Manfredonia
Tanta approssimazione, furore agonistico molto basso

Futsal Donia impatta al Palascaloria, gara da dimenticare

Solo tre i minuti di vantaggio, per arrivare al 29° quando da calcio d’angolo nasce il gol della Dream Team, con Cassano alla realizzazione

Di:

Manfredonia. E’ certamente gara da dimenticare quella che la FutsalDonia ha giocato al PalaScaloria contro la Drem Team di Palo del Colle. Tanta approssimazione, furore agonistico molto basso, mancanza di idee e gioco che latita, elementi che costringono la FutsalDonia al pareggio interno contro la Dream Team di Palo del Colle. E se poi si aggiunge la coppia arbitrale, il quadro è completo, anzi totalmente incompleto, perché quella vista al Palazzetto dello Sport di Manfredonia è solo la lontana parente della squadra che ha fatto tanto divertire e sorridere la tifoseria sipontina nella scorsa stagione agonistica.

E’ pur vero che si è alla prima di campionato, ma, se il buon giorno si vede dal mattino, è pur chiaro che non è un felice risultato, quello di pareggiare in casa contro la Drem Team di Paolo del Colle, i cui dirigenti, ovviamente felici per il pari conquistato, hanno persino chiesto scusa per una gara che, probabilmente giocata ai punti, avrebbe senz’altro permesso ai locali di conquistare la vittoria. Avrebbe permesso, ma così non è stato, perché la confusione è apparsasovrana e soprattutto la mancanza di contenuti, tali al punto che evidenziano un momento difficile per una formazione che non si è affatto dimostrata squadra nella gara di esordio, senza considerare le due precedenti partite di Coppa in cui la sofferenza è stata sin troppa.

Cosa può aver provocato questa involuzione è certamente l’argomento al quale dovranno lavorare nei prossimi giorni i dirigenti del sodalizio, a cominciare dallo staff tecnico. Ma non sono immuni in particolare i giocatori, molli, fermi nelle gambe e nella testa e soprattutto senza un nocchiero capace di dettare i tempi e fare la differenza.

E’ la prima gara, certamente, e con un campionato lungo e pieno di incognite, ci sarò il tempo per recuperare, ma, occorre ricordare agli atleti in campo che questo è il Campionato di C1 e non quello di C2, dove il livello certamente più basso permetteva persino l’improvvisazione. Qui, in questo Campionato si gioca a Calcio a 5, non siamo alla partitella sulla spiaggia oppure al torneo estivo, siamo al Campionato di C1.

La cronaca permette di sottolineare una costante azione di attacco della FutsalDonia senza vere e proprie risoluzioni, con azioni mai messe veramente a frutto, al cospetto di avversari senz’altro dotati di poca roba tecnica ma molto e tanto utilitaristici. Un plauso va ascritto a Fiotta che in più di una occasione è stato determinante nel salvare il risultato in una gara che per essere sbloccata si è dovuto aspettare il 26° in cui su palla ricevuta dalle retrovie una puntata di Ortuso si stampa sul legno con palla di nuovo nella mischia e ribadita in rete da Gaetano Orbelli.

Solo tre i minuti di vantaggio, per arrivare al 29° quando da calcio d’angolo nasce il gol della Dream Team, con Cassano alla realizzazione. Il secondo tempo, invece, diventa il festival delle occasioni mancate con pali e traverse a iosa, non solo a favore della FutsalDonia, anche degli avversari, ma, il momento clou e forse più drammatico si concretizza al 10°, quando Fabio Palermo, maglia n° 5 commette un fallaccio in danno di Ortuso, persino non punito. Potrebbe essere il momento della svolta se la decisione arbitrale, quella giusta arrivasse, ma niente, proprio niente fra le proteste generali. Ortuso è costretto a lasciare per tutto il secondo tempo e la partita prosegue con il solito algoritmo e con il portiere avversario, ulteriormente protagonista di azioni fallose mai punite con la giusta severità.

Un encomio per la FutsalDonia può essere annotato per le tantissime azioni da gol sfiorate di un soffio senza mai dar frutto al lavoro di mietitura, ma solo questo non basta per vincere una partita, peraltro con avversari, diciamolo, assai modesti. Una scusante, invece, è data dai tanti giocatori assenti, per i più svariati motivi…ma anche questo non basta. Qui, lo ripetiamo, si gioca la C1!

DATI STATISTICI

FUTSAL DONIA – DREAM TEAM 1 – 1

FUTSAL DONIA 1
1 Barbone,3 Steduto, 5 Portovenero L, 6Rotice, 7 Natalino, 9 Ortuso, 10 Orbelli 11 Rignanese, 13 Lupoli, 16 Ese, 18 Accarrino, 22 Fiotta. All. Portovenero M.

DREAM TEAM 1
1 Patruno, 3 Colasuonno, 4 Valerio, 5 Palermo, 6 Carbone, 7 Cassano, 9 Lanzisera, 11 Ameruoso, 12 Caporusso, 13 Lionetti, 18 Carlucci, 20 Santoro. All. Foggetti.

Arbitri: Decorato della Sezione di Barletta e Nacchiero della Sezione di Foggia.

Sequenza reti:
primo tempo: 26° Orbelli, 29° Cassano.

Manfredonia, 18.09.2016 – Settore Comunicazione-FutsalDonia



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • zi' toto'

    PER LA REDAZIONE .Si e vero ieri la squadra era un po nel pallone,vuoi la prima partita ,la mancanza di altri giocatori,ma ieri nonostante si e fatto un giuco superfluo e se la terna arbitrale svolgeva al miglio i suoi ADEMPIMENTI cera la vittoria, non dimentichiamo il Fallo in uscita del portiere sul giocatore che a parere di un ignorante era da espulsione sia per il fallo che per il secondo giallo preso per lo stesso analogo fatto.E comunque il FUTSAL DONIA ce!!!!!! ed e perfettamente conscio che e in serie C1 e dal mio punto di vista non teme avversari , giudizio troppo affrettato , TEMPO AL TEMPO .


  • DACUMBA

    Dovete fare la gavetta 👏👏👏👏

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati