Cronaca

Giovinazzo, auto rubate, conflitto a fuoco, 1 arresto

INTERCETTATI in tarda serata lungo la ss16 a bordo di due auto sospette probabilmente pronti per commettere una rapina, nonostante l’alt intimatogli da una pattuglia dei Carabinieri del Nucleo Investigativo di Bari, hanno puntato un fucile a canne mozze contro i militari che hanno risposto alla minaccia aprendo il fuoco con le armi in dotazione


Di:

Giovinazzo – INTERCETTATI in tarda serata lungo la ss16 a bordo di due auto sospette probabilmente pronti per commettere una rapina, nonostante l’alt intimatogli da una pattuglia dei Carabinieri del Nucleo Investigativo di Bari, hanno puntato un fucile a canne mozze contro i militari che hanno risposto alla minaccia aprendo il fuoco con le armi in dotazione. Alla fine l’equipaggio, all’altezza del comune di Giovinazzo, è riuscito a bloccare una delle due auto, una Audi A3 appena rubata nella provincia di Matera, traendo in arresto l’occupante. Si tratta di un 26enne bitontino, già noto alle Forze dell’Ordine, ritenuto responsabile di furto aggravato in concorso e detenzione e porto abusivo di armi.

Nel corso della perquisizione gli operanti hanno rinvenuto e sottoposto a sequestro un inibitore di frequenza “Jammer” e materiale utile al travisamento. Il giovane, su disposizione della Procura della Repubblica di Bari, è stato collocato ai domiciliari mentre sono in corso indagini finalizzate all’identificazione dei complici.

Redazione Stato

Giovinazzo, auto rubate, conflitto a fuoco, 1 arresto ultima modifica: 2014-12-17T14:38:07+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This