Foggia
"Si vedevano costretti a versare una tangente di 50 euro a camion per prevenire danni agli autoarticolati"

“Racket del pomodoro a Foggia”: 5 condanne

"L’indagine, condotta dalla Squadra Mobile foggiana e coordinata dalla DDA di Bari, ha accertato numerose estorsioni consumate dal gruppo criminale, guidato da Roberto Sinesi, ai danni di autotrasportatori"


Di:

Foggia, 17 ottobre 2017. SONO 5 le condanne stabilite stamani dai magistrati della seconda sezione penale del Tribunale di Foggia in danno di altrettanto soggetti accusato del reato di concorso in estorsione aggravata dal metodo mafioso, in seguito alle indagini nell’ambito dell’operazione “Saturno“, con la quale la “polizia di Foggia ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere (..) nei confronti di sei appartenenti al clan malavitoso foggiano dei Sinesi-Francavilla”. Lo si apprende da raccolta dati.

“L’indagine, condotta dalla Squadra Mobile foggiana e coordinata dalla DDA di Bari, ha accertato numerose estorsioni consumate dal gruppo criminale, guidato da Roberto Sinesi, ai danni di autotrasportatori che, in attesa di trasportare il pomodoro all’interno della ditta conservificio Princes per la successiva lavorazione e trasformazione, una volta entrati nel parcheggio antistante l’azienda, si vedevano costretti a versare una tangente di 50 euro a camion per prevenire danni agli autoarticolati”.

La sentenza di condanna riguarda: “Roberto Sinesi classe 1962, ritenuto il capo dell’omonima batteria foggiana, condannato a 12 mesi di reclusione. Dieci anni a Cosimo Giardiello classe 1972 e Luigi Speranza classe 1970, 8 anni a Raffaele La Tegola e 5 anni e 6 mesi a Luigi Biscotti.”

“Racket del pomodoro a Foggia”: 5 condanne ultima modifica: 2017-10-17T18:35:49+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi