Manfredonia

Manfredonia, sequestro di persona, lesioni, minacce con il cane: arrestato 23enne (II)

Una volta immobilizzato, Chiarista Francesco veniva arrestato e tradotto presso il carcere di Foggia

Di:

Manfredonia. Nella mattina del 16.11.2016 i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Manfredonia hanno tratto in arresto Chiarista Francesco, 23enne di Manfredonia, in esecuzione dell’ordinanza restrittiva emessa nei suoi confronti dal G.I.P. del Tribunale di Foggia su richiesta della Procura della Repubblica per i reati di sequestro di persona, tentata violenza privata, lesioni aggravate e continuate e porto abusivo di armi ed oggetti atti ad offendere, dichiarandolo altresì in arresto per il reato di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni aggravate.

I reati contestati a Chiarista Francesco nell’ordinanza restrittiva del G.I.P. si riferiscono alla notte compresa tra il 24 ed il 25 settembre 2016, quando per futili motivi, il ragazzo aveva cagionato a tre giovani, che si erano riunti con alcuni amici in Manfredonia per trascorrere il sabato sera, lesioni personali aizzando contro di loro il suo cane di razza Pittbull che li mordeva, oltre ad accoltellare uno di loro ad un gluteo con il coltello a serramanico che portava con sé. Proprio nei confronti di quest’ultimo, Chiarista esercitava ulteriore violenza, trascinandolo contro la sua volontà all’interno di un locale sipontino dove, una volta in disparte, lo costringeva a denudarsi in parte per verificarne le ferite.

Il Comandante della Compagnia dei Carabinieri di Manfredonia, Capitano Andrea Miggiano (ph saverio de nittis)

Il Comandante della Compagnia dei Carabinieri di Manfredonia, Capitano Andrea Miggiano (ph saverio de nittis)

Mentre portava a spasso il suo cane, Chiarista si opponeva con violenza ai Militari per non farsi arrestare

Il giovane ferito perdeva i sensi e veniva trascinato dal Chiarista presso la sua abitazione, dove la vittima riprendeva conoscenza al sopraggiungere dei Carabinieri (nel frattempo allertati ed intervenuti nel locale Pronto Soccorso dove si erano recati gli altri giovani feriti), che bussavano con insistenza alla porta di casa del Chiarista, chiusa a chiave, senza ottenere alcuna risposta. Chiarista, infatti, simulava la sua assenza e tratteneva la vittima, costretta a rimanere in silenzio e non chiedere aiuto. Le indagini condotte dai Carabinieri di Manfredonia hanno permesso di fare piena luce sull’accaduto e sulle responsabilità di Chiarista Francesco in ordine ai reati a lui contestati e di far emettere all’Autorità Giudiziaria l’odierno provvedimento restrittivo.

L'uomo arrestato dai Carabinieri (17.11.2016)

L’uomo arrestato dai Carabinieri (17.11.2016)

Una volta rintracciato per le strade di Manfredonia mentre portava a spasso il suo cane, Chiarista Francesco si opponeva con violenza ai Militari per non farsi arrestare; uno dei Carabinieri riportava lesioni venendo anche morso ad una mano dal cane, che gli si aizzava contro.

Una volta immobilizzato, Chiarista Francesco veniva arrestato e tradotto presso il carcere di Foggia.

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT – RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
10

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati