Manfredonia

Piano riordino sanitario, Consiglio 5 Comuni ai Celestini

Di:

Un momento di un passato incontro della Giunta comunale di Manfredonia nell'ufficio del direttore sanitario dell'ospedale San Camillo (statoquotidiano@)

Manfredonia – ALLE ore 17.00 di domani, 19 settembre 2013, presso Palazzo Celestini, i Consigli Comunali di Manfredonia, Mattinata, Monte Sant’Angelo, Vieste e Zapponeta si riuniranno tutti insieme ed in un’unica locazione per affrontare le (preannunciate,ndr) nefaste ricadute sul territorio locale del Piano di riordino sanitario messo a punto dalla Regione Puglia.

“Non è uno spot o un refrain ripetuto ad ogni piè sospinto per mostrare sensibilità e solidarietà verso un territorio umiliato e mortificato: è stata, è, sarà una ‘battaglia civile’ per vedersi riconosciuto il diritto alla salute. Un ‘diritto fondamentale’, così lo definisce la Costituzione Italiana”, come scritto in una nota stampa del Comune di Manfredonia.

“(…) Non si può chiedere di frenare la veemenza di una strenua difesa della salute pubblica. Non ci si può aspettare che l’Amministrazione Comunale abbandoni la tutela della popolazione sipontina, già fiaccata dai continui ridimensionamenti della locale struttura ospedaliera”. “A Manfredonia non si può più nascere, chissà se riusciremo almeno a non morire”, ha già detto il sindaco di Manfredonia Angelo Riccardi.

Domani le Assisi Consiliari dei Comuni di Manfredonia, Mattinata, Monte Sant’Angelo, Vieste e Zapponeta, si riuniranno in un’unica assemblea congiunta. “Una perfetta metafora di quanta vicinanza (non solo in chilometri), di quanta unità di intenti, di quanta risolutezza e convinzione, esista tra cinque comunità che vengono private, per gradi, di un caposaldo insostituibile nell’ambito sanitario: l’ospedale San Camillo de Lellis”.

L’assemblea congiunta dei Consigli Comunali sarà trasmessa in diretta streaming sul sito ufficiale del Comune di Manfredonia (www.comune.manfredonia.fg.it) cliccando sulla sezione “Dirette streaming” posta in alto a destra nella homepage oppure direttamente all’indirizzo web: www.comune.manfredonia.fg.it/ccstreaming.htm .

(Dati nota Matteo Fidanza – Ufficio Stampa e Comunicazione – Città di Manfredonia )



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • Uno di Voi

    Ma questa riunione non la potevate fare durante la discussione del Piano di Riordino nel lontano 2010?

    Da quello che mi risulta una Legge Regionale prima di essere approvata e poi eseguita va prima discussa con le parti coinvolte.

    Noi di Manfredonia alla Regione abbiamo due esponenti cittadini consiglieri ed esponenti di spicco nel Pd di Capitanata e siamo storicamente un serbatoio importante della sinistra Nazionale.

    Da quello che mi risulta all’approvazione del Piano di Riordino nel 2010 NON SONO STATE FATTE obiezioni, controdeduzioni, approfondimenti, proposte alternative, proposte migliorative nè barricate in piazza, da parte di nessun politico o forza politica, anzi hanno aperto la strada (facilitato) per applicarlo anche qui a Manfredonia, il cui ospedale aveva i numeri giusti e storici per non essere coinvolto da questa chiusura scandalosa.

    Oggi nel 2013 a conti fatti che senso ha fare questa riunione se non per sciacquarsi la faccia?

    Oggi i buoi sono già usciti dal recinto e Voi, politici di Manfredonia indegni a rappresentarci e a salvaguardare i nostri diritti acquisiti, avete dato le chiavi per aprirlo.

    Se siete degli uomini onesti dovreste raccontare la Storia che c’è dietro la chiusura dei reparti storici del nostro Ospedale!!!!!

    Dal 2009 al 2011.

    Oggi le vostre sono solo pagliacciate, con clown provenienti anche dal circondario ed un pubblico pagante che vi applaudirà.

    Anche io!!!

    Siete dei grandi…..


  • il fatto

    DOBBIAMO CERCARE DI CACCIARE VIA IL FANDASMA.


  • Montanaro

    Vergogna!! il Consiglio Comunale di Monte Sant’Angelo partecipa alla riunione per la salvare l’Ospedale di Manfredonia.Ma se sono stati gli stessi politici di Manfredonia a far chiudere l’Ospedale di Monte Sant’Angelo.Maa….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi