Foggia
Da una parte qualcuno indice una conferenza stampa, atteggiandosi a prima donna, in una delicata fase in cui l’unione, almeno nelle azioni, anche se con posizioni diverse

ATAF, Cisl: “attendiamo alternativa al piano industriale aziendale”

Oggi siamo chiamati a fare di più, ma per tutti, non dimenticando quei lavoratori che pur avendo avuto garanzie di assunzione attraverso le agenzie di somministrazione e non dirette


Di:

Foggia. ”Il silenzio di quest’organizzazione che ha voluto rispettare le posizioni delle altre sigle, in una fase di forte agitazione per la vicenda Ataf, non può perdurare, anche perché quelle sigle sindacali aziendali da rispettare non rispettano, a loro volta, bensì strumentalizzano la posizione della CISL e dei suoi rappresentanti. La CISL è un sindacato di concertazione e di tutela di tutti i lavoratori indiscriminatamente. Non vanno dimenticate le continue sollecitazioni promosse dalla FIT per alzare il livello di attenzione sulla vicenda ATAF che da tempo desta forte preoccupazione per problemi finanziari. Parimenti, però, va posta la dovuta considerazione nella valutazione che tutti i lavoratori hanno diritto alla tutela della propria dignità e il diritto al lavoro: basti pensare che anche i lavoratori tutti della sosta a pagamento hanno contribuito ad un primo risanamento dell’Ataf. Oggi siamo chiamati a fare di più, ma per tutti, non dimenticando quei lavoratori che pur avendo avuto garanzie di assunzione attraverso le agenzie di somministrazione e non dirette, nell’ultima assemblea dei soci Ataf del 26 novembre 2015, sono ancora in attesa di stabilizzazione, POICHE’ LE PROCEDURE MESSE IN ATTO RALLENTANO TALE PROCESSO.

Da una parte qualcuno indice una conferenza stampa, atteggiandosi a prima donna, in una delicata fase in cui l’unione, almeno nelle azioni, anche se con posizioni diverse, è fondamentale per l’interesse di tutti, mentre dall’altra, il Fast, non firmatario del CCNL Autoferrotranvieri, spara a zero contro l’Amministrazione e la Proprietà solo per una visibilità mediatica e non per la risoluzione dei problemi dei lavoratori. Siamo spettatori di un farsa che, a lungo andare ci potrebbe solo portare alla prima fase di un’AMICA bis. Non si tratta di accanimento terapeutico ma della consapevolezza che solo una forte dose di antibiotico potrà salvare il malato, da un destino drammatico: non dobbiamo permettere a nessuno che si stacchi la spina. In conclusione, alla luce dell’impossibilità dichiarata da parte della proprietà di risanare il debito della società Ataf e al fine di evitare conseguenze gravissime, la Fit ha più volte rimarcato la necessità di trovare soluzioni alternative sul piano industriale, attraverso il confronto, onde consentire: la sopravvivenza della Società; la riqualificazione del personale “da manovale a conducente” richiesta dagli stessi lavoratori; la trasformazione del contratto da part time da 30 a 39 ore; il mantenimento della biglietteria presso il terminal intermodale. Restiamo pienamente disponibili a valutare congiuntamente, qualora ci fosse presentato, una proposta alternativa al piano industriale aziendale, mantenendo stretti principi ed obiettivi. A tutti i lavoratori va chiarito che il sindacato ha l’obbligo di tutelare tutti i lavoratori indiscriminatamente anche se a volte può apparire impopolare per qualcuno”.

(Foggia lì 18/12/2015 – IL SEGRETARIO GENERALE Giuseppe Lo Muzio)

ATAF, Cisl: “attendiamo alternativa al piano industriale aziendale” ultima modifica: 2015-12-18T10:00:09+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi