Manfredonia
Dati ufficiali

Referendum, affluenza 40.25% a Manfredonia: 91% SI’

Su 45.671 aventi diritto al voto, si sono recati alle urne 18.381 cittadini


Di:

Manfredonia. REFERENDUM popolare sulla durata delle trivellazioni in mare: l’affluenza a Manfredonia è stata del 40,25%. Su 45.671 aventi diritto al voto, si sono recati alle urne 18.381 cittadini.

2016 REFERENDUM – dati manfredonia

dati tempo reale – ITALIA

Redazione Stato Quotidiano.it – RIPRODUZIONE RISERVATA

Referendum, affluenza 40.25% a Manfredonia: 91% SI’ ultima modifica: 2016-04-18T10:28:21+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
15

Commenti


  • Giuseppe

    Neanche una croce su di un foglio sapete fare!! Massa di ignave pecorelle, utili solo a scaldare sedie di bar e ristoranti o dei vostri salottini mentre guardate partite di calcio, telenovelle, amici e tutta quella spazzatura che riempie le vostre stupide menti inutili!!!! Se per magia, scomparireste domani mattina sarebbe un mondo migliore stupide capre!


  • svolta

    Giuseppe, hai tutta la mia comprensione per le considerazioni addotte, purtroppo ci si deve fare una ragione: l’italiano è un popolo messo in fila…. da chi comanda e fino a quando comanda….


  • Raffaele Vairo

    Sarà banale, stucchevole, non originale ma lo dico lo stesso: “Ogni popolo ha il governo che si merita”; un aforisma assolutamente vero! Come ha recentemente dichiarato l’antropologa Amalia Signorelli, in una puntata televisiva di Servizio Pubblico: “La nostra classe dirigente è un’immagine molto fedele di quello che gli italiani sono. A noi (italiani) piace farci i fatti nostri…”.
    Ormai la questione in argomento non è più educativa e/o culturale ma è diventata “antropologica”. Questo mi rattrista, non per me che ormai sono attempato, soprattutto per i nostri giovani. Tuttavia come mi capita di ripetere, al pessimismo della ragione occorre contrapporre l’ottimismo della volontà!


  • Delusa!

    Il problema per una buona parte dei cittadini di Manfredonia è non capire che la partecipazione attiva ,almeno quando ce ne viene data l’occasione come in questo caso, è fondamentale per noi e per fare in modo che le conseguenze di certe scelte non ricadano sulle future generazioni . Purtroppo c’è troppa ignoranza e superficialità e di questo pagano i cittadini onesti e sensibili alle tematiche che riguardano l’ambiente in cui viviamo.
    Comunque il 40% è una percentuale di affluenza che ,benché insufficiente,lascia dei margini di speranza per il futuro…
    Si può e si deve migliorare!!


  • vittoria gentile

    Comunque sopra la media nazionale. Manfredonia vuole esserci. (non era contro Renzi, era oltre Renzi)

    “Nessuno mi convincerà mai che l’astensione sia un esercizio di libertà democratica, esattamente come lo è la partecipazione. Nessuno mi convincerà che la disaffezione al voto sia legittima e comprensibile. Nessuno mi convincerà mai che la democrazia sia un diritto che non comporta doveri, a volte noiosi, a volte difficili e faticosi”.
    Deborah Dirani
    Donna, prima. Giornalista, poi.


  • Manfredoniattiva

    invitiamo i 17.404 concittadini che hanno votato SI a firmare la petizione ostativa Seveso III noEnergas. Con 17.000 e passa firme il CTR e il MISE dovranno tenerne conto


  • antonella

    Purtroppo gli italiani hanno dato ragione a renzi, bisogna accettare il dato per quello che è, chi governa ha ragione di governare e al popolo fame et circense.
    La sola consolazione per chi a votare è andato, nel bene o nel male, è quella di essere ancora vivi e ragionare con la propria testa in un paese dove la maggioranza ormai possiede solo uno stomaco. Il popolo è morto, viva il popolo.


  • CROCE & Delizia

    Lasciamo stare il resto dell’Italia a cui poco poteva interessare il mare, ma neanche nelle regione che lo hanno proposto si è raggiunto in quorum! Per non parlare dei manfredoniani! Abito vicino ad una sede elettorale e il via vai di persone che ho visto mi ha fatto ben sperare, non che si raggiungesse il quorum nazionale, ma che almeno qui si superasse il 50%.


  • antonio

    io toglierei il diritto di voto a chi non è andato a votare …ricordo che il referendum è davvero l’unico modo di democrazia vera…a chi non ha votato ..servite solo quando vi dovete PROSTITUIRE PER UN VOTO..VERGOGNA!!!!


  • Raffaele Vairo

    Cara Signora Vittoria Gentile,
    il suo commento su quanto ha scritto la giornalista Deborah Dirani, nel suo articolo pubblicato oggi sull’Huffington Post italy circa il mancato raggiungimento del quorum sul referendum in argomento, non rispecchia affatto lo spirito dell’intero articolo e men che meno l’opinione della giornalista. Anzi, il pensiero della stessa sulla mancata partecipazione al voto dei cittadini è esattamente opposto a quello che lei le attribuisce, come è messo in evidenza, anche, dallo stesso titolo dell’articolo: “Ma l’astensionismo non è libertà, è ignoranza democratica”.
    http://www.huffingtonpost.it/deborah-dirani/ma-lastensionismo-non-e-liberta-e-ignoranza-democratica_b_9717854.html
    Lei ha estrapolato un periodo dall’articolo isolandolo completamente dal contesto; il risultato è la mistificazione del pensiero della professionista.
    Forse, lei è stata troppo frettolosa nella lettura dell’articolo.
    Cordialità


  • Mariodoniano

    ignave pecorelle…
    popolo messo in fila…
    Il popolo è morto…

    Non si possono leggere tante scemenze tutte insieme…

    Ma chi è che vi ha eletto a padroni della verità?

    L’unica cosa di cui siete padroni sono l’arroganza e la prepotenza.

    Come scritto sopra da Vittoria, l’astensione dal voto è un esercizio di libertà democratica, esattamente come lo è la partecipazione.

    Io, dopo essermi informato sui Pro e Contro della vittoria dei Si al referendum, ed aver deciso per il NO,
    ho deciso di non andare a votare, perché era chiaro che non andare a significava avvantaggiare i NO.

    Ho deciso in piena libertà, e non devo dare conto a nessun arrogante padrone della libertà della mia scelta.


  • antonella

    Mariodoniano, ci fa piacere che tu ti sia informato, nessuno di noi pretende ne detiene la verità ma non venga a raccontare che non andare a votare, sarebbe come dire no, questa è cialtroneria spiccia, io il mio essere informata, se cosi sono davvero e come cittadina di questo mondo, la mia opinione la esprimo nelle dovute sedi, il
    resto è chiacchiera inutile.


  • vittoria gentile

    Scusi. Su una cosa ha ragione, che sono sempre di fretta a incastrare tutte le mie cose, come non solo io, del resto, faccio.
    Credo che lei abbia completamente ribaltato la mia completa, piena condivisione con quanto scritto dalla giornalista su valore e differenza di partecipazione e astensionismo; le poche righe erano una sintesi: il testo completo rincara la dose e vale la pena di essere letto. Mio figlio che ha tre anni ieri è andato per ben “due volte” a votare, una con il papa e una con la mamma, tanto per dire, perchè comprendesse bene che si tratta di un comportamento che ha un valenza importante cui non ci sottrae. Si figuri. Cordiali saluti.


  • Mariodoniano

    X Antonella.

    Non andare a votare è LEGITTIMO (parole di Napolitano),
    la sua opinione, vale quella di tutti gli altri, e sicuramente non più della mia.

    Saranno cavoli miei (e di chi ha preso la mia stessa decisione) se ho ritenuto che non andare a votare sarebbe stato come dire NO???

    La cialtronerie spicce sono le sue sciocchezze che vuole spacciare per verità assolute.

    Impari a rispettare le opinioni degli altri.

    http://www.ilpost.it/2016/04/14/referendum-trivelle-astensione/

  • Tutti quelli che sono andati a votare ed hanno votato SI, ora mettono in mostra tutta la loro arroganza democratica. State criticando il diritto di voto degli altri perché hanno espresso voto contrario a quello vostro, certo siete dei veri democratici ossequioso soltanto quando i risultati sono a vostro favore. Mi preoccupa il vostro modo di pensare sulla democrazia. Bravi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This