ManfredoniaMonte S. Angelo
Come si vede, tutte le Gare d’appalto sono state espletate con l’Amministrazione di Iasio

Monte Sant’Angelo, Urbanizzazioni Galluccio “Terminati lavori iniziati con Di Iasio”

Fonte: Coalizione politica “Monte nel Cuore”

Di:

Monte Sant’Angelo. Con grande soddisfazione apprendiamo che al Comparto “Galluccio” stanno asfaltando le strade e, finalmente, gran parte dei disagi degli abitanti di quella zona termineranno. La soddisfazione è maggiore nel constatare che, dopo aver visto l’ultimazione di importanti progetti realizzati dall’Amministrazione di Iasio, come il sistema di video-sorveglianza, la sistemazione del fossato del Castello, i lavori di restauro presso l’Abbazia di Pulsano, il recupero dell’ex Chiesa di Santo Stefano, la ristrutturazione del Museo Etnografico, l’efficientamento energetico della Casa Comunale, anche altre opere, progettate, finanziate e appaltate, appunto, sotto l’Amministrazione di Iasio riescano ad arrivare al termine, anche se con un certo ritardo.

Per i più distratti, ricordiamo le tappe più importanti che hanno riguardato i lavori di completamento delle urbanizzazioni al Comparto “Galluccio”:
• 24/06/2013: Gara d’appalto per la realizzazione di via dei Normanni;
• 09/03/2015: Gara d’appalto per la realizzazione della strada parallela a via dei Normanni per l’alloggiamento di un nuovo tronco fognario;
• 16/06/2015: Gara d’appalto per il completamento della viabilità dell’intero Comparto.

Come si vede, tutte le Gare d’appalto sono state espletate con l’Amministrazione di Iasio e, con la Commissione Straordinaria, hanno solo continuato il loro corso di realizzazione (e ci mancherebbe pure che fossero state bloccate!). Occorre sottolineare che se i lavori si sono potuti fare è perché l’Amministrazione di Iasio, grazie alla transazione Syndial, ha portato nelle casse comunali più di 5 milioni di euro, garantendo, così, la necessaria copertura finanziaria. La gente, però, non deve dimenticare che quando il Sindaco di Iasio ha chiesto al Consiglio Comunale di appoggiare quella transazione, la Minoranza presente in aula in quella seduta (Rignanese Generoso, ricordi?) votò contro, mentre responsabilmente la Maggioranza appoggiò il progetto del Sindaco; fosse stato per loro, gli abitanti del “Galluccio” avrebbero potuto aspettare ancora per chissà quanti anni la sistemazione delle loro strade.

Oggi notiamo che molti esprimono la loro soddisfazione, persino il PD: bene! I fatti, però, raccontano altro: senza le scelte e gli atti approvati dall’Amministrazione di Iasio, le urbanizzazioni del “Galluccio” non sarebbero state completate.

(Fonte: Coalizione politica “Monte nel Cuore”)



Vota questo articolo:
21

Commenti


  • Basta dare la colpa agli altri

    Non c’e’ molto da vantarsi avete fatto il minimo indispensabile, anche se “il fossato del Castello, l’Abazia di Pulsano, il recupero della Chiesa di S. Stefano,la ristrutturazione del museo, ecc. ecc. per come sta messa M.S.Angelo non erano lavori prioritari. Quindi c’e’ poco da compiacersi. Credo che Monte meriti persone piu’ oneste e capaci e spero che i Montanari non si facciano abbindolare ,come al solito, da false promesse elettorali. Amici Montanari ricordatevi che quello che seminiamo raccoglieremo …. e credo che fino ad oggi SIAMO stati dei pessimi agricoltori.

  • Quando sono arrivati i commissari i lavori al Galluccio erano fermi da anni e le telecamere erano spente, smettetela di raccontare balle! Ma la colpa non è solo di Di Iasio, nessun politico a Zmonte sarebbe stato in grado di far ripartire i lavori al Galluccio dopo quello che era stato combinato!


  • lino

    credo che quanto scritto sia la verità. i lavori sono stati predisposti tecnicamente ed economicamente dalla giunta di iasio. i commissari hanno soltanto “tagliato i nastri”


  • ELIANA

    DOPO TANTI ANNI DI DISAGI E DISAVVENTURE, FINALMENTE ABBIAMO LE NOSTRE STRADE. CE’ DA DIRE PERO’ CHE UN ENORME LAVORO E’ STATO FATTO DALLA GIUNTA DI IASIO, SENZA IL QUALE PENSO CHE DIFFICILMENTE SAREMMO ARRIVATI A QUESTO EPILOCO.


  • NO ENERGAS

    A Manfredonia la situazione delle strade è a dir poco drammatica. Io sono originario di Monte, e debbo ammettere che quando c’era ancora la giunta sciolta di Iasio ho natato molti cantieri aperti e operativi. I frutti del buon lavoro si vedono prima o poi. Ce l’avessimo noi una amministrazione così a Manfredonia!


  • Dino

    Finalmenteeeeeee!!!!!!!!!!! Non dovrò più sfasciare la mia macchina. Ne ho cambiate 3.
    Ad onor del vero e per onestà ammetto che i lavori sono stati intrapresi da Di Iasio e i suoi, erano a 3/4 dell’opera quando sono stati sciolti. Quindi come ha scritto un altro commentatore prima di me i commissari devono solo tagliare il nastro.
    Già ma per loro è già tanto, visto che in questi mesi della loro amministrazione non hanno fatto neppure quello!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Inoltre, da ex elettore del PD avrei sperato che il mio ex partito prendesse una posizione seria e forte contro quest’ultimi, e non passiva. Ma dal pd, con quei suoi rappresentanti locali, regionali e nazionali, cosa pretendiamo?????????


  • VOTIAMO NO AL REFERENDUM PER CACCIARE RENZI E IL PD

    VOTIAMO NO AL REFERENDUM PER CACCIARE RENZI E IL PD PER IL MOTIVO CHE VI RAPPRESENTO.

    La povertà in Italia: 1 milione e 582 mila famiglie. Nel nostro Paese − secondo i dati Istat − vivono in uno stato di povertà 1 milione 582 mila famiglie, un totale di quasi 4,6 milioni di individui. Si tratta del numero più alto dal 2005 ad oggi; e si tratta, parlando di povertà assoluta, della forma più grave di indigenza, quella di chi non riesce ad accedere a quel paniere di beni e servizi necessari per una vita dignitosa. Le situazioni più difficili sono quelle vissute dalle famiglie del Mezzogiorno, dalle famiglie con due o più figli minori, dalle famiglie di stranieri, dai nuclei il cui capofamiglia è in cerca di un’occupazione o operaio e dalle nuove generazioni. Nel Mezzogiorno la percentuale di italiani indigente è infatti pari al 66,6%.

  • I lavori fatti da Di Iasio al Galluccio li hanno dovuti rifare tutti, vedi fognatura che usciva anche allo scoperto. E le ditte erano tutte ferme per i lavori bloccati. Uno scandalo.


  • Angela

    bravo alla vecchia giunta. spero che venghino tutti riammessi a governare e che il Tar li da’ ragione, così madiamo a casa il pd e Renzi che ci sta disagguanto per dare i soldi alle banghe e a confintustria. che schifo di uomo, che schifo di partito.


  • CACCIAMO IL PD

    La spinta del Jobs Act e – soprattutto – delle decontribuzioni per le assuzioni a tempo indeterminato perdono vigore. E la dinamica del lavoro ne risente. Peggio: aumentano i licenziamenti “per giusta causa e per giustificato motivo soggettivo”. In due anni sono passati da 35 a 46 mila: il 31% in più. Un dato che si spiega anche con la riforma del lavoro targata Renzi che ha cancellato l’articolo 18 allargando le maglie per le aziende. Se tra il 2014 e il 2015, infatti, il dato è sostanzialmente invariato, il boom (+10mila licenziamenti) si registra proprio negli ultimi 12 mesi. Le norme del Jobs Act, infatti, si applicano solo agli assunti dopo l’entrata in vigore della riforma.

  • Sta per abbatersi negli abitanti del GALLUCCIO una MAZZATA da record, si vicifera di due sentenze plurimillionare a carico dei poveri lottizzandi i cui calcoli molto approssimativio parlando di circa 40 mila euro ad abitazione.+VIVA IL GALLUCIIO

  • Che ridere i commenti scritti dagli ex amministratori


  • ferdinando

    Per P.B. o presunto tale

    UN DETTO LATINO DICE: “AQUILA NON CAPIT MUSCAS”. Tradotto: le aquile non vanno a caccia di mosche.
    Comunque, ottimo tazebao, descrive plasticamente la realtà.

  • Le comiche… Gli ex amministratori che si scrivono i comunicati stampa e poi tutti questi post per autoelogiarsi … Tutto da ridere!


  • Giovanni

    Ben vengano questi lavori già programmati. Ma io mi chiedo come si possa vivere in un quartiere senza spazi verdi , senza punti aggregativi
    come chiese ,campi sportvi ecc;senza servizi di collegamento col centro…di una cittadina come Monte che ,a sua volta , non riesce a mettere due capolinea per foggia e San Giovanni; fa poco per dare un minimo di funzionalita’ all’ospedale; non installa fotocamere in punti nevralgici per combattere delinquenza , degrado ,sporcizia e mancanza di senso civico; inoltre non si fa fa nulla per recuperare il centro storico che è un grosso patrimonio che ormai è in abbandono ….


  • giuseppe

    Accolgo con piacere ed una certa soddisfazione tale notizia. Sono stato tra i critici della amministrazione di Iasio, ma debbo ricredermi anche alla luce dell’inerzia dei tre commissari prefettizi mandati dal governo a guida Pd e Renzi. Infatti, dopo le prolusioni di tanti che auspicavano in un arrivo messianico dei commissari, rilevo a malincuore la totale assenza delle istituzioni comunale nel fronteggiare le doglianze nonché le necessità cittadine. Sono ancora sotto gli occhi di tutti il caos dei capilinea, degli occupanti della vecchia caserma della Forestale, gli accattoni in zona parcheggio, la sporcizia delle strade, le scuole non riscaldate adeguatamente, l’ospedale ormai ridotto ad uno ospizio senza un punto di vero intervento, ambulanze senza medici, strade impraticabili e chi più ne ha più ne metta! Un vero fallimento del PD!


  • Giovanni

    Concordo con il signor. Giuseppe,ma i problemi elencati nella nostra cara cittadina,sono endemici,quindi le responsabilità sono di persone di tutti gli
    schieramenti indegnamente eletti da cittadini forse ignari di persone che hanno pensato solo al proprio tornaconto

  • Ringraziamo i Commissari per il Galluccio che stanno asfaltando nonostante i guai combinati da Di Iasio. Tutto quello che era stato fatto come fogne e condotte acqua le hanno dovute rifare. Vergogna Monte nel cuore! VERGOGNA!

  • Diamo a Cesare quello ke è di cesare! capito rignanese…………….!!!!!!!!!! poi sono daccordissimo con il no al referendum e mandare a casa renzi e la figlia di ladro (BOSCHI)!!!!!!!! e con loro tutto il PD!!!!!!!! VOTIAMO NO !!!!!!!!!!

  • per quanto riguarda il centro storico concordo con il sig Giuseppe bisogna
    investire e riqualificare lo junno ke potrebbe darci grosse soddisfazioni

  • Con Di Iasio non era iniziato un bel niente, ma che frottole raccontano? I lavori erano fermi da 13 anni!!!
    Ora hanno dovuto rifare tutto, anche le fogne perché erano in salita le abbiamo viste! Per questo poi finivano in strada ma che schifo almeno imparassero a tacere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati