Manfredonia
Campagna d’informazione promossa dallo Spi Cgil di Foggia

Manfredonia, truffe online in aumento, Polizia Postale chiude

La preoccupante crescita dei reati informatici e telematici è stata confermata, durante l’incontro svoltosi a Palazzo Celestini

Di:

Manfredonia – CI sono truffe che colpiscono tutte le fasce della popolazione, sono quelle messe a segno telefonicamente e, con crescente frequenza, anche i raggiri perpetrati attraverso internet. Si è discusso anche di questo, venerdì 14 novembre, nella tappa manfredoniana di “Non ci casco!”, la campagna d’informazione promossa dallo Spi Cgil di Foggia in collaborazione con Auser, Federconsumatori, Silp Cgil e Ficiesse.

“In tutto il Paese”, ha spiegato durante il suo intervento Tommaso Delli Paoli, segretario nazionale SILP-Cgil (Sindacato Italiano Lavoratori Polizia) “i dati ci dicono che sono in aumento le truffe telematiche, ma per tutta risposta il Governo comunica di voler chiudere, in tutta Italia, oltre 60 sedi delle sezioni di Polizia Postale e delle Comunicazioni”.

La preoccupante crescita dei reati informatici e telematici è stata confermata, durante l’incontro svoltosi a Palazzo Celestini, anche dai rappresentanti delle forze di polizia che operano a Manfredonia. Secondo l’Unità ‘Mezzi elettronici di pagamento’ del Gat, il nucleo speciale frodi telematiche della guardia di finanza, ogni anno in Italia le truffe telematiche producono un fatturato illecito pari a circa 800 milioni di euro. Carte di credito e bancomat sono entrati da molto tempo nel mirino della criminalità organizzata. In Italia i bancomat utilizzati correntemente sono poco meno di 40 milioni, mentre le carte di credito si attestano a circa 33 milioni, le prepagate a 9 milioni e a quasi 4 milioni le carte revolving: complessivamente, sono circa 90 milioni le carte bancarie circolanti. Con la crescita esponenziale degli acquisti online, aumentano anche le truffe via internet.

Ancha a Manfredonia è stato presentato “Non ci casco!”, il manuale di autodifesa per gli anziani contro truffe e raggiri. L’incontro è stato patrocinato dal Comune di Manfredonia.

All’iniziativa, presieduta da Michele Spinelli (direttivo Lega Spi Manfredonia) e Franco Persiano, segretario generale Spi Cgil Foggia, sono intervenuti il sindaco di Manfredonia, Angelo Riccardi; Vittorio Cucci, presidente provinciale dell’AUSER; Tommaso Delli Paoli, segretario nazionale SILP-Cgil; Michele Bordo, presidente Commissione Affari europei; Paolo Cascavilla, assessore Servizi sociali della Città di Manfredonia; Maurizio Carmeno, segretario provinciale CGIL; Carmine Lenza, comandante della Guardia di Finanza di Manfredonia; Andrea Miggiano, comandante Compagnia Carabinieri di Manfredonia.

“La nostra campagna d’informazione partita da San Severo coinvolgerà tutta la Capitanata”, ha annunciato Franco Persiano, segretario provinciale dello Spi-Cgil Foggia. L’organizzazione sindacale proporrà ai Comuni l’istituzione di un osservatorio sul fenomeno delle truffe, un’assicurazione e un servizio di sostegno psicologico per le vittime di questa tipologia particolarmente odiosa di reati che colpisce le fasce più deboli”.

Redazione Stato@riproduzioneriservata

Manfredonia, truffe online in aumento, Polizia Postale chiude ultima modifica: 2014-11-17T11:54:46+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Altamar

    Signori potete fare incontri e convegni quanto vi pare, ma la Legge in Italia è un palliativo. Se lo Stato non fa delle legge severe, non dico di tagliare le mani per non far utilizzare la rete, ma quasi, ai voglia ai truffatori ad aver paura! Tanto l’ho sanno che se la passano con il PALLIATIVO.
    Per adesso l’unico modo per non farsi fregare è non acquistare online!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi