Regione-Territorio

Vaccini, Balduzzi “2,3 milioni le dosi ritirate”

Di:

Il ministro alla sanità Balduzzi (st)

Roma – “IL blocco di tutti i lotti di vaccino antinfluenzale prodotti dall’azienda farmaceutica Crucell è stato predisposto cautelativamente dall’azienda stessa prima della loro distribuzione. Nessuna dose del suddetto vaccino, dunque, è stata mai messa in circolazione”. E’ quanto ha precisato con una nota il Ministero, confermando il ritiro di una parte dei vaccini antinfluenzali prodotti per la campagna di vaccinazione 2012.

“Il Ministero della Salute assicura dunque che non vi sono rischi per la salute e che quello che ora si sta affrontando soltanto un problema organizzativo per reperire anche sul mercato estero da parte delle aziende produttrici tutte le dosi necessarie di vaccino antinfluenzale. In Italia annualmente vengono utilizzate tra 10 e 12 milioni di dosi di vaccino antinfluenzale. Inoltre si sottolinea che l’azienda produttrice dei vaccini in questione non è tra le prime che riforniscono il mercato e che i vaccini sono estremamente controllati. I controlli sono ferrei e quando si rileva un problema, che può accadere, perché comunque si tratta di prodotti biologici, le aziende ritirano non solo i lotti sospetti, ma l’intera produzione. È una misura precauzionale che viene sempre adottata, quando si individua anche solo un minimo rischio”.

Molto critico il Codacons sulla vicenda dei vaccini della Crucell ritirati in via precauzionale dal mercato. “Vogliamo chiarimenti urgenti dal Ministero della Salute e dall’Aifa – spiega il Presidente Carlo Rienzi – in particolare riguardo al numero di soggetti cui è già stato somministrato il vaccino InflexalV, agli eventuali rischi legati all’assunzione del prodotto e alle misure che le autorità sanitarie intendano prendere a tutela di costoro”. “Alla luce degli ultimi eventi, i cittadini che si sono già sottoposti al vaccino in questione possono avanzare richiesta di risarcimento danni, anche in assenza di conseguenze negative per la salute, solo per i rischi corsi – prosegue Rienzi – In tal senso il Codacons fornirà la dovuta assistenza legale a tutti gli interessati”.

L’associazione esprime poi forti critiche in merito alle vaccinazioni che avvengono in Italia, le quali spesso rappresentano un inutile “regalo” alle aziende farmaceutiche. “Basti pensare al caso dei vaccini pediatrici obbligatori, iniettati sottoforma di vaccino esavalente nonostante la legge ne preveda solo 4, con un spreco di denaro pubblico pari a 114 milioni di euro all’anno”.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi