Cronaca

Luna Park Andria, associazioni: “rifiuti ovunque, ma non dei giostrai”

Di:

Luna Park Andria, associazioni: “rifiuti ovunque, ma non dei giostrai” (st)

Andria – QUELLO della raccolta dei rifiuti all’interno dei mercati periodici è sicuramente un problema che è sempre esistito e che con gli attuali metodi di prevenzione, di controllo e di repressione difficilmente trova soluzione. Sarà per il numero eccessivo di operatori mercatali, sarà la disomogeneità tra orario di lavoro e inizio del servizio di raccolta o anche a causa dell’assenza di un vero e proprio servizio di prevenzione e di repressione che rende questo problema ancora non risolto.


Associazioni.
“A parte qualsiasi inutile e puerile tentativo di giustificare coloro che non rispettano le minime norme civili per la corretta raccolta e deposito dei rifiuti (che poi sono quasi esclusivamente buste in carta o plastica e imballaggi in cartone) quello che ci preme fare, invece, è giungere alla soluzione definitiva del problema.

“Da parte nostra abbiamo ampiamente dimostrato con iniziative che sono rimaste documentate e che hanno interessato più di un mercato della provincia, che un mercato pulito è possibile, quindi possiamo solo fare tesoro di quella esperienza e metterla a disposizione di tutti. Ho letto l’intervento di Legambiente Andria e questo pomeriggio ho dialogato telefonicamente con il presidente dell’Associazione riferendogli che il prossimo giovedì 20 settembre, alle ore 16,00, l’argomento sarà posto in discussione nella riunione che si terrà presso l’Ufficio Commercio del Comune di Andria, alla presenza dei rappresentanti delle Associazioni di Categoria e dei Consumatori, della Dirigente del Settore Sviluppo Economico che ha convocato la riunione e dei Settori Polizia Municipale e Ambiente e Mobilità”.

“Proprio in quella riunione – ha continuato Savino Montaruli di Unimpresa Bat– sono certo che ci sarà un impegno collettivo e collegiale per affrontare un problema che in realtà esiste anche se ad Andria molti passi in avanti sono stati compiuti e comunque l’area mercatale è talmente vasta con un numero di operatori e consumatori talmente elevato che i problemi sono proporzionati quindi vanno affrontati non sporadicamente ma in maniera continuativa e costante. In quella sede chiederemo che ad ogni operatore venga distribuito il numero adeguato di bustoni per la raccolta dei rifiuti, cosa avvenuta due anni fa e non si è ripetuta oltre a una riduzione della tassa rifiuti che rimane elevata e deve essere riparametrata al raggiungimento dei nuovi obiettivi della raccolta differenziata”.


“Fondamentale, inoltre, sarà allestire nell’area mercatale dei punti di raccolta che chiederemo vengano attivati in modo che non si verifichi la spiacevole situazione di vedere rifiuti prodotti da un operatore essere trasportati dal vento o da altri agenti estranei sul posteggio di altri operatori. Sono convinto – ha concluso Montaruli – che anche con i suggerimenti degli amici di Legambiente Andria e di quanti vogliano dare un contributo di idee e di operatività, mettendo da parte appellativi offensivi che con tanta facilità e disinvoltura spesso vengono elargiti per identificare genericamente un’intera Categoria la quale, invece, nella quasi totalità numerica, ha in più circostanze dato lezione di civiltà anche ai tanti avventori che, sempre indisturbati ed impuniti, nel mercato gettano ovunque volantini, cartacce, involucri, bottiglie e altri tipi di rifiuti personali che dovrebbero depositare negli appositi cassonetti, dove e quando ci sono, ma che invece lasciano sparsi ovunque facendo si che si uniscano a quelli disseminati da parte di alcuni commercianti sporcaccioni, che pure ci sono e dai quali, come in altre circostanze, anche questa volta prendiamo le distanze”.

“Dalle immagini riferite, l’area del luna park come si presentava ancora oggi pomeriggio, al termine della Festa Patronale, è qualcosa di inguardabile e quei rifiuti non li hanno prodotti i giostrai”.


Redazione Stato



Slide



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi