Lavoro

Esodati mai più senza stipendio o pensione. 19 giugno mobilitazione

Di:

(fonte image: lagazzettadellavoro.it)

Domani (19 giugno), giorno dell’audizione del ministro Fornero in Parlamento, si terranno in tutto il Paese i presidi dei lavoratori bancari contro la riforma delle pensioni del governo. Il problema degli esodati e in generale dei lavoratori e delle lavoratrici che rischiano di rimanere senza stipendio e senza pensione è molto sentito. A Roma il presidio si terrà di fronte al ministero del Lavoro, con la partecipazione dei Segretari Generali dei bancari.

“Il Governo e il Ministro del lavoro hanno il dovere di dare una soluzione alla drammatica situazione in cui si vengono a trovare tutti i lavoratori esodati che rimangono senza salario o senza pensione”. Così si esprimono i Segretari Generali dei sindacati dei bancari nel ricordare che domani nelle principali città italiane all’insegna della parola d’ordine “Esodati mai più senza stipendio o pensione“ si terranno presidi unitari proprio per chiedere al Governo e al Parlamento soluzione concrete che evitino il dramma a tante famiglie di lavoratori.

Al presidio di Roma, che si svolgerà sotto il Ministero del Lavoro, parteciperanno i Segretari Generali Gallo (CISL) Megale ( CGIL ) Sileoni ( FABI ) mentre a Napoli sarà presente Masi (UILCA) mentre gli altri segretari nazionali saranno presenti nelle altre piazze.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • maria 51

    Il governo ha il dovere di finanziare i mobilitati che da gennaio 2012 non hanno più un sostegno da vivere, perchè si sono visti con la legge 122/2010 spostare la finestra di un anno, per diverse persone i 36 mesi di mobilità sono finiti al 31/12/2011 e non hanno ne pensione, ne mobilità, è una vera VERGOGNA!!!!!!!!!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi