Manfredonia

Manfredonia C5, si dimette mister Gianni Valente

Di:

Manfredonia – IN una nota stampa l’ASD Manfredonia C5 comunica le dimissioni irrevocabili dell’allenatore Gianni Valente. “Mister Gianni Valente, subito dopo la vittoriosa gara con il Putignano, comunicava le sue intenzioni al Presidente Matteo Pacilli il quale si è subito attivato per cercare di comprendere le ragioni che avessero spinto lo stesso a manifestare la sua volontà. La scelta della società di non divulgare la notizia in settimana è stata dettata dall’esigenza di riconciliare la frattura con il mister, che è divenuta insanabile soltanto nella giornata di giovedì sera: a questo punto appariva oltremodo lesivo del precario equilibrio all’interno dello spogliatoio, diffondere sui vari siti internet e sui giornali tali notizie tra il venerdì e il sabato, a poche ore di distanza dall’incontro con il Futsal Barletta.”

“La società, precisa inoltre che, a dispetto di quanto evidenziato nell’articolo della Gazzetta del Mezzogiorno del 15/11/2014 non vi è stata alcuna forte divergenza tra il Mister e la Società tale da indurre il primo a rassegnare le proprie dimissioni: non dimentichiamo che Mister Gianni Valente, alla prima esperienza in serie B, è stato assecondato sulla scelta dell’Allenatore in II nonché preparatore dei portieri, sig. Francesco Casolaro, e sulla scelta dei calcettisti foggiani, nonostante questi ultimi non avessero esperienze nella categoria cadetta, senza alcuna forma di ostracismo alcuno, credendo che tali scelte fossero finalizzate al bene della squadra biancoceleste”.

“Ad ogni buon conto l’A.S.D. Manfredonia C5 ringrazia il Sig. Gianni Valente per l’impegno profuso sin ora augurando allo stesso un futuro ricco di soddisfazioni sportive”.

Redazione Stato

Manfredonia C5, si dimette mister Gianni Valente ultima modifica: 2014-11-17T11:16:19+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
8

Commenti


  • aldo

    Dissidi con la presunzione del capitano della squadra che li comanda…che ce ste!


  • aldo

    (secondo il lettore,ndr) il capitano cotrufo ha influenzato le scelte..


  • Nokia

    Aldo, l’hai scritto due volte per rimarcare il tuo pensiero che giusto o sbagliato è legittimo, siamo pur sempre in democrazia, ma dovresti sapere che chi comanda una società è un presidente, ed a scendere la scala gerarchica, il capitano ha l’ultima parola, ed in questo caso ci sono state delle dimissioni. Notizie parlano di un malcontento generale, dovuto alla poca esperienza del coach in alcune situazioni, rapportate alla categoria, e più volte forse fatte notare; a conferma di questo fatto, mi vengono in mente le parole di uno dei famosi e cosiddetti “tirapiedi” durante una gara, il quale recitava così :”Mamm, st’allenator nn capisc nu ca…..”, e se lo dicono loro che remano sempre contro la squadra del loro paese, e scusa se è poco! Spero di aver chiarito un tuo dubbio,affinchè si smetta di additare in tutte le occasioni sempre la solita persona, assolutamente ininfluente in questo caso; una tendenza ormai diffusa, il più delle volte fatto per invidia, o per diverbi passati, ma non un comportamento da adulti. Forza Manfredonia.


  • Legnasanta

    Mica si è dimesso per i commenti e le Chiacchiere da bar


  • Nokia

    Nemmeno per il volere di chi ogni volta viene additato gratuitamente.


  • aldo

    Nokia, purtroppo parlo con cognizione di causa, e non con il qualunquismo becero di chi ne approfitta per remare sempre contro!


  • Nokia

    Aldo, ti assicuro che non è come credi. Poi sei libero di pensarla come vuoi. Ciao.


  • nokia

    Parlo perchè sono informato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi