PoliticaStato news
"Non è chiaro neanche se siano state rispettate le distanze dal centro abitato di Mellitto"

Rifiuti, Prometeo 2000. M5S porta le carte in Procura

"Risposta che, fanno sapere i cinquestelle, sarà anch'essa oggetto dell'esposto in procura"

Di:

Bari. “Sul caso del centro di compostaggio Prometeo2000 vogliamo vederci chiaro, abbiamo già pronte due interrogazioni: una parlamentare a firma del deputato bitontino M5S Francesco Cariello ed una regionale. A breve inoltre depositeremo le carte in nostro possesso in procura. Vogliamo fare chiarezza su una vicenda dai contorni fin troppo opachi che mette a rischio, come al solito, il nostro ambiente” lo annunciano i consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle Puglia Antonella Laricchia e Mario Conca. Nel mirino dei cinquestelle le procedure poco chiare attraverso le quali si sono tenuti i processi decisionali: “Chiediamo che venga accertata la regolarità dei permessi dal momento che il sito sorge su un’area di interesse comunitario e addirittura vicino ad una polveriera. Non è chiaro neanche se siano state rispettate le distanze dal centro abitato di Mellitto, che non può essere assolutamente paragonabile a case sparse.” A insospettire ulteriormente i pentastellati ci sarebbe la conferenza di servizi finalizzata ad ottenere delle osservazioni preliminari sul progetto: “Il progetto è stato consegnato il giorno stesso della conferenza di servizi, a coloro che dovevano esaminarlo e fornire un parere. Tuttavia, nonostante su nostra precisa richiesta, sia il comune che l’azienda abbiano manifestato la loro chiara disponibilità a ripeterla, ci siamo scontrati contro l’opposizione di alcuni uffici regionali a cui spetterebbe il compito di riconvocarla, secondo i quali ‘la nostra richiesta non può essere accolta’.”

Risposta che, fanno sapere i cinquestelle, sarà anch’essa oggetto dell’esposto in procura: “Dal momento che il relatore del progetto Prometeo2000 è proprio un ex dipendente della Regione Puglia, ci auguriamo non si stia cercando di proteggere gli interessi di qualcuno a danno della collettività. Ma questo lo lasceremo appurare dagli inquirenti.”



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi questo articolo!