Manfredonia

Incendio doloso all’Oasi, Pecorella “Non ci arrenderemo”


Di:

Manfredonia. Anche questa mattina il Presidente Stefano Pecorella si è recato personalmente sul luogo dell’incendio per appurare l’entità dei danni, le cause dell’incendio doloso e portare sostegno agli uomini di Carabinieri Forestali, Vigili del Fuoco ed Arif Puglia schierati da ieri sera sul fronte del fuoco che ha mandato in fumo 100 ettari dell’Oasi Lago Salso.

C’è certamente tanta rabbia nel vedere uno scempio di questa portata. Dopo una lunga notte si è riusciti a domare un incendio appiccato da mani criminali che ancora una volta non riescono a capire l’importanza di conservare e promuovere questo angolo di Paradiso terrestre, che può vantare un patrimonio di biodiversità unico nel suo genere, e dev’essere il valore aggiunto per un territorio in cerca di rilancio sociale, economico ed occupazionale. Perciò stiamo ragionando da tempo con tutti gli ‘attori’ pubblici e privati, associazioni di categoria, scuole e mondo associazionistico affinchè quest’area finalmente esca dall’oblio e sia conosciuta e fruibile e che possa essere laboratorio sperimentale di buone prassi in ambito turistico, agricolo, naturalistico, sociale. Questo incendio rappresenta sì una profonda ferita, ma certamente non fermerà il processo di rilancio di Oasi Lago Salso che, come l’Araba Fenice, saprà risorgere dalle ceneri che qualcuno vuole siano una sepoltura definitiva a vantaggio di chissà quali altri loschi interessi. Noi non ci arrendiamo, ci rimbocchiamo le maniche e ripartiamo con coraggio più forti e determinati: lo dobbiamo al futuro di questa terra che vuole e merita legalità”.

Incendio doloso all’Oasi, Pecorella “Non ci arrenderemo” ultima modifica: 2017-09-18T13:53:31+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • cittadino

    Perché non d’ intervenuto un canader… Col mare a due passi avrebbe spento l’incendio con pochi lanci. Tali interventi scoraggionerebbe i malfattori che, col pronto ed efficace intervento aereo, vedrebbero vanificare il proprio delitto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This