Cronaca

Foggia, escrementi cani in strada, multe a padroni

Di:

Cani randagi. (Fonte immagine: ansa.com)

Foggia – A passeggio per le strade della città, facendo continui slalom tra i “regalini” che i cani, “grazie” all’educazione dei loro padroni, lasciano sui marciapiedi. Basta fare un giro per le zone centrali della città, come via Trieste, oppure per il centro storico, ma anche per quei pochi e malconci parchi cittadini (area Pantanella “docet”), o per le zone di periferia, per notare la presenza di deiezioni canine non solo sui marciapiedi ma anche nelle aree verdi in cui giocano i bambini!

A sottolineare la grave questione è l’avvocato foggiano Eugenio Gargiulo, che esorta e sprona l’amministrazione comunale di Foggia ad effettuare controlli più capillari ed a sanzionare con multe quei comportamenti incivili eventualmente ravvisati.

“Uno dei problemi più diffusi e discussi – afferma l’avv. Eugenio Gargiulo – in tema di decoro della città è quello delle feci canine e, comunque, della sporcizia dovuta a comportamenti scorretti da parte di chi possiede i cani. Non sarà di certo il problema più grave del degrado delle nostre città, ma è , tuttavia, rilevante”. “La questione – spiega ancora l’avv. Gargiulo – va posta nei seguenti termini: chi vive con un cane ha il diritto di portarlo a fare i propri bisogni fuori casa e possibilmente in spazi verdi; chi passeggia in città o nei parchi ha l’altrettanto diritto di non imbattersi frequentemente nelle deiezioni canine e di trovare i marciapiedi puliti. Trovare il giusto equilibrio tra le varie esigenze è possibile. Occorre anzitutto educare e sensibilizzare tutti i cittadini, senza criminalizzare chi possiede un cane e affidarsi semplicemente al buon senso civico di tutti”.

“L’amministrazione comunale – evidenzia l’avv. Gargiulo – con tale intento ha, infatti, prescritto e varato una norma, all’interno del regolamento comunale per la gestione dei rifiuti urbani: “obbligo delle rimozioni delle deiezioni animali su aree pubbliche”, per cui “i proprietari ed i custodi di cani e di altri animali sono tenuti ad evitare che l’animale depositi i propri escrementi sulle aree pubbliche, munendosi di appropriati mezzi di raccolta delle feci emesse dagli animali stessi”.

In sintesi, coloro che possiedono un cane hanno l’obbligo di rimuovere gli escrementi del loro animale su area pubblica ed in particolare sui marciapiedi, sulla pavimentazione stradale e nelle zone attrezzate per i bambini. Occorre pertanto munirsi di apposita paletta, provvedere alla rimozione delle feci del cane e depositare le feci, introdotte in appositi involucri, nei cassonetti stradali. Il Regolamento di Polizia Urbana, prevede, infatti, per i trasgressori una sanzione di ben 103,29 Euro!

(A cura dell’Avv. Eugenio Gargiulo del Foro di Foggia)



Vota questo articolo:
3

Commenti

  • E ci voleva una nuova norma comunale per obbligare un cittadino a non insudiciare con le feci del suo cane le strade, le piazze, i marciapiedi, le aiuole e le vite dei concittadini?
    Ma non esiste uno spirito di autodisciplina, una società civile, un comportamento socialmente condiviso e difeso?
    Resto sempre più convinto che no siamo tutti uguali.
    No, non siamo tutti uguali.
    Gustavo Gesualdo
    alias
    Il Cittadino X


  • Grazie Stato quotidiano

    Ci voleva un Garciulo anche a Manfredonia
    Bravo avvocato, a Manfredonia bisogna fare gli slalom per evitare le deiezioni che infestano marciapiedi, viali e strade con signori e signore arroganti che girano anche con 4 cani di grossa taglia e senza preoccuparsi di raccogliere gli escrementi e con le forze dell’ordine che se ne sbattono e il Comune il luogo di punirli gli manda gli attrezzi a casa a questi maledetti incivili che comunque gli attrezzi inviati dal sindaco li usano per altri scopi e non quelli di pulire le strade e le aiuole insozzate.


  • Gino Libeccio

    Ha ragione l’avv. Eugenio Gargiulo, è diventato impossibile camminare lungo i marciapiedi del quartiere Ferrovia di Foggia, senza fare lo slalom tra le cacche dei cani lasciate lì dai loro proprietari. Intervengano subito sia il Comune , sia i Vigili Urbani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi