Scuola e Giovani

Scuola, avv. Gabrieli: con concorso Profumo nuovi disoccupati

Di:

Il ministro F.Profumo

Roma – DA oltre un mese il Ministro Profumo ha annunciato il suo insano piano di voler bandire un nuovo concorso a cattedra per il personale docente. Sono seguiti poi vari comunicati stampa miranti a mistificare la realtà dei fatti, spacciando il nuovo concorso come un’opportunità lavorativa che non penalizza affatto i docenti precari già abilitati e con uno o più concorsi alle spalle già superati. Precari che per un’intera “vita” hanno profuso energie, professionalità e passione per realizzare il loro sogno di diventare insegnanti di ruolo, credendo nelle garanzie offerte loro dallo Stato.

La realtà dei fatti è ora diventata tutt’altra. Il Sogno si sta trasformando in un incubo! Col nuovo concorso non si creeranno nuovi posti di lavoro, bensì diverse migliaia di disoccupati. La realtà è tragicamente comprovabile e smentisce i discorsi e i commenti demagogici di ministri e “opinionisti” di parte. Vero è che un nuovo concorso giammai potrà creare nuovi posti di lavoro ma, come nel “gioco delle tre carte”, finirà col “sostituire” gli attuali meritevoli e affidati professionisti con docenti privi di esperienza e titoli. Gran parte degli attuali docenti oggi inseriti nelle graduatorie, infatti, hanno alle loro spalle abilitazioni e decenni di esperienza e di servizio; hanno già superato proficuamente diversi concorsi e/o corsi istituiti presso le Scuole di Specializzazione all’Insegnamento; in sostanza sono già in possesso di diverse abilitazioni, lauree, maser e corsi di perfezionamento universitari. Praticamente col nuovo concorso verrebbero sostituiti quei docenti che ogni genitore vorrebbe come insegnanti dei propri figli perché i più preparati sotto l’aspetto pratico, didattico e pedagogico. Non la pensa così l’attuale Ministero dell’Istruzione, che pare non essersi nemmeno reso conto dell’enorme danno che sta per causare a migliaia di docenti, nonché alla società intera. Ma vi è di più. Ove fosse bandito il nuovo concorso, questo si rappresenterebbe, senza ombra di dubbio, come un atto contrario al diritto, oltre che al buon senso.

A tal proposito basti pensare alla lesione del c.d. “principio di affidamento” riposto nello Stato dagli attuali docenti “precari storici”; si pensi alla Giurisprudenza amministrativa che , in casi analoghi, ha ammonito che “è illegittima la delibera con la quale una P.A. indice un concorso pubblico, piuttosto che utilizzare una graduatoria di un precedente concorso per la copertura dei posti banditi, nel caso in cui la stessa graduatoria sia stata in precedenza utilizzata per la copertura di altri posti e la scelta di procedere per gli ulteriori posti con un nuovo concorso non trovi alcuna ragionevole giustificazione, ponendosi in contrasto con il già avvenuto utilizzo della graduatoria”; si pensi al piano d’immissione triennale sancito col D.L. 70/2011; si pensi alla Giurisprudenza della Corte Costituzionale, ecc. ecc.. Detto in altre parole, si pensi al Diritto! Noi viviamo in uno Stato di Diritto! Quel diritto che nemmeno una legge ovvero un bando può sovvertire e/o annullare!

Quel diritto che va al di là degli interessi di parte.

L’insigne costituzionalista Zagrebelsky affermava che “…al di là della legge c’è pur sempre il diritto, e col diritto la legge deve fare i conti. Forse mai come in questo caso legge e diritto, lex e ius, queste due componenti dell’esperienza giuridica, sono apparsi così nettamente distinti, anzi, contrapposti. Quando ciò accade, la forza della legge è debole perché è avvertita come arbitrio e, prima o poi, anche se con costi e sofferenze, l’equilibrio sarà ristabilito”.

Eppure ciò che più inquieta di questa “mala gestio” del MIUR è la discalculia dell’intero Governo che si pavoneggia di essere il “governo del rigore” e del “taglio agli sprechi” e bandisce invece un nuovo concorso che comporterebbe irrimediabilmente un gravissimo danno per le Casse dello Stato. Queste stesse “casse” per il cui “risanamento” ogni giorno gli italiani sono chiamati a sacrificarsi. Si badi che il danno economico non deriverebbe solo per i cospicui risarcimenti danni che dovranno essere corrisposti ai docenti precari storici o per i costi da sostenere nel predisporre la stessa procedura concorsuale (circa 120 MLN di euro), bensì per gli “effetti sociali” che provocherebbe e che, inevitabilmente, si andrebbero a ripercuotere sul sistema assistenziale dello Stato.

E’ indubbio, infatti, che il sovvertimento dello status quo andrebbe a produrre migliaia di nuovi disoccupati, giacché ogni vincitore del concorso andrebbe a sottrarre il posto di lavoro ad un altro lavoratore oggi attualmente occupato. Considerato, poi, che i posti disponibili ogni anno per le immissioni in ruolo sono di un numero ben programmato ne conseguirebbe, inevitabilmente, che per ogni persona che dovesse essere assunta col nuovo concorso, un altro lavoratore si troverebbe di fatto “licenziato”, giacché sostituito! Questi lavoratori sostituiti e senza più uno stipendio per sopravvivere, dovranno per necessità ripiegare sull’assistenzialismo dello Stato, chiedendo il trattamento di disoccupazione e “aiuti extra” per poter far fronte alle esigenze della vita quotidiana personale e familiare. Con un effetto domino drammatico e dirompente. L’intero costo che lo Stato (cioè i cittadini) dovrebbe sostenere per fronteggiare le spese di questo assurdo concorso e delle sue nefaste conseguenze economiche ammonterebbe a diversi miliardi di euro l’anno. Per giunta, come se ciò non bastasse, tali ingenti danni economici si moltiplicherebbero negli anni successivi, dato che l’intenzione del Ministero dell’Istruzione sarebbe quella di programmare a cadenza annuale ovvero biennale l’indizione di nuovi concorsi.

Il problema di discalculia del Governo Monti e in particolare del M.E.F. va affrontato subito prima che la tragedia si abbatta sull’Italia. Innumerevoli docenti mi hanno conferito mandato per diffidare il MIUR dall’indire un nuovo concorso, ma mai come in questo caso serve l’aiuto di tutti i cittadini, dei politici che sentano lealmente il “senso dello Stato”, e dei mass media per bloccare questo scempio. Altre parole non servono.Intelligenti pauca!

(A cura dell’avv. Antonio Gabrieli)



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • romagnoli ettore

    Complimenti! La sintesi è perfetta. Il sig. Ministro ha preso due piccioni con una fava dimostrando di non possedere la minima sensibilità riguardo le aspettative di sopravvivenza di migliaia di suoi dipendenti già bistrattati da anni ed abilitati all’insegnamento dopo concorsi e corsi dello Stato (per che fare?) e molta ignoranza sul diritto o meglio ius, mascherata da atti formali privi di ratio e come tal destinati al fallimento. L’Avv. Gabrieli ha fotografato perfettamente il tutto e mi chiedo cosa direbbe il sig. Ministro ed il suo staff se si vedessero azzerati tanti esami, concorsi titoli ed abilitazioni in un colpo perchè si è in epoca di rottamazione. Avrebbero la splendida opportunità di dimostrare come sia facile in italia oggi rifarsi una professione ed una vita a cinquant’anni.


  • romagnoli ettore

    Bella la sintesi dell’avvocato. Il Ministro ha preso due piccioni con una fava dimostrando che nulla gli interessa di 180.000 abilitati (con concorso e SISS) che sino ad ora sono andati bene ex lege costringendoli a scendere nuovamente in campo per sbranarsi tra di loro e varie new entry. In effetti è triste che il diritto venga così calpestato e coperto di demagogia. O forse è giusto e così mi chiedo, che valore hanno i titoli vantati dal sig. Ministro e dal suo staff?Anche per loro un bel concorso insieme a tutti i pubblici impiegati nessuno escluso e cosi offriamo la possibilità di provare sulla propria pelle e della propria famiglia come è facile rifarsi una vita dopo i cinquanta in italia oggi. I precari ci stanno ma esigono compagnia.


  • benedetto

    Eccellente, questo articolo racchiude in brevissimo la VERA situazione se dovesse essere bandito questo scellerato concorso ! Insistete, coinvolgete tutti, in modo particolare i mass media ad informare con onestà ciò che veramente potrebbe scatenarsi con il nuovo concorso scuola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi