FoggiaManfredonia
Convegno a Foggia, sabato 22 ottobre, dalle 10.00 alle 13.00

Sudact, Taranto (Ugl): “Agroalimentare tra sviluppo e conservazione del territorio”

Sala Rosa Palazzetto dell’Arte - via Galliani 1

Di:

Foggia. Agroalimentare, tra sviluppo e conservazione del territorio: ingredienti base di competitività. Proposte condivise a confronto in convegno è il titolo di una delle tappe del ‘SudAct – 8 priorità per rilanciare il Mezzogiorno’ che sabato 22 ottobre alle ore 10.00 farà tappa a Foggia – dopo aver percorso tante città del Mezzogiorno – presso la Sala Rosa del Palazzetto dell’Arte in via Galliani 1.

“Esponenti del mondo istituzionale ed accademico – spiega Gabriele Taranto, segretario dell’Ugl di Foggia e organizzatore dell’evento -, insieme ai rappresentanti delle organizzazioni sindacali e delle associazioni di categoria, faranno sintesi intorno ad un tema caro alla Capitanata e a tutta la regione Puglia, perché risorsa vitale e volano del ‘Made in Italy’ nel mondo”.

Il dibattito sarà moderato dalla giornalista del Corriere del Mezzogiorno, Antonella Caruso. Il programma prevede alle 10.00 l’avvio dei lavori con il saluto del segretario dell’Ugl Foggia, Gabriele Taranto, e il report illustrato dal Presidente dell’Iper, Istituto per le ricerche economiche e sociali dell’Ugl, Stefano Cetica. Oltre ad esponenti del mondo politico-istituzionale, degli Enti pubblici e dell’associazionismo di categoria, interverranno al dibattito la Vicepresidente della Commissione Lavoro della Camera dei Deputati, On. Renata Polverini (FI), la componente della Commissione Agricoltura della Camera, l’On. Colomba Mongiello, l’assessore regionale all’Agricoltura, Leonardo Di Gioia, il docente di Storia dell’Industria presso il Disum–Università di Bari, Federico Pirro, il Presidente di Confindustria Foggia, Gianni Rotice, e il Presidente della Camera di Commercio di Foggia, Fabio Porreca.

Conclude i lavori il segretario generale dell’Ugl, Francesco Paolo Capone, per il quale “la filiera agroalimentare è penalizzata dalla grave mancanza di un’adeguata industria di trasformazione dei prodotti, dalle lacune della rete infrastrutturale e dalla conseguente assenza di una piattaforma di distribuzione in grado di far circolare efficacemente la merce sul territorio nazionale e all’estero”.

redazione stato quotidiano.it



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati