Manfredonia
Intervento del parlamentare del Movimento 5 Stelle

L’Abbate: Sangalli non è più interlocutore credibile per Mf Vetro

"La controversa vicenda della Sangalli Vetro Manfredonia, fiore all’occhiello del distretto di Capitanata, sembra giunta al punto di non ritorno"


Di:

Manfredonia – A seguito delle continue richieste di chiarezza e trasparenza sul Gruppo Sangalli e sullo stabilimento sipontino, iniziata dal suo ingresso in Parlamento, il deputato pugliese L’Abbate (M5S) chiede l’intervento del Governo per una soluzione alternativa per la sopravvivenza del polo industriale e per la salvaguardia dei posti di lavoro

La controversa vicenda della Sangalli Vetro Manfredonia, fiore all’occhiello del distretto di Capitanata, sembra giunta al punto di non ritorno. Con i dipendenti in sciopero perenne dinanzi lo stabilimento sipontino alla disperata ricerca di mantenere il proprio posto di lavoro, il continuo via vai di politici,molti dei quali in campagna elettorale, e di relative promesse, torna a far sentire la propria voce il Movimento 5 Stelle. E lo fa attraverso il deputato pugliese Giuseppe L’Abbate, autore di varie interrogazioni parlamentari dove veniva evidenziata già da più di un anno la precaria situazione del Gruppo Sangalli e del suo futuro societario: il parlamentare 5 Stelle ha fatto visita ai lavoratori dello stabilimento di Manfredonia lunedì mattina.

“Come abbiamo descritto già nell’ottobre 2013, ponendo la nostra denuncia all’attenzione del Governo Letta, è necessario fare chiarezza sul Gruppo Sangalli – dichiara il deputato Giuseppe L’Abbate (M5S) – Alla nostra prima interrogazione, il sottosegretario Dell’Aringa ci aveva assicurato che il forno avrebbe finito il proprio ciclo solamente a fine 2015 e non primad’ora. O il Ministero non ha controllato o vi è la volontà di anteporre il ricatto occupazionale ad ogni altra azione a pochi mesi dalle elezioni. Continuiamo a ribadire ciò che ripetiamo dal nostro ingresso in Parlamento: l’interlocutore Sangalli non è trasparente né credibile. Siamo contenti che anche le Istituzioni siano ora del nostro stesso avviso ma, purtroppo, si poteva e si doveva attivarsi prima. Non si può continuare a dare credito ad un interlocutore che ha alle spalle società lussemburghesi e trust sconosciuti, con soci russi di cui si sa ben poco, con bilanci opachi dove sono contabilizzati ben 350 milioni di costi per servizi mai dettagliati.

L’apertura dello stabilimento speculare di Porto Nogaro – prosegue L’Abbate (M5S) – sembra inserirsi in una logica di depauperamento della Manfredonia Vetro. Il patron Sangalli ha 82 anni, ha già chiuso cinque aziende negli ultimi nove anni, presenta bilanci in perdita, spese in crescita e contestazioni fiscali milionarie. L’ultimo piano con le banche è durato appena sei mesi. Perché continuare a dare credito e concedere un concordato liquidatorio per Manfredonia e uno addirittura con continuità per Porto Nogaro quando, già domani, potremmo ritrovarci punto e daccapo senza, con questo, aver garantito il posto di lavoro a tutti i lavoratori sipontini? Non si può attendere oltre– continua il deputato 5 Stelle – Vi sono alternative concrete che vanno prese in considerazione per dare un futuro alle 400 famiglie sipontine e ad un intero gruppo che ha ampiamente goduto del supporto dello Stato e che funge da risorsa strategica per l’intero territorio di Capitanata e del centrosud italiano, non può permettersi di chiudere anche per cause esterne al suo mercato di riferimento. Quel che chiediamo al Governo è chiarezza e determinazione nelle scelte che effettuerà”.

Con l’ulteriore interrogazione parlamentare dell’ottobre 2014, il deputato pugliese 5 Stelle chiedeva se l’eventuale ricorso allo strumento dell’amministrazione straordinaria non rischiasse di sfociare nell’ambito delicato degli aiuti di Stato. Cosa non dissimile andrebbe a verificarsi nel caso di una dilazione del debito di lungo periodo, concedibile alla Sangalli di Porto Nogaro, dato che il credito principale è comunque una finanziaria regionale, cioè finanziata dai cittadini. “È indispensabile quindi – conclude Giuseppe L’Abbate (M5S) – valutare oggi soluzioni alternative trasparenti e condivise”.

Redazione Stato

L’Abbate: Sangalli non è più interlocutore credibile per Mf Vetro ultima modifica: 2014-12-18T16:35:08+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
10

Commenti


  • Dino

    Noi del M5S,facciamo i fatti,loro solo parole. Se volete (Bordo) incontratevi in parlamento con L’Abbate, magari si instaura una tavola rotonda a favore degli operai.

  • certo che ci sono in foto certi sindacalisti che nella vita non hanno saputo fare lo zero con il bicchiere .
    di questi sangalli ne vuole 100000.
    è tutta una falsa .poveri operai ,che fine,eppure gli stessi operai della manfredonia vetro,credevano di essere i privilegiati rispetto gli operai di altre ditte,e invece farete la stessa fine


  • FRANCESCO

    NON SONO DEL PARERE DI BUTTARE A MARE IL BAMBINO CON TUTTI I PANNI SPORCHI. OCCORRE A MIO UMILE PARERE,APRIRE IMMEDIATAMENTE UN TAVOLO D’INCONTRO A ” ZERO-TEMPO ” CHE VEDA INTORNO AD ESSO,TUTTE LE PARTI IN CAUSA E DI SCIOGLIERE TALE SEDUTA SOLO ED ESCLUSIVAMENTE AD ACCORDO RAGGIUNTO,DURASSE PURE SETTIMANE O MESI,MA SI DEVE TROVARE ASSOLUTAMENTE UNA SOLUZIONE ALLA ” QUESTIONE MANFREDONIA VETRO ” !!!!!!!!!!!!!
    LA PAZIENZA DI TANTE PERSONE QUASI ALLO SCADERE DELLE LORO FORZE FISICHE E MENTALI ,NON POTRA’ DURARE IN ETERNO E PRIMA CHE SI AGGRAVI LA SITUAZIONE E CI SCAPPI QUALCHE INCIDENTE DOVUTO AD UNA CRISI DI NERVI,INTERVENGANO SUBITO GLI ORGANI PREPOSTI E IN PRIMA PERSONA ANCHE IL PRIMO MINISTRO MATTEO RENZI A SCIOGLIERE QUESTO NODO BUROCRATICO E FINANZIARIO E DI METTERE ALLA PROVA IL DOTT.SANGALLI E VALUTARE REALMENTE COSA SI NASCONDE DENTRO AI SUOI ARMADI IN MERITO ALLO STABILIMENTO DI MANFREDONIA……ALMENO QUESTO LO DEVE FARE PER IL BENE DI TANTE FAMIGLIE E PER LA QUIETE SOCIALE !!!!!!!!!!!
    INOLTRE,PERCHE’ LO STATO TRAMITE UNA CORDATA INCLUDENTE : LA REGIONE-PROVINCIA-COMUNI INTERESSATI-FORZE SINDACALI-IMPRENDITORI LOCALI CHE VOGLIONO INVESTIRE IN QUELLA AZIENDA ETC.ETC.NON RILEVA LA STESSA AZIENDA E VISTO LA PROFESSIONALITA’ DEGLI STESSI LAVORATORI , INGEGNERI E TECNICI ….MANDASSERO AVANTI LORO LO STABILIMENTO SANGALLI ?????!!!!!!
    E’ UN’IDEA ,MA POSSIBILMENTE REALIZZABILE VISTA LA GRAVITA’ DELLA QUESTIONE MANFREDONIA VETRO .


  • Incazzatissima

    Come non credere l’on L’Abbate unica persona sulla faccia della terra capace di denunciare le “marachelle” di sangalli. Eppure qualche “sindacalista” …. diciamo con la S maiuscola addiritura metteva in dubbio la bontà delle informazioni atte solo allo screditamento. ….. a quel sindacalista dico una sola parola “.V……….O.”. Poi un pensiero va alla politica Prencipe-Campo-Riccardi- Bordo… siete colpevoli di tutto questo tanto quanto sangalli , vi auguro tutte le fortune “divine”….. e infine un ultimo pensiero va a qualche volta gabbana……ma qui non mi esprimo, potrei essere censurata.


  • luisi

    Bravo Francesco visto che Sangalli vuole solo soldi per far funzionare la baracca è giusto che se ne vada e la baracca venga rilevata da chi ha finanziato e continuerà a farlo cioè noi cittadini.


  • angel

    Non si riesce a trovare imprenditori seri in questo paese vengono a prendere soldi di incentivi e poi scappano


  • Giovanni

    Credetemi a questo punto solo la linea di L’Abbate può risolvere la questione del Gruppo Sangalli. E’ necessario che la politica inviti la procura, i vari ministeri finanze, mise etc, ad indagare sul passato e presente e capire se e quanti punti oscuri nasconde la famiglia Sangalli e se ci sono responsabilità penali che metterebbero in discussione le ultime manovre dell’azienda.


  • pippo calo

    mi dispiace ammetterlo ma sangalli a preso in giro tutti lasciando la fabbrica …


  • occhio x occhio

    Per fortuna esistete. Ci fidiamo di voi. Sono sicuro che ci darete una mano a trovare soluzioni e a far aprire gli occhi agli altri. Avete anticipato quello che stava per succedere con largo anticipo e dimostrando il vostro impegno anche in parlamento con 2 interrogazioni. A questo punto ci aspettiamo altre interrogazioni perchè i Sangalli se le meritano tutte. I lavoratori e le lavoratrici continueranno il presidio almeno sino al 7 gennaio e credo anche oltre perchè nessuno deve portare via i macchinari dallo stabilimento. Se voi ci siete noi ci siamo! Vogliamo che l’azienda fallisca per essere appetibile da altri gruppi di investitori seri e ci sono…. ci sono.. ci sono. Coraggio e caparbietà.


  • GENITORE DISPERATO E PREOCCUPATO !!!

    Sono un famigliare di un giovane lavoratore della Manfredonia Vetro che,dopo anni e anni di attesa e di girovagare da un lavoro ad un’altro aveva finalmente trovato pace nella fabbrica di Sangalli.
    Purtroppo il sogno del mio parente è durato soli pochi anni e oggi siamo NUOVAMENTE punto e a capo.
    Il dramma di tutto ciò…e che ora saremo ancora noi famigliari a sfamare questa famiglia e non sappiamo fino a quando ? Anche noi anziani famigliari abbiamo i nostri problemi e già facciamo fatica a mandare avanti la nostra vecchiaia con tasse e pagamenti che ci hanno messo con il sedere a terra e siamo disperati per tutto quello che stà accadendo ai nostri figli e alle tante famiglie che vivono come noi questo DRAMMA !
    Non sappiamo più come fare e come andrà a finire questa storia????
    Di una cosa sono certo come la morte, che se chiudono e non danno più lo stipendio alle famiglie GIA’ DAL MESE DI GENNAIO ,la cosa non credo che si potrà più controllare e saranno cavoli amari per tutti e non solo per noi poveri famigliari di giovani che hanno perso per colpe di altri il proprio lavoro e la propria dignità …..RICORDATEVELO BENE TUTTI E RICORDO CHE LA MANFTREDONIA VETRO,NON HA MOLTI DEBITI IN QUANTO,E’ UNA FABBRICA PRODUTTIVA E DI ALTA QUALITA’ E LA GENTE CHE CI LAVORA HA DATO L’ANIMA PER OTTENERE IL RISPETTO CHE OGGI HA E NON E’ GIUSTO CHE IL PADRONE E TUTTA LA POLITICA E LE BANCHE ….SE LA VOGLIONO LIBERARE E FARLA FALLIRE……I DEBITI STANNO AL NORD A PORTO NOGANO … E LI’ CHE SONO NATI I PROBLEMI E I GUAI DEI LAVORATORI E DELLA MANFREDONIA VETRO DI MANFREDONIA !!!!!
    VEDESSERO LORO ADESSO COME GARANTIRE IL LAVORO E LO STIPENDIO AI NOSTRI FIGLI E ALLE LORO FAMIGLIE !!!!!!!!!!!!!!!!!!
    NON MOLLATE CARI FIGLIUOLI E DIFENDETE LA VOSTRA AZIENDA DA OGNI ATTACCO E PROVOCAZIONE ….CON LA PACE E LA NON VIOLENZA !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! POI IL RESTO SI VEDRA’ !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! UN FAMIGLIARE STANCO E DISPERATO PER LA SORTE DEI SUOI FIGLI E DI SUOI NIPOTI E NON IMPORTA CHI SONO………POTREI ESSERE UNO DEI TANTI GENITORI E FAMIGLIARI DEI RAGAZZI CHE LAVORANO IN QUELLA FABBRICA DEL VETRO …….SONO UN MANFREDONIANO !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    PREGHIAMO LA MADONNA DI SIPONTO, CHE CI FACCIA LA GRAZIA !!!!!!!!!!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This