CronacaStato news
A redigere il ricorso sono state le avvocatesse Maria Antonia Pili e Graziella Cantiello, dell'Aiaf

Negoziazione assistita senza notaio. Primo caso in Italia

Il provvedimento estromette di fatto la figura del notaio, non più indispensabile per questi atti

Di:

(ANSA) – PORDENONE, 18 MAR – Per la prima volta in Italia, il Tribunale di Pordenone ha accolto il ricorso di due legali che hanno chiesto l’autorizzazione alla trascrizione nei registri immobiliari di un passaggio di proprietà nell’ambito di una pratica di negoziazione assistita tra due coniugi in fase di separazione. Il provvedimento estromette di fatto la figura del notaio, non più indispensabile per questi atti. A redigere il ricorso sono state le avvocatesse Maria Antonia Pili e Graziella Cantiello, dell’Aiaf (Associazione avvocati famiglia e minori) rispettivamente presidente Fvg e componente del direttivo nazionale, che hanno definito il provvedimento una “rivoluzione copernicana”.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi