Cultura

Se mi chiami mollo tutto..però chiamami – A.Espinosa, 2012

Di:

Albert Espinosa (Ph: gliamantideilibri)

Bologna/Manfredonia – SONO sufficienti poche ore per leggere questo piccolo libro di Albert Espinosa che ha venduto un milione di copie, presentato così in copertina: “Da un autore anticonvenzionale e originale, il romanzo che ha dominato le classifiche spagnole. Una storia visionaria e concreta, romantica e realistica, diversa da tutte le altre, che parla al cuore e alla mente dei lettori, per capire che cosa conta davvero nella nostra vita e come possiamo ottenerlo”.

SE MI CHIAMI MOLLO TUTTO… PERO’ CHIAMAMI. Dani è un uomo che di mestiere cerca i bambini scomparsi. Dani ha una compagna, che ama, ma lei decide di lasciarlo perché la loro relazione è a un punto morto. Rimasto solo Dani accetta il caso di un bambino scomparso a Capri. Il viaggio verso l’isola e la successiva permanenza gli serviranno per far chiarezza dentro di sé e per capire cosa vuole veramente nella vita.


ANALISI.
Il titolo si rifà a una vecchia canzone: “Si tú me dices ven lo dejo todo”. Il protagonista del romanzo, Dani, è senza dubbio un uomo fuori dal comune (e leggendo il libro si capisce quasi subito perché). Il suo racconto è in grado di spiazzare il lettore in alcuni passaggi cruciali, in altri punti la trama appare più scontata e inverosimile. La brevità dei capitoli consente di mantenere un ritmo costante, senza cadute di tensione. Quella di Dani è una voce originale, a volte tenera e a volte dura. La narrazione procede attraverso continui salti temporali, e attraverso i ricordi di alcuni incontri fondamentali (George, Martín) e della fuga a Capri durante l’adolescenza, si ricostruisce una storia che è stata sostanzialmente una fuga dalla diversità. Preso coscienza di ciò e degli insegnamenti ricevuti, Dani sarà finalmente in grado di guardare con più serenità al futuro. È difficile dire se in questo romanzo l’autore ci abbia messo più furbizia o più bravura, se sia frutto di una pura ispirazione o di un calcolo ponderato, fatto sta che, senza aspettarsi niente di memorabile, il lettore potrà comunque godere di una lettura piacevole, a tratti emozionante. Il dubbio è che, riposto il libro, quanto letto possa svanire in fretta. La dedica dell’autore è la seguente: “Dedicato a tutti quelli che hanno ancora voglia di essere diversi e di combattere contro quelli che ci vogliono uguali”. La traduzione è di Patrizia Spinato. Molto bella la copertina e curata l’edizione.

L’AUTORE. Albert Espinosa è nato a Barcellona nel 1973. Laureato in ingegneria chimica, è uno dei più importanti registi, autori di teatro e televisione spagnoli. Salani ha pubblicato con grande successo il suo primo romanzo: Tutto quello che avremmo potuto essere io e te se non fossimo stati io e te.


Il giudizio di Carmine

Albert Espinosa
SE MI CHIAMI MOLLO TUTTO.. PERO’ CHIAMAMI
2012, Salani
Valutazione 4/5

(A cura di Carmine Totaro – riproduzioneriservata@)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi