Manfredonia

Relazione G.Caratù (MeC) su “mozione Dicembrino” (Le domande)

Di:

Moderati e Centristi per Manfredonia, il capogruppo Matteo Troiano, il presidente Giovanni Caratù (Copyright STATO)

RELAZIONE del presidente di Moderati e Centristi, Giovanni Caratù, sulla cd “mozione Dicembrino”, attuale Amministratore Unico dell’Ase Spa, municipalizzata del Comune.


IL TESTO

“Sig. Presidente, Sig. Sindaco, Sig.ri Consiglieri,
la mozione che ci accingiamo ad esporre, se approvata dal Consiglio, tenderà a diradare” alcuni aspetti delle partecipate.

“L’A.S.E. s.p.a. – dice Caratù – soprattutto non è al passo con i tempi sulle nuove sfide che una società specializzata deve avere in campo ambientale; riteniamo altresì che nell’azienda esistono competenze e professionalità che vengono mortificate da una gestione non all’altezza dei compiti. Ciò premesso, siamo convinti e cercheremo di darne conto che nel bilancio 2011,” si potrebbe essere “alterato – dice Caratù – il risultato di gestione. Tanto è vero che il bilancio consolidato del comune e quello dell’A.S.E. hanno notevoli difformità, pur operando tutti e due gli enti con un principio di prudenza indicando nei bilanci costi/impegni e ricavi/entrate di pertinenza 2011 difformi tra di loro”.


“Di qui le considerazioni che ci hanno portato a presentare l’allegata mozione chiedendo al Consiglio il voto favorevole nell’interesse della cittadinanza tutta. Chiederemo comunque, essendo noi espressione politica, l’autorevole parere della Procura della Repubblica presso la Corte dei Conti di Bari “Se nel caso in questione sia stato arrecato un danno alla proprietà e quindi alle casse comunali”.


I debiti fuori bilancio.
“Evidenziamo che in data 29 novembre 2011 il Consiglio Comunale, su proposta della Giunta, deliberava una proposta di transazione tra l’A.S.E. s.p.a. ed il comune di Manfredonia riconoscendo all’A.S.E. s.p.a. un importo di 5.657.469,89 euro a fronte di una pretesa creditoria di 7.068.365,12 euro oltre interessi ed oneri accessori.
L’amministratore unico dell’A.S.E. con nota del 29 novembre 2011, inviata al comune, chiedeva tempo per approfondire la proposta. La proposta di transazione veniva accettata dall’amministratore unico A.S.E. con delibera n° 10 del 24 febbraio 2012 citato nelle note integrative al bilancio 2011. Per detta transazione il comune ha provveduto a vendere un proprio bene ( ipermercato M.D.) e ad accendere un mutuo” (Focus approvazione Piano alienazioni Comune).

“Per l’anno 2011 nel bilancio consolidato del comune l’esatta somma corrisposta all’A.S.E. è poco più di settemilioni di euro, come si evince dai dati Cel comune . Contestualmente ricordiamo che l’A.S.E.” non avrebbe – nelle parole di Caratù – “neanche un organo di controllo nella sua piena legittimità in quanto scaduto da circa tre anni, pari ad un nuovo mandato” e secondo lo stesso presidente del MeC “forse con un palese conflitto di interessi in quanto controllori ed anche legati all’A.S.E. s.p.a. da un rapporto di consulenza professionale, per la quale attendiamo risposta dall’Assessore da oltre quattro mesi”.

“L’A.S.E. S.P.A., nonostante le richieste del comune a rimodulare il compenso, provvedeva ad emettere fatture al comune per l’intero importo, incurante delle richieste di rimodulazione e nonostante fosse a conoscenza della volontà transattiva in corso per le annualità pregresse fino al 2010 e la contestazione del maggior importo fatturato come compenso 2011 di circa 842.235,32 euro. Quanto sopra nonostante l’A.S.E. S.P.A. fosse parte attiva nella transazione con il Comune, in quanto controllata ed unica controparte del controllante rappresentata dal legale rappresentante del Comune”.

“Di certo oltre ai vari incontri informali sostenuti, si sono riuniti in assemblea dei soci il 3 febbraio 2012 per l’approvazione del bilancio preventivo 2012; Il 27 aprile 2012 per l’approvazione del bilancio consuntivo 2011 e nella stessa data, come si evince dal verbale di assemblea, l’A.S.E. s.p.a. si impegnava a definire anche i crediti vantati relativi all’anno 2011″.


“Vediamo cosa dice la transazione riportata al protocollo generale del Comune in data 9 maggio 2012. L’A.S.E. s.p.a. in persona del suo amministratore unico accettava e transava per i debiti fuori bilancio la somma di 5.657.469,89 euro. Inoltre per l’anno 2011 rinunciava al credito di euro 842.235,32 vantato nei confronti del comune. In definitiva i debiti fuori bilancio seguono un loro piano di rientro triennale mentre per il 2011 l’A.S.E. s.p.a.. accettava circa settemilioni di euro. Ad oggi non ci risulta che sia mai arrivata una nota di credito al Comune per detta somma non riscossa”.


“Ancora più grave, un amministratore che stila un bilancio con il principio della prudenza e competenza doveva inserire in bilancio, in maniera cautelativa e secondo le disposizioni fiscali, almeno un fondo per svalutazione crediti, cosa che è completamente assente nel bilancio 2011″.

“Le conseguenze di questa mancanza, che pure una massaia poco avvezza ai bilanci avrebbe evitato, sono: seguito del mancato ricavo di euro 842.235,32 il bilancio dell’A.S.E. s.p.a. si sarebbe chiuso (come in effetti è) con una forte perdita di circa 800 mila euro o perlomeno, con l’utilizzo del fondo di svalutazione crediti avrebbe determinato un diverso risultato di esercizio”.

“Inoltre” sull’ipotetico “mancato incasso della fattura”, non essendo stata emessa – secondo Caratù – “una nota credito, esiste un’Iva non incassata che, anche se in regime di sospensione, e’ un debito verso l’erario il cui importo non e’ stato riscosso”. “Inoltre, a fronte del credito rinunciato ma messo regolarmente in bilancio, sono state pagate tasse ed imposte non dovute – secondo Caratù – precisamente I.R.E.S. I.R.A.P.” e secondo lo stesso presidente di MeC “forse un premio di produzione ( se previsti da accordi sindacali) in quanto il credito è stato annullato”. L’amministratore e la proprietà ne sarebbero stati “a conoscenza dal mese di novembre 2011 fino al 28 aprile 2012, data di approvazione del bilancio A.S.E. s.p.a. trovandosi nella condizione di controllore e controllato, creditore e debitore a parti invertite. Di conseguenza sono evidenti le veridicità delle nostre affermazioni e la nostra proposta di mozione fondatissima su atti pubblici”, dice il presidente del MeC.

“Una domanda è lecito chiedersi: ma se all’A.S.E. s.p.a. per il 2011 sono bastate circa settemilioni di euro (comprensivi di circa 200mila euro pagate come indennità al compianto direttore, somma non più ripetibile) come mai per il 2012 ne concediamo oltre 8.200.000,00 euro? Il Comune ha riscosso per la TARSU 2011 molto di più di quanto ha dato all’A.S.E. quindi ai cittadini va restituito quello che hanno pagato in più. Per questo chiediamo ai Consiglieri Comunali di non coprirsi del ruolo di maggioranza e di opposizione, ma di guardare gli interessi generali dei cittadini contribuenti che subiscono le conseguenze di atti non molto corretti”, conclude il presidente dei moderati e centristi di Manfredonia.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
9

Commenti


  • IMPAVIDO

    SE CARATù HA RAGIONE ALLORA è VERO IL DETTO CHE CHI MANEG FSTEG CHE MANIET D MBRUGGHIA PURC .


  • CHISSA'

    Meno male che c’e’ ancora qualcuno che si impegna a controllare quello che la ns amministrazione combina!! Questo e’ veramente un episodio gravissimo…La poca affidabilita’, l’assenza ————– …………. poca chiarezza …………. danni …….. Prima o poi qualcuno dovra’ assumersi le proprie responsabilita’….speriamo presto, prima che succeda il peggio!!!


  • sudore

    prepariamoci al peggio.


  • CHISSA'

    sCUSASTE DELL’AMM. UNICO Dicembrino


  • Lello

    ridateci i soldi in piu’ che vi siete arrubati comune di parassiti e portaberse


  • Lavoratore

    scusate ma Dicembrino non era vostro amico?
    Ha avuto l’incarico perchè è stato eletto nel vostro stesso ex(?) partito?
    Se andate voi cosa proponete?
    Mandateci Matteo Troiano o Caratù e abbassate la Tarsu, abbassate i livelli e non date incarichi esterni a nessuno…….
    Sarei il primo a esserne contento…..ma una cosa è il dire e un’altra è il fare….


  • michele

    Menomale che il MeC fa opposizione.cosa ke nn vedo nei consiglieri del PdL.pensano solo agli happy…….Comunque Dicembrino se (…) gestisce la municipalizzata dei rifiuti,percependo comunque ……………annui e avendo avuto questo incarico senza nemmeno essersi candidato(vedi ass…….,ass…..)la c… è da attribuire a ……….. ………..si…. visto che la TARSU noi l’abbiamo sempre pagata,la paghiamo e credo la pagheremo,può anche evitare di rinnovargli periodicamente l’incarico,visto che l’ASE è al 100% di proprietà del comune di Manfredonia.Ricordo sempre a tutti quelli che pagano la Tarsu che le municipalizzate dei comuni virtuosi,producono milioni di € di utili.

    quindi caro ..-…,o metti un’amministratore ……….ase, o redistribuisci il surplus ai cittadini o prima o poi veniamo occuperemo palazzo San Domenico come fecero a Parma.

    ringrazio la redazione per dare spazio ai cittadini
    (Ringraziamo Lei, intervento censurato nelle parti inerenti possibili diffamazioni; grazie, con nota firmata e supportata da dati potrà inoltrare ulteriori riscontri; buona giornata; Red.Stato)


  • cittadinoelettore

    A Manfredonia non c’è un palmo di terra netta….questo lo diceva l’ex sindaco BRIGIDA in tempi molto remoti.
    Oggi invece del palmo si può asserire che non c’è lo spessore di un dito della mano di terra netta.


  • ugo

    sig. Sindaco, se fosse vero quanto affermato e postato, dovrebbe dimettersi e ripianare quanto è stato sottratto alle casse comunali e rendere ai cittadini il surplus del ricavo dalla tarsu, e in contemporanea revocare l’incarico all’amministratore unico,olpevole di tatnti errori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi