SportStato news

Accordo FIGC – Intralot, ricorso Codacons

Di:

Roma. Si infittisce il mistero attorno all’accordo di sponsorizzazione tra la Figc e la società di scommesse Intralot. Il presidente della Federazione, Carlo Tavecchio, ha infatti opposto un netto rifiuto all’istanza d’accesso presentata dal Codacons, tesa a prendere visione del contratto stipulato tra la Figc e Intralot.

Avevamo chiesto alla Federazione di fornirci copia dell’accordo, così come prevede la legge 241/90 – spiega l’associazione – Questo perché volevamo capire i termini della sponsorizzazione, e i motivi per cui Tavecchio avesse deciso di fare pubblicità ad una società del gioco, quando in Italia divampa la piaga della ludopatia e considerato che lo sport dovrebbe prendere le distanze da qualsiasi incentivo al gioco d’azzardo.

Per tutta risposta il presidente della Figc, ha inviato una nota al Codacons, nella quale rifiuta di fornire qualsiasi documentazione all’associazione, asserendo che “l’illustrazione degli scopi dell’iniziativa ha formato oggetto di una risposta ad una interrogazione parlamentare presentata sull’argomento e tanto basta a garantirne l’assoluta trasparenza”.

Tavecchio, molto loquace quando parla di gay ed ebrei, ha perso la parola di fronte agli utenti – commenta il Codacons – Per lui aver dato spiegazioni al Parlamento sembra più che sufficiente, e non si sente in dovere di dire nulla ai cittadini che pure finanziano il mondo del calcio. Ovviamente la parola passerà ora alla Procura di Roma e all’Autorità Anticorruzione, cui presenteremo istanza per conoscere il contratto di sponsorizzazione che, a questo punto, si è trasformato in un vero e proprio mistero.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati