Scuola e GiovaniStato news

Maturità: Polizia Postale denuncia sito che prometteva soluzioni

Di:

Roma – Impedire l’uso di telefoni cellulari durante le prove di maturità è diventato oramai impossibile, per tale motivo il Ministero dell’Istruzione deve adottare misure drastiche volte a garantire la regolarità delle prove d’esame. Lo afferma il Codacons, commentando la notizia del sito internet denunciato dalla Polizia Postale perché prometteva la risoluzione delle prove ai maturandi durante l’esame di maturità.

“Abbiamo avuto dimostrazione di come l’evoluzione della tecnologia abbia effetti diretti sugli esami di maturità, con le soluzioni delle prove spesso pubblicate sul web poco dopo la diffusione delle tracce, e facilmente consultabili dagli studenti attraverso i telefoni cellulari – spiega il presidente Carlo Rienzi – Per tale motivo il Ministero deve prendere provvedimenti atti a garantire la regolarità delle prove e la parità di condizioni per gli studenti. In tal senso l’unica soluzione possibile è schermare le aule scolastiche, in modo da impedire l’utilizzo dei cellulari e rendere vana qualsiasi pubblicazione sul web delle soluzioni o altri servizi online resi da siti specializzati” – conclude Rienzi.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi