Manfredonia
"Una seconda ambulanza? Costerebbe 350/400 mila euro"

Manfrini: “presto discussione per un’automedica a Manfredonia”

Di: Giuseppe de Filippo

Foggia/Manfredonia – “ENTRO la fine del 2014 ci auspichiamo di approfondire meticolosamente la riorganizzazione del 118 in Provincia di Foggia. E’ del resto un impegno della Regione Puglia, tanto della precedente assessore Elena Gentile quanto dell’attuale Donato Pentassuglia. Nel corso di questi incontri, alla presenza dell’Asl e delle parti interessati, si potrebbe valutare la possibilità di potenziare il servizio a Manfredonia, tanto attraverso una seconda ambulanza quanto, via più percorribile, mediante l’utilizzo in via sperimentale di un’auto-medica”. E’ quanto dice in esclusiva a Stato il dr. Attilio Manfrini, attuale direttore generale dell’ASL di Foggia.

La riflessione segue il recente caso di cronaca avvenuto a Manfredonia, con decesso di un uomo in spiaggia e l’arrivo di un’ambulanza sul posto da Zapponeta a causa della contemporanea indisponibilità dell’unico mezzo di Manfredonia, come di Monte Sant’Angelo e di Mattinata. Da ricordare che non è stata riscontrata la presenza sul posto di un defibrillatore (manuale o semi-automatico) “dispositivo in grado di effettuare la defibrillazione delle pareti muscolari del cuore in maniera sicura, dal momento che è dotato di sensori per riconoscere l’arresto cardiaco dovuto ad aritmie, fibrillazione ventricolare e tachicardia ventricolare”. “I lidi e dunque i gestori balneari – aggiunge a Stato il dg Manfrini – non hanno l’obbligo di dotazione del dispositivo. Come Asl abbiamo dotato la Lega Navale di Manfredonia di un defibrillatore, in seguito ad alcuni corsi di Blsd primo soccorso e tecniche di rianimazione, svolti anche nella sede della Capitaneria di Porto – Guardia costiera locale.”

Da ricordare come nell’aprile 2013, nel presentare l’ordinanza balneare, l’assessore regionale Leo Di Gioia aveva aperto alla possibilità di dotazione di defibrillatori per i lidi pugliesi. “Quest’anno – aveva spiegato l’assessore – l’ordinanza, d’intesa con le organizzazioni sindacali dei balneari, non prevede nuove norme impositive: abbiamo scelto la continuità nelle norme per garantire un piano certo di regole per gli operatori.Ma abbiamo voluto iniziare una sorta di moral suasion nei confronti dei gestori per avviare innovazioni senza imporre nulla per legge. Ad esempio, in alcune aree stiamo prevedendo che si avvii il wi-fi pubblico, e vogliamo che d’intesa con l’assessorato alla Sanità e quindi con il 118 e con gli operatori degli scooter d’acqua Emersanmare si possa implementare il servizio di soccorso, prevedendo l’uso in molti lidi di defibrillatori con personale addestrato all’uso. I defibrillatori potranno essere utilizzati, nel caso, anche sul territorio”.

Ma ad oggi non vi sono stati innovazioni nel servizio.

“Un’idea – dice a Stato il dr.Manfrini – potrebbe essere quella di un acquisto del dispositivo da parte dei lidi con utilizzo da parte dei bagnini, previo corso propedeutico. Del resto il prezzo di un defibrillatore sarebbe accessibile a tutti”.

Relativamente al potenziamento del servizio di 118: “ricordo – dice ancora Manfrini – che chi dispone l’utilizzo delle ambulanze non è l’Asl di Foggia ma la centrale operativa del 118, presso gli ospedali Riuniti. Ripeto: il servizio va potenziato, si tratterebbe di inserire un’altra automedica,dopo quella già istituita in via sperimentale a Mattinata. Del resto non faremo altro che condividere quanto disposto con le linee guida della Regione Puglia. A riguardo ho anche pubblicato una manifestazione d’interesse dell’Asl per l’istituzione di un’auto – medica anche nella zona del Nord Gargano. Si tratta di un mezzo utilissimo e che consentirebbe di spostare il medico nei casi di codice rosso, impegnando al contrario l’ambulanza per codici di minore rilevanza, così evitando l’indisponibilità dei mezzi. Inoltre, ricordando la competenza regionale, possiamo effettuare delle sperimentazioni del servizio in alcune zone rispetto ad altre. In considerazione delle criticità emerse per Manfredonia dobbiamo adeguarci e stabilire in merito”.

Di certo la soluzione auto-medica nel centro sipontino sembrerebbe più facilmente percorribile rispetto ad una seconda ambulanza: “è una questione di costi – dice il dr. Manfrini – per un’ulteriore ambulanza H24 si parlerebbe di 30mila euro mensili tra costo di personale (5 medici, 5 autisti-soccorritori, 5 infermieri) oltre ad un leasing ad esempio di 2500 euro mensili per il mezzo. Totale 350-400mila euro annui”. E per l’automedica? “Ci sarebbero da sostenere i soli costi di un autista soccorritore ed un medico, moltiplicati per 5, con possibilità inoltre di potere spostare un medico da un’ambulanza all’automedica. Ricordo infine – conclude Manfrini – che il servizio 118 in Puglia funziona egregiamente, da esempio per l’intero territorio italiano”.

“Bisogna precisare – dice a Stato il Comandante della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Manfredonia, CP Marcello Notaro – che la Capitaneria interviene unicamente su mare, con competenza sul territorio del personale del 118. Nel Nord Gargano, mediante il servizio 118 Mare, possiamo contare sulla presenza di personale paramedico con l’ausilio dei mezzi condotti dalla guardia costiera ausiliaria, protezione civile. Per quanto riguarda il potenziamento del servizio di assistenza e soccorso credo sia fondamentale una discussione più ampia mediante tavoli monotematici alla presenza delle diverse parti interessate, a cominciare dalla Regione Puglia, che si è posta come missione l’assistenza sanitaria tanto su terra quanto su mare”.

g.defilippo@statoquotidiano.it

Vota questo articolo:
26

Commenti


  • Pippo

    Ma scusate l’obbligo del defibbrilatore non lo prevede il c.d Decreto Balduzzi del 18/03/2011 in tutti i luoghi pubblici e quindi anche negli stabilimenti balneari? E poi dovrebbe essere anche una questione di coscienza e serenità’ da parte dei gestori dei lidi.


  • Mi fate schifo

    rifuggiarsi dietro un dito. quanti utenti ha la lega navale? Quanti la spiaggia, libera compresa?
    DIMISSIONI IMMEDIATE DI QUESTI AMMINISTRATORI PER MOTIVI ETICI. VERGOGNATEVI, CON LO STIPENDO CHE PRENDETE OLTRE I 160.000 EURO ALL’ANNO DOVRESTE PAGARLO DI TASCA VOSTRA IL DEFIBRILLATORE DA 1000 EURO. SONO SCHIFATA


  • rita

    e come al solito ci doveva scappare il morto!


  • Cittadino Anonimo Indignatissimo

    Non siete capaci di mettere d’accordo dei titolari di stabilimenti balneari…figuriamoci sè sareste capaci di mettere in piedi un serio programma sul turismo a Manfredonia e tutto il suo litorale??????!!!!!
    La verità e che ognuno pensa al suo giardinetto di casa e al suo guadagno stagionale e del resto chi se ne frega,salvando qualcuno che ci mette della buona volontà ma che non basta,in quanto serve la volontà di tutti i stabilimenti balneari di Manfredonia e di Siponto e solo così,si potrà un giorno evitare che accadessero queste tragedie umane che colpiscono tutti…anche voi e i vostri amici e conoscenti….pensateci bene e rifletteteci un pò !!!!!
    Anni addietro un certo MICHELE C. del corpo volontari della CRI, aveva evidenziato tali pericoli e rischi per i cittadini che frequentano i lidi balneari e non solo quelli,in caso di malori e problematiche di salute varie….aveva ragione lui se oggi accadono ancora questi dolorosi eventi luttuosi e dove l’uomo non riesce a intervenire per tempo,nella speranza di salvare la vita al prossimo!!!
    In virtù di tutto ciò,è giunto il momento di rivedere tutta la situazione sanitaria del caso e INTERVENIRE IMMEDIATAMENTE affinchè tali disgrazie NON ACCADANO PIU’….MAI PIU’ E CONFIDIAMO NELLA BUONA POLITICA PER RIDARE FIDUCIA E SICUREZZA AI CITTADINI IN DIFFICOLTA’ DI SALUTE !!!! Buon lavoro e evitiamo in futuro di vergognarci di essere cittadini di questa città e di questo paese !!!


  • Antonello Scarlatella

    Una citta’ come Manfredonia in estate dovrebbe prevedere un presidio fisso di pronto soccorso solo per il mare. E’ inaudito che una costa di circa 6 km ove ci sono migliaia di persone al mare non siano assistite da un presidio mobile di pronto soccorso e uno mobile di ordine pubblico. Dott. Manfrini lei queste cose le sa meglio di me in quando un manager della sanita’. Si faccia un giro in altre citta’ ad alta ricezione turistica e si rendera’ conto che questo e’ il modo di operare. Non giochiamo a nascondino Manfrini, per i servizi estivi (chiaramente a pagamento) si possono coinvolgere le misericordie, e altri possessori di autoambulanze E’ chiaro che questo e’ un servizio a pagamento. Mi rendo conto che i mezzi economici sono pochi. Credo che comunque il problema dei fondi sia generalizzato anche ad altre citta’. Loro hanno il servizio pero’. Resta inteso che una citta’ come Manfredonia non puo’ stare con uno o due mezzi e con pochissimi operatori per giunta BRAVISSIMI “mi giungono voci, sottopagati”. Il vero problema Manfrini e’ la politica. Intanto un povero cittadino e’ morto a 65 anni, per le distrazioni da parte di chi dovrebbe organizzate al meglio il servizio pubblico. Le chiedo, da cittadino, ci risparmi almeno l’ offesa di dover leggere che “forse” a Manfredonia vi sara’ un automedica, oltre a tutti i ringraziamenti ed interessamento di rito di politici di destra e manca. QUANDO AVRETE STABILITO CHE MANFREDONIA AVRA’ UN’AUTOMEDICA O UNA AMBULANZA, e fisicamente sara’ attivato il servizio, allora lo comunichi alla popolazione. Basta slogan.


  • M.angela

    La seconda autoambulanza ha si un costo ma sicuramente porta enormi benefici. Mentre i vostri esagerati stipendi portano benefici solamente alle vostre tasche……. Vergognatevi politici, dirigenti sanitari e amministratori. ..


  • Indignato

    Ma come ancora con queste benedette automediche? Ma si, fra poco si andrà a votare per le regionali e questa carissimo Direttore e solo propaganda.
    Signori l’automedica non risolverebbe mai e poi mai il problema, perchè purtroppo il mezzo si muoverebbe solo ed esclusivamente suoi codici rossi e sempre accompagnata da un ambulanza di supporto. Quindi si sguarnirebbe sempre il territorio, con due mezzi impegnati su uno stesso soccorso.


  • Antonio Lurdo

    Ha pensare che questi pseudo politici come la Gentile li votano pure..speriamo che nn succeda mai nulla a chi vota questi, sarei curioso di vedere come reagirebbero.. poche parole buon intenditore.


  • picachu

    AL SIGNOR SINDACO E TUTTI GLI ALTRI ..CHE LO SEGUONO TROVATE LA SOLUZIONE PER FAR RIPARTIRE L OSPEDALE DI MANFREDONIA PERCHE E UNO SCHIFO VERGOGNOSO,NON PENSATE A FARE I ..VOSTRI LE VOTAZIONI SI STANNO AVVICINANDO,AVETE FINITO


  • Domenic

    Ma perché non rimuovere quella inutile Lega Navale e ridare un pezzo di mare ai cittadini e attrezzando quel punto per il primo soccorso durante i mesi estivi?


  • Franco

    Non resta che sperare in un malore di qualche parente di un politico o dirigente sanitario per vedere velocizzare tutto…


  • Cittadino

    Carissimo ing. Manfrini le vostre idee nn sono chiare,l’automedica nn serve a un c…. Xke x trasportare un paziente in un pronto soccorso c’è bisogno sempre del supporto dell’ambulanza…allora nn sarebbe meglio aprire una seconda postazione nn medicalizzata??? Poi riguardo i costi le somme sono quelle ke avete citato ma vi siete informati i volontari cioè soccorritori e infermieri quanto prendono??e gli altri soldi ke fine fanno?? ..


  • Carlo

    Caro dott. Manfrini, non credo che bisognava aspettare un” altro caso d”infarto dovuto al ritardo di intervento di un”autombulanza che, piu” volte, doveva arrivare da altri paesi. Non ci vuole :una laurea per immaginare che chi si sarebbe trovato in questa sfortunata situazione, non poteva contare su un eventuale aiuto medico. Il costo di uu servizio di pronto intervento di un autobulanza, non e” che lo deve venire a fare a Manfredonia, citta’ a cui ci avete gia’ tolto vari reparti ospedalieri, per aggiungerli altrove a vostro piacimento, ma tale attenzioni mirate al RISPARMIO SANITARIO, le dovreste tenerle in quei settori dove piu” volte abbiamo sentito di sperperi di denaro … Comunque resta sempre il diritto di tutti i cittadini, di qualsiasi territorio italiano, ad avere la sicurezza di un pronto intervento immediato, a prescindere dalla causa che abbia provocato il ritardo, e spetta al RESPONSABILE DIRIGENZIALE risolvere questi problemi, altrimenti fareste una bella figura, dimettendovi e fate spazio a chi potrebbe risolvere certe problematiche.


  • Maria Arciuolo

    Manfrini ora cosa chiuderai con la scusa che devi trovare i soldi per L’ambulanza? Chirurgia? Medicina interna? A Manfredonia si e’vissuta una penosa estate per chi ha avuto a che fare con l’ospedale. Strizzati come limoni medici e infermieri che hanno cercato in tutti i modi di mettere pezze alle mancanze del l’asl. Non possono parlare altrimenti sai dove li trasferiscono? Però da cittadina madre di tre figli ringrazio gli operatori ma questo signore NO.


  • zago

    Ovviamente poi tutte queste autoambulanze con medico infermiere autista soccorritore, due a Manfredonia, una a Zapponeta, una a Mattinata con automedica ed una a Monte Sant’Angelo per un totale di oltre 20 persone a turno si riverseranno come una armata brancaleone tutti nel ps di Manfredonia,dove a fronteggiarli ci sarà 1 medico fresco di laurea e 2/3 infermieri. Ma fatemi il piacere !


  • Indignato 118

    Salve…purtroppo è successo l’inevitabile!!!purtroppo noi operatori del 118 abbiamo più volte evidenziato le problematiche e i disagi che si manifestano ogni volta che operiamo!!!e la gente per rabbia colpevolizza noi operatori del 118!!purtroppo non siamo noi a decidere quale soccorso debba avere la priorità,chi ci coordina e’la centrale operativa 118 di Foggia!!!siamo stanchi di sentire le solite favole….i soldi ci sono ma vengono impiegati per altro….come ad esempio l’automedica a mattinata!!!!uno spreco immane e poi manfredonia ke esegue più di 3000 uscite annue(dati documentabili) ha solo un’ambulanza!!!e purtroppo noi operatori non abbiamo ancora il dono ubiquità!!!!e poi ci pagano una miseria…non siamo volontari!!!siamo lavoratori!!!!purtroppo il giro di soldi è troppo appetitoso…e non si pensa alla vita della gente!!!cittadini ribellatevi a tutto questo!!!non é giusto per nessuno perdere la vita solo perché non vi sono mezzi a sufficienza!!!BISOGNA RIORGANIZZARE IL SISTEMA 118!!!


  • luigi

    Con una citta’ di quasi 60.000 abitanti e raddoppiandoli d’estate, e’ mai possibile che dobbiamo avere una sola ambulanza? ce ne vorrebbero 2 di sicuro e 3 l’estate!!! con l’automedica che ci facciamo? non puoi trasportare un ‘urgenza, a meno che la persona e’ morta e la rinchiudi nel cofano…


  • vigliacco

    Vedo tutti commenti costruttivi,e ringrazio la redazione per l attenzione e la sensibilità mostrata sia per questo episodio che quello dell incidente stradale.Mi sorge invece il sospetto che i sindacati,i tribunali dei diritti… e il sig sindaco non hanno preso alcuna posizione o lasciato comunicati in merito?sbaglio o fino a qualche settimana fa se volava una mosca si facevano polemiche a non finire……..!!!!!!siete al mare , in vacanza o COSA?LA GENTE NON è STUPIDA!è finita la guerra personale?i problemi c’erano e ci PER LA sono cosa è cambiato?????grazie RED LA DISPONIBILITà ALMENO voi non siete in ferie……


  • Chi li ha visti i politici?

    sono tutti in un’isola greca dell’adriatico, dove la maggior parte di un villaggio turistico è di proprietà manfredo… pardon italiana.
    Altri sono in affari in Croazia. Altri in barca stabile alle Tremiti. A cena si ritrovano in quel famoso locale sulla spiaggia di Mattinata, per non farsi mancare la benedizione di un monsignore


  • gigi

    perche non si fa un presidio di 118 al Luc,..a…Sindaco Sveglia…..e ti vuoi anche ricandidare???


  • Redazione


  • tony

    tutti si lamentano della carenza qualitativa dell’ospedale di Manfredonia , ma se siamo stati i primi a boicottarlo ??? quanti sono nati a Fg , S.G.Rotondo ? quanti si operano a Foggia ? e allora di cosa parliamo ? di come indurire l’acqua?


  • semprevigile

    Fin quando a Manfredonia ci saranno degli “ONASSIS politici…” & C. questo e tutt’altro ci meriteremo anche per il futuro. A proposito chi sarebbe l’Onassis Manfredoniano che (avrebbe,ndr) un’isola greca nel mar Adriatico… …


  • Antonello Scarlatella

    Solo quelli forti di stomaco potranno leggere la tabella di sotto. E’ sconsigliata la lettura alle persone irascibili ed ansiose. Potrebbero diventare violente.

    http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/campania/media/fissi/pdf/Bari_stipendi_ok.pdf

    Considerate che molti di questi illustri PROFESSIONISTI percepiscono anche altri compensi. Da pensione, da attività professionali, ecc ecc.


  • Carlo

    Per Tony: non e” come dici, perché se un reparto funziona e ha medici scrupolosi, non andiamo da nessuna parte. I miei tre figli sono nati tutti e tre a Manfredonia e siamo stati soddisfatti dell”assistenza avuta. Ultimamente abbiamo un reparto di gastr…. dove vengono assistiti da altri comuni, questo succede quando ci sono medici preparati e li permettono di lavorare con serenità, lasciando da parte il POTERE POLITICO e l” egoismo personale.


  • Aòmachisaraimai?

    Ma ci rendiamo conto? Prima la maggioranza dei manfredoniani grida a gran voce la chiusura del nostro nosocomio e poi addita la nostra sanità di mancanza di mezzi? Fate pace con il vostro cervello! Il sig. Manfrini dovrebbe dimettersi da dirigente ASL .. I soldi ci sono e anche molti, visto che per Cerignola ci sono anche per il fantomatico ELIPORTO,Credo inutilizzato, e per l’UTIC o come la volete chiamare, ma anche per il centro nascite, etc. tutte realtà inutili se le esaminiamo con gli stessi criteri che usarono per quelle di Manfredonia!Diciamo la verità, sig. Manfrini e sig.ri amministratori di palazzo S.Domenico, non ve ne .. di dotare di defibrillatori i nostri stabilimenti balneari e vi nascondete dietro leggi vari, mentre l’ostacolo si potrebbe superare concedendoglieli, in maniera provvisoria, per il periodo estivo! Per ciò che riguarda l’auto medicata, è un paliativo perchè in caso di urgenza può solo prestare le prime cure ma non può trasportare un paziente in ospedale, a meno che non lo trasporti sul tettuccio!
    Manfredonia, città morta che cammina!
    mèh, buona fine estate!

    ….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli correlati