Manfredonia

U pèsce parocche

Di:

Quanne parle e jépre quèdda vocche

assemigghje nu pèsce parocche,

chiche volte, no sèmbe, fa llu sèrje

ca pure tu sì figghje a Marsavèrje.

^^^
Che vogghje dice? Ne llu capisce?

angore na volte a fatte lli strisce.

Pinze ca llu munne ji tutte suzze

e te ne friche e aggire llu cuzze.

^^
Nn’à capite angore? Sté a mesèrje!

Ne nge vede chjù na sicce o nu pèsce,

ogne tande lass’a rècchja nèrje.

^^^
T’add’accorge quanne t’èsse u vuzze.

Che te cride? Pure a ttè t’attocche

nda llu prose nu bbèlle perruzze!

Pascalonia

Il pesce parocca
Quando parli ed apri quella bocca/
rassomigli un pesce parocca,/ qualche volta, non sempre, fa il serio/ ché pure
tu sei figlio a Maria Saveria.// Che cosa voglio dire? Non lo capisci?/ Ancora
una volta hai fatto le strisce./ Pensi che il mondo è tutto uguale/ e te ne
freghi e giri la nuca.// Non hai capito ancora? C’è la miseria!/

Non si vede più o una seppia o un pesce,/ ogni tanto lascia l’orecchio nero (sordo)-// Te
ne devi accorgere quanto ti uscirà il bozzo./ Che cosa credi? Tocca pure a te/
(ricevere) sul sedere un bel foruncolo.



Vota questo articolo:
0

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi questo articolo!