Manfredonia
"Noi chiediamo normalità, Noi chiediamo una vera Società un vero progetto calcistico"

Tifosi Manfredonia “Non scherzate con 85 anni di storia”

"Siamo ancora ultimi perché dopo il pareggio interno di Domenica, tutto ancora tace, anzi le parole post-gara del Direttore Sportivo sono molto preoccupanti e non fanno ben sperare"


Di:

Manfredonia, 17 ottobre 2017. ”La pazienza è finita e di conseguenza è arrivato il momento di farsi sentire. Sono giorni particolari per il calcio sipontino. Siamo ad Ottobre e come tutti sappiamo, 85 anni fa fu fondata l’As Manfredonia, squadra che da allora rappresenta la nostra città a livello calcistico. 85 anni di gioie e di dolori, 85 anni di tradizione e passione, 85 anni che hanno unito varie generazioni. Ora si spera che tutto questo non finisca”.

E’ quanto scritto in un testo a firma “Quelli sempre presenti in casa e in trasferta”.

Ormai da qualche anno a questa parte siamo costretti a subire frustrazioni e umiliazioni che non auguriamo a nessun tifoso al mondo. Anche quest’anno il presidente si è lamentato di non farcela, di essere solo e di essere stato abbandonato dalla politica e dagli imprenditori locali, ma adesso che siamo sul punto di non ritorno a chi dobbiamo chiedere spiegazioni?!? Chi deve dirci perché si è partiti senza una vera programmazione? Chi sono i “dirigenti” che devono metterci la faccia?

Ci sono dirigenti?
Dopo 5 sconfitte consecutive pareggiamo con Aversa e Pomigliano e lasciamo l’ultimo posto in classifica. Non siamo più’ gli ultimi della classe o forse si!?!

Noi ci riteniamo ancora tali, anche se ai ragazzi che scendono in campo va tutto il nostro rispetto, nonostante i limiti fisici e tecnici ci stanno mettendo anima e cuore. Siamo ancora ultimi perchè non abbiamo una VERA SOCIETA’ che dopo due pareggi consecutivi dovrebbe rassicurare l’ambiente e il proprio staff tecnico.

Siamo ancora ultimi perché dopo il pareggio interno di Domenica, tutto ancora tace, anzi le parole post-gara del Direttore Sportivo sono molto preoccupanti e non fanno ben sperare.
Il copione sembra ormai simile a quello degli ultimi 5 anni con la differenza che quest’anno la classifica è demoralizzante, cosa che credevamo difficile con l’arrivo di pedine dal nome rassicurante arrivate in riva al golfo non certo per opera dell’attuale società capitanata da Antonio Sdanga. Infatti in virtù di questa indefinibile situazione, questa Società è costretta a dipendere ormai da anni dalle promesse della politica.

Promesse che non vengono mantenute, forse perché non conviene? Non si vuole? Non si deve? Questo non è dato saperlo, fatto sta che gli imprenditori del posto sembrano aver dimenticato la squadra della loro città, di cui si vantano di sostenere. Il risultato è che un’intera tifoseria vede da anni mortificata la sua legittima voglia di esser fiera della propria squadra. Viene meno ormai qualsiasi aspettativa che possa accendere quell’entusiasmo che questa piazza merita. Sta così morendo lentamente l’ultimo baluardo dell’aggregazione sociale cittadina, muore così quel sentimento di appartenenza, anche tra i più giovani, che solo il calcio sa dare. Muore, sotto lo sguardo impassibile di chi ha la possibilità e non fa nulla, un pezzo di storia della città. Noi chiediamo normalità, Noi chiediamo una vera Società un vero progetto calcistico.
Siamo stanchi dei silenzi,delle mezze verità, vogliamo chiarezza!

NON SCHERZATE CON 85 ANNI DI STORIA”, la conclusione del testo.

Tifosi Manfredonia “Non scherzate con 85 anni di storia” ultima modifica: 2017-10-17T17:29:39+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
11

Commenti


  • Ex tifoso Manfredonia calcio

    Sino a quando ci sarà quello sponsor sulla maglia e ai bordi del rettangolo di gioco, piuttosto che entrare nel miramare mi faccio fucilare. Dal 15 dicembre 2016 ho cancellato dal mio cuore decine di anni di attaccamento all’ex squadra del cuore.


  • Dino

    E’ vero la storia non si dimentica, ma a volte scelte sbagliare incidono sulla tifoseria, sia ultras , sia per chi vede dei valori nei colori della squadra del cuore e questi valori non possono essere comprati con un panettone..
    Io farei un passo indietro e individuerei il responsabile,per non sbagliare più, quando il Manfredonia gareggiava nella seri C, chi vi ha ridotto in questo modo e perchè?
    Allora nell’attesa di capire chi è il vero responsabile, aspettate tempi migliori e se anche il Manfredonia tornasse nella terza categoria, tifate lo stesso la squadra,non i risultati,forse acquisterete nuovamente quei valori persi che il calcio una volta dava, il rispetto e la coesione con le persone.


  • Cantalupo di maggese

    Se il calcio a Manfredonia dev’essere una arma del potere politico e imprenditoriale per raggiungere scopi personali e politici allora è meglio partire dalla terza categoria.


  • Valentino

    85 anni, prima a 85 anni si moriva è giusto ora comprare una bara e fare il funerale. Tre giorni di pianto e poi tutto passa. Politica? Non basta ciò che il comune regala al Manfredonia? Sapete quante famiglie potrebbe aiutare o quante buche tappare? Ora i politici più che promuovere la vendita null’altro possono fare.
    Questo vuole solo essere da stimolo x carità è la voce del popolo, “vox populi vox dei”

    Piuttosto si tirasse una linea, azionariato popolare via gli stipendiati dentro la primavera e avanti anche a costo di andare indietro. Siamo seri i bei tempi qui sono finiti bisogna tirare la cinghia e chi tiene i denari li tiene stretti.
    Ho vissuto momenti unici in curva, poi tutto fini per tante ragioni ma il pensiero c’è sempre stato.
    Agli ultras, ai miei amici, suggerisco di trovarvi voi il presidente prima però uscite dallo schema dove ultras=violenza=discriminazione=scontro=ignoranza calcistica ecc ecc . Se vendete voi, il vostro cuore, la vostra passione, il vostro amore x quella maglia qualcuno si innamorerà di voi.

    Un campo in terra battuta va tutti i giorni curato.


  • Zuzzurellone Sipontino

    Carissimi amici tifosi, perché non cominciate a contribuire anche voi, al sostegno della squadra? Con un azionariato popolare, con contributo minimo di 10 euri? Come il glorioso Barcellona? Sempre voglio, voglio, chiediamo, e…… l’lluv chi l’acciacch?


  • C'era una volta la curva sud

    Niente abbonamento, niente biglietto niente stadio….che pena e che tristezza notare che la curva sud non ci sono più gli striscioni degli ultras ma quella del gas. Davvero un peccato perchè una volta andavo in curva o con l’abbonamento o con il biglietto e mi divertivo pure..ora detesto tutto ciò che orbita attorno alla squadra di calcio…subii davvero uno choc quando capii che volevano usare il calcio per piazzarci qualcosa di strano a Manfredonia e senza la nostra volontà. Se andassi allo stadio di Manfredonia e come se facessi l’amore con un donna con l’arnese procreativo floscio…e con il mal di stomaco a causa dell’odore nauseando sprigionato dal corpo della donna…


  • C'era una volta la curva sud

    Niente abbonamento, niente biglietto niente stadio….che pena e che tristezza notare che la curva sud non ci sono più gli striscioni degli ultras ma quella del gas. Davvero un peccato perchè una volta andavo in curva o con l’abbonamento o con il biglietto e mi divertivo pure..ora detesto tutto ciò che orbita attorno alla squadra di calcio…subii davvero uno choc quando capii che volevano usare il calcio per piazzarci qualcosa di strano a Manfredonia e senza la nostra volontà. Se andassi allo stadio di Manfredonia e come se facessi l’amore con un donna con l’arnese procreativo floscio…e con il mal di stomaco a causa dell’odore nauseante sprigionato dal corpo della donna…


  • DOMENICO

    SE NON VI STA BENE QUESTA SQUADRA
    SE NON VI STA BENE LA DIRIGENZA
    PERCHE’ CONTINUATE AD ANDARE LA SQUADRA IN CASA E IN TRASFERTA?
    FATE LA PROTESTA PIU’ CIVILE CHE C’E’ NON ENTRATE ALLO STADIO E LASCIATELI AL LORO DESTINO, SINO A QUANDO VOI NON FARE COSI SARETE SEMPRE NELLO LORO MANI! BURATTINI DELLA DOMENICA!


  • il s@aggio

    Chi tifa enerdoniagas non ama la sua città.


  • L'olocausto inutile della bellissima scogliera

    Vi siete mai chiesto chi fossero i finanziatori del calcio ai tempi della serie C?


  • Sergio

    85 anni di storia bruciati anzi gasati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi