Manfredonia
Come stabilito con recente decreto della Prefettura di Foggia

Sicurezza SS89 Manfredonia – Foggia, autovelox mobile nei pressi Amendola

I controlli farebbero riferimento ad un periodo di 2-3 giorni a settimana

Di:

Manfredonia/Foggia. COME stabilito con recente decreto della Prefettura di Foggia, gli operatori della Polizia locale stanno operando dei controlli della velocità sulla Strada Statale 89 – nel tratto Manfredonia – Foggia, prima dell’Aeroporto militare di Amendola – mediante l’utilizzo di un autovelox mobile, posizionato all’interno dell’abitacolo dell’autovettura in dotazione allo stesso comando della Polizia municipale.

L’autovelox indicato si aggiunge a quello da tempo presente nel tratto Foggia – Manfredonia, sempre all’altezza dell’Aeroporto Amendola.

I controlli farebbero riferimento ad un periodo di 2-3 giorni a settimana, con orari non stabiliti, ricordando la segnaletica ‘Controllo elettronico della velocità‘ presente lungo la citata Strada Statale 89, con competenza dell’ANAS SpA.

Si ricorda come il limite ordinario di velocità sulla SS89 è di 90 km/h.

La differenza tra i mobili ed i fissi e i tutor
La differenza tra gli autovelox fissi e quelli mobili sta solo nel fatto che i rilevatori fissi sono installati permanentemente senza necessitare della presenza della polizia, mentre i mobili necessitano della presenza di una pattuglia. I tutor invece calcolano una velocità media in relazione al tratto di strada percorso e questi sono efficienti specialmente in tratti rettilinei come le autostrade, mentre gli autovelox mobili come i telelaser delle forze dell’ordine o anche i comuni autovelox fissi rilevano la velocità istantanea.

FOCUS
Autovelox e Tutor: dove sono? ELENCO POLIZIA DI STATO

Autovelox: come sapere prima dove si trovano? L’elenco aggiornato della Polizia stradale

Autovelox e segnaletica stradale di avvertimento della postazione

Autovelox: cosa cambia e nuove regole per i controlli

Autovelox fissi e mobili: funzionamento

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT



Vota questo articolo:
10

Commenti


  • Lucciola nera di calipso

    Quella strada è le più pericolose d’Italia. Bisognerebbe costruire un’altra strada da adibire solo al transito di tir e camions e cisterne di benzina e gpl.


  • Limite?

    Se vogliamo fare una corretta informazione scrivete anche qual’è il limite di velocità su quel tratto, grazie. (provvediamo, certo, grazie a lei,ndr)


  • verità vera

    BASTA PER FAR SOLDI…PER CHI PUO’ PAGARE


  • Antonino

    Mi sono più volte chiesto, come mai su di una SUPERSTRADA bisogna impegnare una pattuglia della Polizia locale di San Giovanni Rotondo, distante circa 25 km dal proprio paese, e non impegnarsi per L’INCOLUMITÀ de propri concittadini del loro centro?.
    Non sarebbe più giusto fare intervenire, su tale tratto di competenza, la Polizia Stradale?.


  • Il magnaccia della SS89

    Molti sono convinti che il limite è di 90 km all’ora invece parrebbe essere nel tratto dell’amendola di 70 scarseggia la segnalitica.


  • Chi vota SI vota Calendamenale.

    Il bello deve ancora venire!!


  • Uzzo

    Ho notato ieri mattina ,subito dopo Amendola un furgone bianco con un’asta di un paio di metri collocata sul tetto, all’estremità sembrava esserci una fotocamera….sarà questo il nuovo stratagemma inventato dalla Polizia Municipale per fare cassa???
    C’è qualche altro che ha notato la stessa cosa ?


  • Antonello Scarlatella

    Lucciola…
    Facciamo una strada per i camion, una per le biciclette, una per i motorini una per le auto di grossa e media cilindrata.
    Ma oltre il casello di foggia hai mai visto la condizione delle strade d Italia?
    Il problema è lo spartitraffico che dovrebbe essere completato fino alla tangenziale di Manfre. Poi basterebbe fare come fanno sull autobrennero dove i camion non possono sorpassarsi e neanche fare i sorpassi alle auto. Il limite di 90 su quella strada è una cazzata. Dovrebbe essere elevato a 110 con 7/8 autovelox a postazione fissa. A 90 non ci va nessuno……dimenticavo la domenica i motociclisti la usano come pista. Ci sono motociclisti che nel primo tratto sfrecciano a 250km/h. Senza alcun controllo.
    Oltre a qualche controllo in più. All altezza della Camer distributore di carburante tutti i giorni si fanno inversioni ad “U” rischiando una vera e propria strage.


  • lucciola nero di calipso

    Hai ragione rimane il fatto che è trafficatissima, a volte dei clienti che si vergognano di percorre la stradina paralella per contattarmi mi fanno cenno di avvicinarmi e dovre attraversare tutte le 4 corsi per recarmi vicino le auto. Per me il gard rail va benissimo e il problema e che come dici tu corrono come pazzi ma ci sono anche migliaia di pulman e camion un cliente di siponti mi ha detto pure che tra qualche anno addirittura passerannoo pure le cisterne del gas e che secondo lui sarà la strada della morte come a viareggio..sai che cosa fa schifo che io e tante altre che lavoriamo onestamente non ci’ una pensillina dove ripararci in attesa del pulman
    bene o male quando lavoriamo ci portiamo l’ombrello e le foglie dei calipso ci riparano poi nella auto dei clienti ci ripariamo ma se metterebbero qualche pensillina per noi nelle stradina prima Amendola ci farebbero un grande favore a volte passano anche i cani e abbiamo paura d’estate anche i serpenti neri ci passano vicino i piedi non è giusto


  • Alfredonia

    Oggi il vero pericolo sulle autostrade e superstrade, non e’ tanto la velocita’, ma la mancanza di riflessi nella guida di settantenni in poi,, gomme usurate , uso di alcool o droghe, e per finire l’USO DEL CELLULARE, che non se ne puo’ fare a meno.
    E’ mai possibile che un treno possa andare alla velocita’ di 180 km l’ora, e una superstrada Foggia- Manfredonia bisogna percorrerla a 90 km?.
    Secondo un mio parere, questa e’ una delle tante reti famose in tutta Italia, per far fare cassa ai Comuni, creando ulteriori rischi di incidenti da tamponamento, causate da brusche frenate per evitare l’infrazione,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati