Manfredonia

La Tutela del Risparmio e i Vizi Capitali

Di:

Nelle ultime settimane sui mercati finanziari si è tornati a parlare, con maggior insistenza, di rischio di credito e di solvibilità delle Banche, e delle Istituzioni Finanziarie più in generale. Chi è meno pratico della materia non ne sarà neanche a conoscenza e, proprio per questo, abbiamo deciso di parlarne nel nostro consueto appuntamento settimanale.

Per Rischio di Credito (o di Insolvenza) si intende il rischio che il debitore di un’operazione creditizia – sia esso una persona fisica o una persona giuridica (azienda, banca, Stato, e così via), la sostanza non cambia – non assolva, anche solo in parte, agli obblighi che ha assunto nei confronti del creditore per il rimborso del capitale e/o per il pagamento degli interessi. Di converso, con il termine Solvibilità si fa riferimento alla capacità economica del debitore di far fronte ai propri obblighi contrattuali (denominati: obbligazioni).

Fatta questa breve ma necessaria introduzione, passeremo tra poco ad esaminare l’ultimo della lunga serie di “scandali” che periodicamente portano alla rovina milioni di risparmiatori. I lettori che seguono da anni la nostra rubrica, così come quelli che ci hanno dato fiducia più di recente, sanno benissimo quanto la nostra posizione in merito alla Tutela del Risparmio (Art.47 delle Costituzione Italiana) sia chiara e inamovibile: il risparmio e il suo “gemello” investimento, vanno incoraggiati, tutelati e correttamente guidati verso gli strumenti e le soluzioni più idonee alle caratteristiche di ognuno.

Peccato che nel mondo e nella società nei quali viviamo siano particolarmente evidenti due dei sette Vizi Capitali: la Superbia e la Gola (ovvero l’Ingordigia, e non facciamo riferimento ai piaceri della tavola).

Questo è, per l’appunto, il caso della Secure Investment, una “rinomata” piattaforma internazionale di trading on-line sul mercato delle valute (Forex). Partiamo dalla fine: la società è fallita, lasciando a bocca asciutta i suoi “presunti” 100mila clienti (per un totale di 1 MILIARDO di dollari!). Perché, sorge spontaneo chiedersi, delle persone come noi dovrebbero essere disposte ad accettare di dare fiducia a partner finanziari come la Secure Investment?

La risposta è tutta nello slogan di questa fantomatica società: “Goditi la vita. Noi pensiamo ai dettagli”. Molto bene, ci verrebbe da dire; ma quali sono questi dettagli? La Pianificazione Finanziaria? La Pianificazione Previdenziale, quella Successoria, quella Assicurativa…? NO! Questa “meravigliosa” società “garantiva” ai propri clienti rendimenti giornalieri dell’1%. Avete letto bene, l’1% al giorno!!!

Evidentemente, il fatto che sia stato possibile porre in essere una TRUFFA in piena regola, nonostante le vigenti normative nazionali e internazionali, non può che lasciare attoniti. Ciò che, tuttavia, lascia ancora più sbalorditi è il fatto che la Superbia (ho fatto l’affare della mia vita… altro che professionalità, studio e analisi!) e la Gola (che guadagni fantastici, perché “accontentarsi”…), possano avere il sopravvento sulla RAGIONE.

Certo, la giustizia farà il suo corso, ma perché non “prevenire” piuttosto che “curare”? (Sempre ammesso che sia possibile “curare”, visto che della Secure Investment – ad oggi – non si conosce neanche la sede legale).

(A cura di Leonardo Taronna – www.twitter.com/TaronnaL
Seguici anche su Facebook => www.facebook.com/lasettimanaeconomica
)

La Tutela del Risparmio e i Vizi Capitali ultima modifica: 2014-11-18T13:36:47+00:00 da Leonardo Taronna



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • Raffaele Vairo

    Appena pochi giorni fa, il Sole 24 Ore titolava un suo articolo: “Truffa finanziaria mondiale, sparito un miliardo di dollari dei correntisti di Secure Investment” (nota piattaforma internazionale di trading online sul Forex, il mercato delle valute). Più di 100mila clienti della piattaforma di forex sono finiti nell’ennesima, colossale truffa “schema Ponzi”, dal nome dell’italiano che l’ha esportata in tutto il mondo. A tutt’oggi non si conosce nemmeno dov’era la sede di Secure Investment e, forse, una sede non l’ha mai avuta !!! Orbene, quali le cause di questa “ennesima” truffa (l’elenco è lunghissimo)? Per il Dr Taronna le cause vanno ricercate, essenzialmente, in due dei sette Vizi Capitali: la Superbia e la Gola, e “il fatto che sia stato possibile porre in essere una TRUFFA in piena regola, nonostante le vigenti normative nazionali e internazionali, non può che lasciare attoniti”. E’ indubbio che superbia e ingordigia sono “vizi” che in finanza possono e hanno portato molti risparmiatori alla rovina. Tuttavia, la vera causa di questo ennesimo scandalo finanziario mondiale è la “deregulation” della finanza moderna, caratterizzata da una regolamentazione poco pervasiva, un sistema di allocazione di capitali basato sul mercato e un ampio uso della leva finanziaria. Molti analisti ed esperti concordano sul fatto che uno dei principali fattori che hanno permesso il verificarsi della crisi finanziaria è stato l’eccessivo grado di lassaiz-faire. La deregulation si è sviluppata soprattutto intorno al “sistema bancario ombra”, costituito dalla miriade di istituzioni finanziarie non bancarie. Molti degli strumenti finanziari di cui tanto si parla oggi hanno trovato ampia diffusione perché in grado di aggirare le regole, come quelle sull’adeguatezza del capitale delle banche; queste hanno creato veicoli fuori bilancio perché ciò ha permesso loro di detenere meno capitale; il mercato dei credit default swaps ha consentito di convertire asset rischiosi in asset apparentemente sicuri. Il settore finanziario ha ripetutamente mostrato che, senza regolamentazione, semplicemente non è in grado di essere responsabile della gestione di soldi altrui in modo prudente, senza mettere a repentaglio l’intera economia. E i depositanti comuni, i piccoli non sono in grado di esercitare autonomamente un’adeguata supervisione. Questa costituisce un bene essenzialmente pubblico. Tutti beneficiamo da istituzioni finanziarie ben regolate.
    Errare humanum est, perseverare autem diabolicum. (Sant’Agostino).


  • La formica sipontina

    La tutela del risparmio? In Italia è pura utopia. I risparmi vengono saccheggiati periodicamente, con bolli e bollini, con innalzamento di tassazione sui rendimenti etc. La tutela del risparmio sancito dalla Costituzione e quant’altri certamente! Solo sulla carta, ma quale tutele… tra poco emulando Amato nel 1992 ci toglieranno arbitrariamente anche quote dei nostri risparmi magari con un bel decreto firmato nottetempo e con decorrenza immediata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi