Foggia

Tarquinio: finanziamenti 6mila campanili, mistero

Di:

Lucio Tarquinio (consigliere regionale pugliese dal 1990 al 2013, attualmente senatore nel Pdl)

Bari – DAL programma “6mila campanili”, per il finanziamento di opere nei piccoli comuni, previsto un solo intervento in Puglia, ignorati quelli della provincia di Foggia.

«Da informazioni assunte presso il Ministero delle Infrastrutture, il programma di interventi “6.000 campanili” predisposto dal Governo che prevede finanziamenti per i comuni del Mezzogiorno d’Italia, con meno di 5mila abitanti, è in una fase successiva a quella già avviata con il decreto che approvava la graduatoria dei primi 115 progetti, inviato alla Corte dei Conti lo scorso 15 gennaio. Nonostante i proclami dei ministri e di tutto il Governo, la Regione Puglia è risultata destinataria, nell’ambito della prima graduatoria, di un solo intervento finanziato con l’esclusione certa, quindi della stragrande maggioranza di tutti quei piccoli comuni pugliesi, compresi quelli della provincia di Foggia e, in particolar modo, i centri del Subappennino dauno maggiormente bisognosi di provvidenze finanziarie». Lo rende noto il senatore foggiano Lucio Tarquinio, di Forza Italia, nel riferire della battaglia iniziata in Parlamento a difesa delle comunità del Sud dell’Italia. In una interrogazione presentata ieri al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, il parlamentare foggiano chiede infatti di conoscere «quali siano le fonti di copertura a cui attingere per finanziare gli interventi nel Mezzogiorno e quali procedure debbano essere attuate per il loro trasferimento; entro quali tempi sarà reso disponibile l’elenco dei Comuni del Mezzogiorno e della Puglia, beneficiari del programma “6.000 Campanili”».

«Scorrendo la lista degli interventi approvati nell’ambito della prima graduatoria sul programma “seimila campanili” – rimarca Tarquinio – ho notato che la nostra regione, la Puglia, ha visto finanziato un solo intervento. Resta la speranza che altri interventi potranno essere finanziati con le risorse dei fondi comunitari non spesi. Al netto del fatto che i fondi comunitari sono già di competenza delle regioni del Mezzogiorno, ho presentato una specifica interrogazione al Ministro delle infrastrutture per avere delucidazioni e soprattutto per chiedere entro quanto tempo saranno finanziati gli interventi nel Mezzogiorno e maggiori dettagli sulle risorse. Sul tema assicuro fin d’ora il mio costante impegno sul finanziamento degli interventi per il Sud e, in particolare, per dei piccoli comuni del Subappennino dauno».

Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi