Cronaca

Foggia, inaugurati cantieri Oasi Bianca e centro per senza dimora ‘Sant’Eligio’


Di:

Foggia alto (ST - liberainformazione.it)

Foggia – “IL patrimonio di infrastrutture sociali del capoluogo e dell’intera provincia si arricchisce e consente l’attivazione di innovativi servizi destinati a soddisfare le necessità emergenti e la soggettività sociale dei beneficiari”. E’ l’assessore regionale al Lavoro e Welfare, Elena Gentile, a spiegare l’obiettivo di fondo comune ai progetti che saranno realizzati a Foggia dall’I.P.A.B. Addolorata e dall’A.S.P. Marchese F. De Piccolellis grazie ai fondi europei del P.O. FESR PUGLIA 2007-2013 (Asse III – Inclusione sociale e servizi per la qualità della vita e l’attrattività territoriale; Linea 3.2 – Programma di interventi per l’infrastrutturazione sociale e sociosanitaria territoriale).

Sarà il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, ad inaugurare l’avvio dei lavori delle due strutture sabato 22 ottobre, a partire dalle ore 10.00. Al suo fianco l’assessore al Lavoro e Welfare, Elena Gentile, il sindaco di Foggia, Gianni Mongelli, il commissario straordinario dell’Addolorata, Alfonso De Pellegrino, e il presidente della De Piccolellis, Antonio Tulino.


Centro di Accoglienza per i senza fissa dimora ‘Sant’Eligio’
ore 10.00 – piazza Sant’Eligio.
L’I.P.A.B. Addolorata realizzerà la prima struttura specificamente destinata all’accoglienza ed all’assistenza di persone oggi costrette a cercare riparo in luoghi di fortuna o a trascorrere la notte all’adiaccio. A 24 di loro, equamente suddivisi tra uomini e donne, sarà offerta l’opportunità di usufruire dei servizi allestiti nell’ex carcere ‘Sant’Eligio’, che sarà interamente ristrutturato e riqualificato grazie all’investimento di 1.000.000 di euro assegnato all’ente morale dalla Regione Puglia.

Ben più numerosi gli utenti di docce, guardaroba e lavanderia messi a disposizione anche per quanti non trascorreranno la notte nell’edificio che sorge nel popolare Borgo Croci, interessato da un più ampio progetto di riqualificazione urbanistica arricchito dall’intervento sulla struttura attualmente degradata di proprietà dell’I.P.A.B. Addolorata. Gli obiettivi del progetto, a cui lavoreranno 3 unità assunte a tempo pieno, sono: offrire ospitalità temporanea ed assistenza di base a persone adulte in difficoltà e senza fissa dimora; favorire un percorso di accoglienza umana e materiale a persone vulnerabili socialmente; orientare ed accompagnare le stesse persone alla rete dei servizi ed al reinserimento sociale.

“Il Centro è un servizio di pronto intervento sociale assolutamente innovativo per la città – afferma Alfonso De Pellegrino – e la sua attivazione migliora sensibilmente l’offerta dei servizi in favore di persone fino ad oggi accolti e assistiti solo grazie alla sensibilità ed al buon senso di istituzioni e organizzazioni prive, però, di una struttura specificamente destinata a tale attività e di un’organizzazione definita nei compiti, nelle caratteristiche e nelle finalità. La flessibilità organizzativa e il collegamento con l’intera rete dei servizi socio-sanitari territoriali – conclude il presidente dell’I.P.A.B. AAddolorata – ci consentiranno di adeguare l’offerta ai bisogni che, purtroppo, tendono ad aumentare a causa dell’inasprirsi della crisi economica”.


Oasi Bianca, ore 11. viale degli Aviatori.
Il centro per anziani dell’Azienda Pubblica di servizi alla Persona “Marchese F. De Piccolellis” sorgerà alle porte della città, sul terreno antistante l’Ipercoop, ex sede dell’istituto magistrale “Caggese”. La formula è quella di un vero e proprio villaggio turistico per anziani, con camere lussuose e dotate di tutti i confort. L’Oasi Bianca ospiterà 30 anziani autosufficienti, 6 dei quali scelti dal Comune tra quelli maggiormente bisognosi. Il progetto, per 3.700.000 euro, prevede anche la trasformazione dei locali che ospitavano l’istituto scolastico in due strutture di accoglienza per persone non autosufficienti, dai 18 ai 65 anni. L’intero complesso sarà gestito dall’ASP (Azienda per i Servizi alla Persona) che fa capo alla Fondazione “De Piccolellis”, guidata dal presidente Antonio Tulino. Lo staff è coordinato dalla direttrice Maria De Leo e dall’architetto Quirino Perfetto.

“L’Oasi Bianca – commenta il presidente Antonio Tulino – è il fiore all’occhiello dell’Azienda Pubblica De Piccolellis. Qui creeremo un vero e proprio villaggio turistico per i nostri ospiti a cui offriremo, non solo assistenza di altissimo livello, ma la possibilità di praticare attività culturali, sociali, sportive, didattiche. Perché a 65 anni – conclude Tulino – la vita riserva ancora tante sorprese”.


Redazione Stato

Foggia, inaugurati cantieri Oasi Bianca e centro per senza dimora ‘Sant’Eligio’ ultima modifica: 2011-10-18T13:51:23+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This