ManfredoniaMattinata
Dopo l'invito del Premier ai sindaci italiani

Falesie Tor di Lupo e fondi CdA, M.Prencipe scrive a Renzi

Di:

Roma – ADERENDO ad una proposta del premier Matteo Renzi, nell’ambito dello ‘Sblocca Italia’, il sindaco di Mattinata Michele Prencipe ha scritto una lettera all’attuale presidente del Consiglio dei Ministri.

Egregio Presidente del Consiglio Matteo Renzi,
con la presente vengo a rispondere alla lettera da Lei inviata a noi Sindaci in data 2 giugno 2014, in occasione della ricorrenza della Festa della nostra Repubblica.

Anzitutto vorrei manifestarLe, a nome mio e dell’Amministrazione Comunale che ho l’onore di rappresentare, il più vivo apprezzamento per questa lodevole iniziativa, tanto per i fini che la stessa si prefigge di raggiungere quanto per il riconoscimento dell’importante funzione che noi, in qualità di Sindaci, abbiamo oggi rispetto alla tenuta del tessuto sociale di questo Paese.

Il mio nome è Michele Prencipe e da poche settimane ricopro la carica di Sindaco di Mattinata, una località garganica a forte vocazione turistica. Un territorio dalle bellezze naturali universalmente riconosciute. Un paese che non ha ancora sviluppato in maniera piena le sue enormi potenzialità per via di tanti, troppi nodi strutturali irrisolti. Una cittadina che non è ancora stata capace di mettere adeguatamente a sistema le sue energie migliori anche a causa di ingessature procedurali di vario genere che contribuiscono a fiaccarne irrimediabilmente le speranze di addivenire ad un sano processo di crescita che sia al contempo capace di garantire solide prospettive di sviluppo per l’economia territoriale e stabili occasioni di lavoro ai miei concittadini.

Il momento che stiamo vivendo è difficile. La Sua esperienza come Sindaco di una grande città Le sarà sicuramente d’aiuto nel comprendere che la sfida che abbiamo davanti è certamente fonte di gioia, perché tale è il sentimento che deve animare chiunque abbia il privilegio di amministrare il paese dove è nato, ma è al contempo impervia e colma di difficoltà. Le difficoltà di rispondere alle numerose istanze dei cittadini nella consapevolezza, questa sì sinonimo di responsabilità ed avvedutezza, di avere a disposizione risorse finanziarie insufficienti ad articolare politiche efficaci. Una situazione comune a tutti gli Enti Territoriali del nostro meraviglioso Paese. Una situazione che nel mio Comune, che vive una condizione di difficoltà finanziaria certificata, assume connotati e profili di estrema serietà.

È per questa ragione che, prima di procedere nell’elenco dei cantieri fermi e delle procedure bloccate, mi corre l’obbligo di sottoporre alla Sua attenzione una problematica particolarmente rilevante che interessa il territorio del mio paese e che ha investito e continua ad investire in maniera febbrile queste prime settimane di attività come Sindaco. Mi riferisco alla situazione venutasi a creare a seguito dell’ordinanza della Capitaneria di Porto di Manfredonia la quale, successivamente alla redazione del P.A.I. a cura dell’Autorità di Bacino della Regione Puglia per il rischio crollo falesie, ha interdetto la navigazione, la sosta e l’ancoraggio di tutte le unità navali in genere, oltre che la pesca professionale e sportiva, la balneazione e qualsiasi attività connessa all’uso del mare. A scontare gli effetti peggiori sono in particolare gli stabilimenti balneari – compresi quelli a servizio di grandi strutture turistiche la cui attività è già a pieno regime – che nell’attuale quadro sono costretti alla chiusura, pregiudicando l’intera stagione estiva. Una vera e propria spada di Damocle sulle aziende che operano nel comparto turistico. L’attuale impasse rischia di produrre effetti nefasti non soltanto sull’economia del territorio ma anche e soprattutto sui livelli occupazionali che quelle stesse aziende, prossime alla chiusura, sono impossibilitate a garantire.

Egregio Sig. Presidente, sarebbero numerosi i cantieri fermi e le procedure amministrative bloccate che vorrei segnalarLe. Mi rendo conto, tuttavia, che farne un elenco completo sarebbe improduttivo e potrebbe sortire l’effetto inverso rispetto a quello desiderato.

Per tali ragioni mi limiterò ad evidenziarne due situazioni di criticità in particolare che, ove sbloccate e/o accelerate nelle rispettive procedure amministrative, contribuirebbero ad assicurare fondamenta solide alle prospettive di sviluppo del mio paese.

1. Opere di difesa costiera e di Mitigazione e/o Rimozione dello stato di rischio del territorio comunale – Consolidamento e Sistemazione della Falesia in località “Tor di Lupo”;
– Importo progetto: Euro 1.750.000,00 (Euro 750.000,00 + Euro 1.000.000,00);
– Lavori affidati all’impresa ROTICE Antonio di Manfredonia, per l’importo di Euro 853.194,03 oltre Iva;
– I lavori sono stati consegnati in data 21/01/2014;
– Il tempo per l’ultimazione dei lavori è fissato in gg. 365 e sono attualmente sospesi per prescrizione imposta dall’Ufficio Via della Regione Puglia (sospensione dal 01/03 al 31/08);
– Completata procedura Mirweb e richiesta 1^ e 2^ anticipazione alla Regione Puglia pari al 35% del finanziamento accordato;
– Somministrata la 1^ e la 2^ anticipazione da parte della Regione Puglia in data 10/06/2014;
– Attualmente si è in attesa di parere alla Soprintendenza ai Monumenti per adeguamento alle prescrizioni imposte, richiesto nel mese di maggio.

2. Contratto d’Area di Manfredonia 3° Protocollo aggiuntivo – Progetto per il completamento della rete infrastrutturale a servizio delle attività turistiche e produttive previste nel territorio del Comune di Mattinata. Perizia di Variante – Utilizzo Economie.
– Importo Progetto Euro 294.951,44;
– Attualmente acquisito il parere favorevole del Responsabile Unico del Contratto d’Area;
– Il parere espresso dalla Soprintendenza risulta favorevole con prescrizioni che inficiano tutto il progetto.

Colgo l’occasione, a margine dell’elenco poc’anzi delineato, di portare alla Sua attenzione una problematica particolarmente sentita che attiene agli aspetti procedurali e che investe tanto l’attività pubblica quanto quella legata all’edilizia privata. Mi riferisco in particolare all’atteggiamento eccessivamente vincolistico, che non esito talora a definire di puro ostracismo, assunto dalla Soprintendenza e dagli organismi sovracomunali preposti alle molteplici autorizzazioni in area vincolata, il cui modus operandi è sovente eccessivamente cavilloso e contribuisce in maniera pesante ad un vero e proprio blocco dell’iniziativa privata e pubblica ed all’ingessatura di interi comparti produttivi.

Al riguardo, so di poter trovare nella Sua persona un valido interlocutore visto che ha improntato questi suoi primi mesi di Governo ad un percorso di progressivo snellimento della macchina amministrativa. Tra le varie semplificazioni mi pare opportuno evidenziarne una, che era di elementare intuizione, ma che mai nessuno sinora aveva implementato. Mi riferisco alle diverse facilitazioni burocratiche contenute nel decreto “Sblocca Italia” ed in particolare a quella che equipara la durata dell’Autorizzazione Paesaggistica alla durata del Permesso di Costruire. Le chiedo di proseguire con la stessa forza e determinazione lungo il cammino tracciato, nella consapevolezza che minori appesantimenti procedurali non equivalgono ad una babele comportamentale ma sono altresì capaci di ridare fiato e slancio a settori ed economie che vivono una preoccupante fase di stagnazione rispetto alla quale noi Sindaci, con gli strumenti che ci offre l’attuale quadro normativo ed il budget finanziario a disposizione, possiamo fare ben poco.

Nel rinnovarLe il ringraziamento per l’opportunità che mi offre, Le formulo l’augurio di un positivo e proficuo lavoro e l’auspicio che sappia trovare le giuste soluzioni per rilanciare il nostro Paese.
Il Sindaco del Comune di Mattinata
Avv. Michele Prencipe”.

Lo riporta il sito www.mattinata.it

Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi