ManfredoniaSpettacoli
Tante “pennellate” di colori diversi che in poco più di un’ora hanno tracciato un ritratto di Eduardo ricco di sfumature

“Germogli” al Dalla, l’anno si chiude nel segno della poesia

La Danieli, cambiando voce ed espressione ad ogni brano, ha fatto da tramite fra Eduardo e il pubblico


Di:

Manfredonia. IERI sera ultimo appuntamento del 2015 per “Germogli”, la stagione di prosa del teatro comunale Lucio Dalla. Si è chiuso l’anno nel segno della poesia e della musica popolare e colta insieme, con Isa Danieli e Danilo Rea in “Amati fogli sparsi-Eduardo in parole e musica”. L’attrice napoletana, nota al grande pubblico per il ruolo di Reginella nella fiction “Capri”, ma soprattutto grandissima interprete di commedie Eduardiane, ha raccontato Eduardo attraverso i suoi stessi testi: poesie, canzoni brani tratti da commedie, come il famosissimo dialogo fra Bonaria e la signora Speranza alla taverna, tratto da “Gli esami non finiscono mai”. Ma anche brani più scanzonati come “Cravatte, signori cravatte” attraverso cui un commerciante presenta la sua merce (con scarso successo). Tante “pennellate” di colori diversi che in poco più di un’ora hanno tracciato un ritratto di Eduardo ricco di sfumature: un uomo ironico capace di guardare al dramma con un sorriso e viceversa di trovare il lato malinconico dell’allegria ostentata.

La Danieli, cambiando voce ed espressione ad ogni brano, ha fatto da tramite fra Eduardo e il pubblico. Sono bastati un leggio, la sua intensità e la sua eleganza a riempire una delle “facce” di questa raffinata medaglia che è “Amati fogli sparsi”. L’altra “faccia” dello spettacolo è la musica del maestro del piano jazz Danilo Rea: riduttivo definirlo un semplice accompagnatore della voce della Danieli. In più di un’occasione il suo estro trasborda i confini dell’accompagnamento e l’attrice glilascia l’intera scena (“facimlsfucà nu poc’”, scherza, prima di lasciare il palco). Nascono così delle meravigliose versioni jazz dei classici napoletani “Tammurriata nera” e “Te vojo bene assaje”: energiche e vibranti, lo spettatore le vive con tutto il corpo. A fine spettacolo Isa Danieli ha salutato il pubblico di Manfredonia ringraziandolo per il suo calore. “Oggi ho avuto problemi con la voce e stavo per rinunciare allo spettacolo-ha spiegato- ma sono felice di non averlo fatto: per fortuna i farmaci mi hanno aiutato e voi siete un pubblico meraviglioso!”.

(A cura di Annapina Rinaldi – aprinaldi@alice.it)

“Germogli” al Dalla, l’anno si chiude nel segno della poesia ultima modifica: 2015-12-18T19:16:26+00:00 da Annapina Rinaldi



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi