Manfredonia

Canile San Giovanni: “fermare la deportazione di 50 cani”

Di:

Cane ospite di un canile (fonte image, archivio - nuovosoldo.files.wordpress.com)

San Giovanni Rotondo – “FERMARE la deportazione di 50 cani del nostro canile”. E’ quanto dicono in una nota gli amici del canile di San Giovanni Rotondo, in provincia di Foggia.

“Questa storia va avanti da diversi tempo. Già nello scorso luglio i cani dovevano esser deportati ma fortunatamente si son verificati eventi che hanno permesso di rinviare l’azione. Lunedì 14 Gennaio 2013, i referenti di un’associazione di Vieste, accompagnati dall’Asl Veterinaria con il dott. Francesco Fini e il comune di San Giovanni Rotondo, si sono presentati al canile con l’intento di prendere questi 50 cani e trasferirli in un canile privato. Ma la deportazione è stata rinviata a mercoledì 23 Gennaio 2013“.

Quali le cause del provvedimento? “L’allontanamento dei cani da San Giovanni a Vieste è dovuta all’esubero presente al canile. Peccato che forse si tratta dell’unico canile nella provincia di Foggia che abbia un esubero di soli 50 cani. Basti pensare che in altri canili della Provincia il numero delle presenze ammonti a 350, 450, 600“.

“Il canile di San Giovanni Rotondo vanta di numerosi cani educati e ben socializzati, grazie ai responsabili dello stabile e gli educatori cinofili che permettono ai cani presenti al canile di vivere al meglio. I cani escono 2 volte al giorno dai propri box regolarmente e socializzano con gli altri cani in maniera impeccabile. I box vengono puliti secondo le norme igieniche sanitarie e non si verificano casi di maltrattamento. Ogni cane segue un percorso educativo con educatori cinofili affinchè le famiglie possano avere tra le mani un cane educato e socievole”.

“Nell’ipotesi in cui un domani i responsabili del canile privato di Vieste decidono di non far ritornare i cani nel canile di San Giovanni Rotondo la proprietà di questi 50 cani passerà nelle mani di questo canile di Vieste, e noi di San Giovanni potremmo più gestire le adozioni”. “Peccato che per altri l’esubero di 50 cani nel canile di San Giovanni Rotondo sia pari ai beagle di Green Hill. Noi siamo amanti dei cani non dei soldi. Non permetteremo di utilizzare queste creature come merce di scambio, con il rischio di rovirnali da un punto di vista educativo e comportamentale”.

“Il nostro canile da accesso ai volontari ed educatori volontari, abbiamo adozioni in tutta italia (200 adozioni negli ultimi 2 anni, 30 solo negli ultimi 6 mesi)”, concludono gli amici del canile di San Giovanni Rotondo, della responsabile Annalisa Scarpiello.


Redazione Stato@riproduzioneriservata



Vota questo articolo:
32

Commenti


  • tonino led

    PERCHE’ I RESPONSABILI DEL CANILE DI VIESTE NON SI RIVOLGONO A QUELLO DI MANFREDONIA, CHE DA DIVERSI ANNI E’ ULTRAPIENO?.


  • Giuseppe Fatone

    Tonino led, il canile di vieste non deve rivolgersi a nessuno. Dovrebbe essere l’asl e l’amministrazione comunale ad intervenire sul canile di Manfredonia…DOVREBBE! fino a qualche tempo fa il rifugio di manfredonia vantava di un numero di gran lunga superiore ai cani presenti nel canile di San Giovanni Rotondo, ora non saprei! Ma purtroppo come si suol dire “il cetriolo lo prende sempre l’ortolano” 😉


  • agguerrito

    Ma se i cani sono ben inseriti nel canile di S.G.Rotondo, perchè deportarli a Vieste?
    Mahhhhh!!!!!!!
    Ma lasciateli stare dove sono……..e se ne volete altri….ce ne sono di meno fortunati per la strada.


  • EDWARD CULLEN

    E UNA VERGOGNA TRASPORTARE I CANI IN UN’ALTRO POSTO.GUARDA SE IO ERO UNA VOLONTARIA DEL CANILE IO GLI FACEVO UNA MULTA IMMEDIATAENTE,PERCHE NON CAPISCONO CHE TUTTI GLI ANIMALI COMPRESO CANI SOFFRONO IN MACCHINA,ECC.E UNA SCHIFO VERAMENTE.POVERI ANIMALI CHIUSI IN UNA GABBIA E HANNO UNA LIBERTA’ IN CUI CORRERE,GIOCARE,POVERINI VERAMENTE.


  • renesmee

    infatti e una vergogna trasportare i cani da un posto all’ altro. a parte che soffrono.a me dispiace che i cani nei canili devono stare in quelle piccole gabbie che ne possono correre,fare le feste ai volontari ecc.i cani devono stare liberi e si devono poter muovere.


  • Grazie Stato Quotidiano

    Io deporterei in un isola sperduta chi sta portando questa città al massimo degrado igienico, ovvero una quantità enorme di padroncini e padroncini di cani. Stamane, a piedi, ho percorso 4 chilometri in città, non c’è un tratto che superi i 50 metri dove non ci sia un escremento canile! E un emergenza sanitaria, uno schifo da vedere!!
    E’ mai possibile che centinaia di persone portano fuori di casa le bestie (innocenti) per farle defecare e poi non provvedono a pulire, cosi come previsto per legge oltre che buon senso civico? Ho letto che c’è un nuovo assessore alla sicurezza, speriamo che si faccia promotrice di una forte sensibilizzazione alla popolazione, non con opuscoli e palette gratis, ma con multe, multe e multe!! E’ una vergogna senza fine.


  • agguerrito

    Non posso che darti ragione…”grazie stato quotidiano “.
    Stamattina passeggiando con i miei due cani su viale miramare, notavo con vergogna una marea di escrementi non raccolti, anzi…. ho raccolto anche una non mia.


  • chiara

    Il canile di Vieste dice di avere circa 180 cani.
    Ma allora perchè sono dichiarati solo 90 di cui 3 deceduti e 1 adottato.
    Quindii 100 cani sono senza microcip ed abusisi.
    Dott Fini vada a contare icani del canile di Vieste e poi dia uno sguardo all’anagrafe canina. Ci sono 180 ospiti ma sono dichiarati solo 86 perche’? Ci da una spiegazione.


  • Giuseppe Fatone

    @grazie stato quotidiano, come al solito dei più scontato di una qualsiasi merce in saldo! E baaasta!!! Come sempre devi uscirete e con commenti che nn hanno nulla a che fare con il tema Dell articolo. Per una volta riuscirai a non esser fuori tema negli articoli cinofili????


  • kit

    Appoggio Giuseppe Fatone.


  • Grazie Stato Quotidiano

    Si parla di deportazione di cani è allora io sono rimasto in tema, ovvero deportare i proprietari incivili dei cani. Fino a quando i miei occhi vedranno tutto lo schifo che si vede e la redazione mi ospiterà, lo metterò sempre in risalto..ovvero che è una emergenza sanitaria è un colpo molto duro per l’immagine della città.
    Cordiali saluti


  • Lady Kat

    SE NON SIETE CAPACI DI GESTIRE I VOSTRI CANI COMPRATEVI UN BEL GATTINO!!


  • Lady Kat

    TOGLIAMO L’IMU E LA TARES A MANFREDONIA E METTIAMO UN BELLA TASSA CUI CANI!!


  • Grazie Stato Quotidiano

    D’accordissimo con la signora kat, se il comune non vuole multare gli incivili che sporcano, allora benissimo una bella tassa rapportata al peso della bestia.
    Cordiali saluti


  • L'ultimo dei giusti

    Recanati
    Lotta dura contro i proprietari maleducati di animali. Il sindaco Fiordomo ha emesso in questi giorni un’ordinanza sindacale con la quale, come più volte annunciato, detta le condizioni per una civile convivenza fra animali e cittadini. Oltre a ribadire gli obblighi di legge relativi all’anagrafe canina il sindaco con l’ordinanza n° 125 vieta l’ingresso dei cani in tutti i giardini pubblici comunali tornando indietro rispetto a quanto, nel 2000, decise l’ex sindaco Corvatta con un’innovativa ordinanza relativa proprio ai diritti degli animali che gli valse una segnalazione sul “Guardian” di Londra perché considerata molto innovativa e a favore dei cani. Ai proprietari e detentori a qualsiasi titolo di cani si ribadisce l’obbligo di raccogliere le eventuali deiezioni dei propri animali e, anzi, a richiesta dei vigili dovranno dimostrare di avere sempre con sé idonei strumenti di raccolta, e cioè paletta e sacchetto, in ogni luogo della città. L’ordinanza prevede anche la possibilità di elevare multe ai disobbedienti da un minimo di 25 ad un massimo di 500 euro. Il provvedimento si è reso necessario, dice il sindaco, viste le reiterate segnalazioni e lamentele per il comportamento scorretto di molti proprietari o detentori di cani, per l’evidente loro assenza di dovere civico e perché spesso i cani non sono custoditi con le debite cautele con conseguente potenziale pericolo per la sicurezza delle persone. Infine esiste il pericolo, dice ancora il sindaco, che l’imbrattamento del suolo pubblico con escrementi e liquidi fisiologici canili possa comportare un rischio per la salute della popolazione. Rimane invece irrisolto il ben più grave problema degli escrementi a terra lasciato dalla ormai inestimabile popolazione dei piccioni torraioli.

    Per fortuna a Manfredonia non abbiamo il problema dei piccioni.


  • Mr face book

    Come invidio le comunità che hanno un sindaco.


  • kit

    Di nuovo fuori tema.
    -Grazie Stato Quotidiano: insiste nella diatriba delle cacche! forse è attorniato da tanta cacca che vorrebbe cambiar vita. Voto 4.
    -Lady Kat: nonostante un nome di animale si mostra nemica degli stessi. L’unica conseguenza di una tassa su i cani è che i proprietari abbandoneranno (…forse perchè non si riesce a mettere il piatto a tavola!) gli stessi alla prima occasione con un rilevante problema di randagismo, ordine pubblico e igiene. Voto 2.
    -L’ultimo dei giusti: il ragazzo si è impegnato nel fare una ricerca, purtroppo la stesa ordinanza o simile nel contenuto è stata emanata anche dal nostro beneamato sindaco. Inutile. Voto: 5.
    Adesso torniamo al tema dell’articolo:
    Canile San Giovanni: “fermare la deportazione di 50 cani”.


  • Grazie Stato Quotidiano

    Professor Kit, carina la tua pagella..torniamo al tema, e ora x favore non farmi le solite pippette.
    Visto che a Manfredonia ci sono tanti amanti dei cani perchè non promuovete un adozione? Se ne vedono tanti in giro con due o e tre cani, se uno ama tanti i cani e ne possiede uno e ha delle spazio a disposizione e tempo da dedicargli perchè non adottarlo?


  • kit

    Oh! Bravo! sono d’accordo con la tua proposta: chi ha la possibilità adotti un cane!


  • Giuseppe Fatone

    Se esistesse una tassa sul numero di cavolate che spara la gente credo che manfredonia diventerebbe il paese piu ricco.

    con questo Kit non rispondergli piu, stiamo facendo il loro sporco gioco. lasciamo che se la suonino e cantino da soli. Continuate a consumare inutilmente i tasti delle vostre sprovvedute tastiere.

    Tornando al tema, https://www.facebook.com/events/405297542887623/ su questa pagina potete vedere le foto dei 50 cani in lista deportazione


  • agguerrito

    Comunque “grazie stato quotidiano” ci sono problemi ben più gravi da risolvere. Certo, la maleducazione da fastidio anche a me, ma lei a volte esagera.

  • Lasciate a casa loro i cani nn privateli di ulteriore dignità, siamo un popolo civile e lo dobbiamo dimostrare!


  • ciccia

    Per Chiara: forse è meglio che si informi meglio lei e non il dott. Fini perché il canile di Vieste L’Arca di Noè dichiara 180 cani e non 80 come dice lei.


  • Fetty

    Chiara, ribadisco quanto è stato detto da Ciccio! A quanto pare è lei ad essere poco e male informata. Il canile di Vieste dichiara non di avere 86 cani, bensì 180. Evidentemente le sue fonti informative hanno fatto cilecca. Mi sento in dovere di rispondere anche ad altri commentatori che ignorano palesemente la motivazione del trasferimento di questi 50 cani: il provvedimento è stato preso per il semplice fatto che il canile sanitario di San Giovanni Rotonodo ha una capienza per soli 16 cani, ma in realtà ce ne sono non il doppio, non il triplo, il quadruplo o il quintuplo in più, bensì più del sestuplo! Credo proprio che questa sia una giusta causa per consentire il trasferimento di queste povere anime!


  • Giuseppe Fatone

    Perché ho il sospetto che fetty e ciccia se non sono la stessa persona, sono persone che lavorano o che per lo meno sono intrallazzate col canile di vieste????? Bah chi lo sa 😉

    L esubero non è stato mai negato. Partiamo sempre da questo presupposto. La cosa che forse non vi è chiara è un’ altra: avete idea di che trauma passerebbe un cane che magari viene da un maltrattamento, passare da un canile ad un altro???

    Con le tue parole Alludi ad un maltrattamento…VIENI A VISITARE IL CANILE (sempre se non ci siete mai stati eh…;)) vieni a vedere come tutti i cani sono ben socializzati tra di loro, e chiediti pure perché 50…60…70 cani non si uccidono tra loro. Chiediti come è possibile che non scattino risse manco col cibo a terra. Chiediti perché un cane che è entrato come morsicatore con il lavoro dei volontari e i responsabili sia uscito in passeggiata con la pettorina e il guinzaglio. Chiediti perché i cani del canile di san giovanni non sono nervosi o stressati. A manfredonia si dice “fatt ba dumand e datt na rispost!” ….a vieste non lo so come si dice ma il senso è quello 😉

    Smettiamola con questi falsi moralismi, e smettiamola di ritenerci pure animalisti se crediamo che i 50 cani di esubero a san giovanni siano il problema della puglia….in altri canili sai benissimo di quant è l esubero.

    Smettiamola di vedere i cani come unica fonte di denaro! Perché per alcuni è business! Pensiamo una Santa volta a questi poveri cani! Il trasferimento per me è non sono un puro “maltrattamento” psicologico, ma è anche una condanna (dati i risultati di alcuni cani ritornati da vieste), cani che non saranno mai più adottati perché hanno patologie comportamentali MOLTO GRAVI! Ma del resto…50 cani in più sono una giusta causa per instaurare nei 50 cani patologie comportamentali che gli garantiranno un posto a vita in un box di canile perché ormai nessuno vuole cani depressi o con comportamenti stereotipati o paurosi…….o mi sbaglio ciccia-fetty o fetty-ciccia?? 😉

    Hasta la victoria….siempre!!

    Enjoy it!

    Ps: sia chiaro che non ho accusato il canile di vieste per maltrattamento, non ho le prove per dimostrarlo. Ciò che ho detto è semplicemente in base alle mie competenze e conoscenze da educatore cinofilo volontario del canile e dallo stato di salute mentale di Nero, Lupo e qualche altro.


  • carmine natale

    basta!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!


  • la bruna anita

    contenta x quelle 50 anime x le quali e’ stata fatta la grazia”grazie sindaco di s. giovanni rotondo”.
    x quanto riguarda la struttura che li avrebbe dovuti ospitare,do un consiglio gratuito…”approfittate della fiducia che vi si era proposta e adoperatevi prendendo esempio dal canile di s. giovanni rotondo,ammansendoli e curandovi piu’ dei vostri cani,gli esuberi si controllano con l’adozioni,e i cani equilibrati non tornano indietro”.


  • annamaria

    sta girando un’email del direttore generale dell’asl foggia attilio manfrini che afferma di essere intervenuto per bloccare il trasferimento dei 50 cani del canile comunale di san giovanni rotondo.


  • Ciccia

    Qua si sta parlando ancora di lucro?!?!? Ma avete capito quanti soldi la sig.ra scarpiello percepisce annualmente per questi cani????? —– (PER LA PUBBLICAZIONE DI QUESTI DATI INVIARE NOTA O DOCUMENTAZIONE,GRAZIE)

    A vieste ne basterebbero la metà per essere trattati allo stesso modo o persino meglio! Volete sapere la differenza fra il canile di vieste e quello di San Giovanni qual’e? Al canile di vieste, essendo una onlus deve tassativamente spendere tutti gli introiti per i suoi cani; quello di San Giovanni invece no!!! Ciò significa che una volta spesi – Cifra teorica)tutto il restante va alla ——.. Vogliamo ancora parlare di trasferimento per motivi di lucro???


  • Giuseppe Fatone

    Cara ciccia…non hai risposto al mio commento….o meglio hai risposto solo a quello che ti conviene.

    ma del resto, con te cercare un dialogo costruttivo è come utilizzare un colapasta senza buchi.

    saluti


  • chiara

    Leggo solo ora anche se è tutto bloccato rispondo a ciccia ènon so chi. Non è vero cari voi dichiarate 86 cani non 180 ho la stampa cari di tutti cani con nomi e numeri di microcip. Io SONO INFORMATISSIMA anche di tutti i vostri altarini.


  • Giuseppe Fatone

    Chiara È possibile rendere pubblico questo documento?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi