Cronaca
Tra le prime associazioni scout riconosciute da Baden-Powell, fondatore del movimento scout nel 1907, oggi il CNGEI conta nel nostro Paese circa 13.000 soci

Cento anni di scautismo CNGEI a San Severo

Solo alla caduta del regime fascista nel 1943 le associazioni scout poterono iniziare a riorganizzarsi e riprendere le loro attività

Di:

San Severo. Il 2016 è un anno importante per il CNGEI di San Severo: cento anni fa muoveva i primi passi in città. Nei documenti ufficiali del CNGEI è riportato che dal 15 luglio 1916 era in via di costituzione una sezione in «Sansevero (Puglie)». Quasi certamente il tentativo non andò a buon fine poiché, da alcune testimonianze, sembra che una sezione del CNGEI fu attiva dal 1921. Molto presumibilmente la sezione sospese le attività entro il 31 marzo 1927 quando sotto le pressioni del regime fascista, la sede centrale disponeva in «via provvisoria» lo scioglimento di tutte le sezioni del CNGEI.

Solo alla caduta del regime fascista nel 1943 le associazioni scout poterono iniziare a riorganizzarsi e riprendere le loro attività, nel 1944 nel Meridione liberato e nel 1945 in tutta Italia. Dopo lo sbarco delle Forze Alleate nel 1943 alcune sezioni, come a San Severo, si riorganizzarono autonomamente. Nell’autunno del 1943 degli ufficiali inglesi dell’esercito alleato iniziarono a reclutare, nel Palazzo Palma in via Filippo d’Alfonso, un gruppo di ragazzi che, il 23 aprile 1944, ricostituì la sezione ufficialmente riconosciuta dalla sede centrale del CNGEI il 18 maggio 1945: presidente del comitato patrocinatore, come si chiamava allora il comitato di sezione attuale, il dott. Riccardo Rossignaurd e commissario di sezione il prof. Giovanni Agrusti.

Dopo i primi esperimenti di scautismo in Italia negli anni Dieci del Novecento, il movimento acquistò vigore per opera principalmente del CNGEI, l’associazione laica fondata nel 1912 col nome di «Corpo nazionale dei giovani esploratori italiani» e «Unione nazionale delle giovinette esploratrici italiane».

Tra le prime associazioni scout riconosciute da Baden-Powell, fondatore del movimento scout nel 1907, oggi il CNGEI conta nel nostro Paese circa 13.000 soci, tra giovani e adulti, dal 1916 è un ente morale e gode dell’alto patronato del Presidente della Repubblica e dei ministeri della Pubblica Istruzione, degli Affari Esteri, dell’Interno e della Difesa ed è riconosciuto come associazione di promozione sociale.

Il CNGEI è un’associazione educativa scout che ha come finalità quella di contribuire alla costruzione di un mondo migliore attraverso l’educazione dei giovani. Seguendo i principi dello scautismo e del guidismo, il metodo educativo di cui si avvale mira a formare il buon cittadino, una persona in grado di compiere scelte autonome e responsabili, impegnata in prima persona per promuovere la solidarietà, i diritti universali, la pace e la tutela dell’ambiente. Il CNGEI realizza, attraverso l’opera dei volontari, un’azione educativa laica, indipendente da ogni credo religioso e ideologie politiche, che impegna i giovani al conseguimento e all’approfondimento delle scelte personali.

Nella nostra città, attualmente, il CNGEI è presente con un gruppo di senior (vale a dire di adulti) affiliato alla sezione di Pescara.

Giuseppe dell’Oglio
Senior scout

www.cngeisansevero.altervista.org



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati