Uniti per San Giovanni”) hanno chiesto al Sindaco la sostituzione del Presidente del Consiglio Comunale, essendo venuta meno la fiducia nei suoi confronti. Successivamente a tale richiesta, i medesimi consiglieri avevano ribadito con un proprio comunicato reso pubblico, il malessere che da tempo avvertivano alcuni cittadini verso l’amministrazione e di cui, insieme a tutti i rappresentanti delle forze politiche si erano fatti interpreti, con la sottoscrizione di un documento comune già alcuni mesi addietro.

Nonostante l’intervento del Sindaco per indurre il Presidente pro-tempore a tener conto del rischio che correva l’intera amministrazione comunale e, quindi, a dimettersi, dando un apprezzabile segno di responsabilità, con la rinuncia dell’incarico, lo stesso non ha inteso accogliere l’invito e inopinatamente ha dichiarato che lasciava la maggioranza che pure l’aveva eletto, mantenendo nel contempo l’incarico. Il Sindaco ritiene che questo sia un comportamento da condannare e ne prende formalmente le distanze.

Nella recente riunione di tutta la maggioranza si è sottolineato che “è imprescindibile la necessità di ricomporre il quadro politico, rimarcando la ferma volontà di riprendere il cammino con il sostegno esclusivo della maggioranza eletta, in rispetto alla decisione dell’elettorato sangiovannese; tutti i consiglieri comunali hanno dichiarato il forte senso di responsabilità verso la città, considerata la criticità del momento sia politico che economico”.

Inoltre, “con auspicato rinnovo dello spirito di appartenenza a questa maggioranza, si vuole rilanciare l’azione amministrativa per raggiungere nel breve periodo alcuni obiettivi di primaria importanza, quali: il riordino della struttura burocratica comunale; Il raggiungimento del valore percentuale della raccolta differenziata per evitare l’aumento pesante della TARSU; la cantierizzazione di interventi tampone per limitare i danni e i disagi prodotti dagli allagamenti; la realizzazione di un numero di loculi cimiteriali per fronteggiare l’emergenza, in attesa di definire un ampliamento cimiteriale sufficiente per le esigenze della nostra comunità; la realizzazione di un check-point condiviso possibilmente con gli operatori turistici della città”.

“I suddetti obiettivi dovranno essere raggiunti entro la fine dell’anno in corso e, in vista di tale scadenza, si organizzerà un incontro pubblico per illustrare alla cittadinanza i risultati conseguiti e gli impegni futuri. Il presente documento è condiviso da tutti i consiglieri comunali e dalle forze politiche di maggioranza”, dice il sindaco Pompilio.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi