Manfredonia
"L'ospedale San Camillo funziona benissimo; ingiusto l'attacco al dr. Giuseppe Totaro"

Manfrini: PO Manfredonia, avanti per riabilitazione e lungodegenza

"Mi auguro di riuscire ad aprire il reparto di riabilitazione nei prossimi 15/20 giorni"

Di:

Foggia – “IL piano di riordino ospedaliero per l’ospedale di Manfredonia è stato rispettato. La lungodegenza è attualmente svolta all’interno di medicina; naturalmente si attende l’apertura del reparto ma il servizio è assicurato. Lo stesso dicasi per la riabilitazione: non più di 20 giorni fa abbiamo svolto una conferenza di servizi a Foggia – alla presenza tra l’altro del dr. Totaro, del capo del dipartimento di riabilitazione, dr. Leonardo Trivisano, della dr.ssa Gualano – per fare il punto della situazione. Mi auguro di riuscire ad aprire il reparto nei prossimi 15/20 giorni, prima del termine del mio mandato. Ricordo che per la riabilitazione c’è stata la necessità di svolgere dei lavori e che sussiste un problema di personale. Solo 6 mesi fa abbiamo ricevuto le deroghe come Asl per le assunzioni. Ripeto: i ritardi per l’apertura sono dipesi dalla necessità di recuperare risorse e personale. Ricordo in ogni modo come totalmente il piano di riordino non è stato attuato in nessuna Asl pugliese, dato che siamo appena ‘usciti’ dalle criticità del piano di rientro. Ritengo estremamente ingiusto l’attacco ricevuto in giornata dal dr. Totaro, direttore sanitario dell’ospedale San Camillo di Manfredonia. Allo stesso il merito di aver operato e di operare quotidianamente per l’efficienza del nosocomio sipontino e non per tenerlo in vita, dato che l’ospedale di Manfredonia funziona benissimo. Abbiamo abbattute le liste d’attesa, stiamo potenziando tutti i servizi; inoltre registriamo la presenza a Manfredonia di uno dei migliori reparti di ortopedia della Provincia di Foggia”.

E’ quanto dice a Statoquotidiano il dg dell’Asl/Foggia Ing. Attilio Manfrini, che ha contattato la nostra redazione in seguito ad un testo pubblicato in serata.

Per la risonanza magnetica e per la disponibilità non fornita ad un medico in seguito impiegato a Monte Sant’Angelo: “Si tratta di uno specialista ambulatoriale che non può lavorare nell’ospedale San Camillo – precisa il dr. Manfrini – ma deve operare nel territorio. Parliamo dunque di un’accusa infondata. E’ stato lo stesso medico che ha deciso di andare a Monte Sant’Angelo. In ogni modo, non vi sono carenze nel reparto di radiologia di Manfredonia”.

Per la dirigenza del reparto di lungodegenza o per ipotetici incarichi esterni in futuro al dr. Totaro: “ricordo – dice Manfrini – che non esiste la possibilità tecnica di fare consulenza all’interno degli ospedali; la legge vieta tassativamente a chi è in stato di quiescenza anche solo di collaborare con il sistema pubblico; diversamente per il settore privato; ripeto: sono tassativamente vietate consulenze retribuite nel sistema pubblico a quanti in stato di quiescenza”.

Sulla nomina e sul lavoro svolto dal direttore sanitario del PO San Camillo dr. Giuseppe Totaro: “non ci sono altri primari nell’ospedale di Manfredonia e non ci sono altri sanitari/clinici in possesso dei titoli per svolgere l’incarico di direttore sanitario. Ricordo che non abbiamo ricevuto la deroga per l’assunzione. Da qui abbiamo conferito l’incarico di direzione complessa ad un direttore di struttura complessa; non c’è alcuna incompatibilità. In verità è il dr.Totaro a favorire la comunità con la propria direzione sanitaria, è il dr. Totaro che si voleva dimettere da tempo, sono stato io a chiedergli di rimanere fino al termine del mio mandato. Inutile nascondere che avrei difficoltà per la sua sostituzione, nel massimo rispetto degli altri sanitari presenti a Manfredonia. Il dr. Totaro ha la mia fiducia totale.”

Futuro: “Sono pronto a venire a Manfredonia ed incontrare l’avvocato Eleonora Pellico, dell’associazione Cittadinanzattiva-Tribunale per il diritto del malato. Naturalmente anche lei può venire a trovarmi quando lo riterrà più opportuno. Dico soltanto che è ingiusto esternare talune affermazioni. E’ sufficiente scorgere l’impegno del dottor Totaro per l’ospedale di Manfredonia. L’auspicio è quello del confronto ma attraverso una reale documentazione dei fatti”.

g.defilippo@statoquotidiano.it



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • pep53

    In verità è il dr.Totaro a favorire la comunità con la propria direzione sanitaria, è il dr. Totaro che si voleva dimettere da tempo, sono stato io a chiedergli di rimanere fino al termine del mio mandato. Ma Ing. Manfrini lei i bip suoi al suo paese proprio no?


  • sipontino

    Manfrini chiaccher ..


  • pep 5e

    Ing. Manfrini le ricordiamo che (secondo il lettore,ndr) nell’ospedale ci sono persone che possono ricoprire quel ruolo e hanno anche i titoli per farlo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi