Capitanata

Cerignola, armi e veicoli rubati in autoparco; un arresto (FT-VD)

Di:

Cerignola, rinvenute armi e veicoli rubati in box di un autoparco; un arresto (FT)

Cerignola – I Carabinieri della Compagnia di Cerignola hanno tratto in arresto, in flagranza di reato Domenico Di Lernia, classe 1946, ritenuto responsabile di detenzione illegale di armi e munizioni e ricettazione di armi e veicoli. A seguito di un controllo espletato dai Carabinieri della Stazione di Cerignola, unitamente a personale della Compagnia di Intervento operativo di Bari, presso un autoparco sito in via Torricelli, all’interno di uno dei box in uso a Di Lernia sono stati rinvenuti un’Audi S6 ed un quadriciclo.

Ispezionato il veicolo al suo interno i Carabinieri hanno trovato una pistola Beretta calibro 7,65 risultata rubata a Orta Nova, un fucile a canne mozze marca Sabatti risultato oggetto di furto a Foggia, una pistola scacciacani modificata ed in grado di esplodere colpi di arma da fuoco nonché una pistola giocattolo. Sempre all’interno dell’autovettura vi erano oltre 100 cartucce di vario calibro. Nella disponibilità dell’arrestato sono state trovate altresì 2 ricetrasmittenti ed un disturbatore di frequenze artigianale (jammer) oltre ad un lampeggiante ed una paletta del tipo in uso alle forze di polizia ed una maschera di plastica per camuffare il volto. Interrogata la Banca Dati Forze di Polizia è emerso che le targhe apposte all’Audi appartenevano ad una Bmw rubata il 16 novembre scorso a Cassano delle Murge (BA). Il meticoloso controllo del telaio dell’autovettura ha consentito di accertare che la stessa era oggetto di furto denunciato il 15 novembre scorso a San Salvo (CH). Anche il quadriciclo è risultato rubato a Barletta il 2 ottobre scorso.


Un momento della conferenza stampa nella sede del comando provinciale dei carabinieri (ST@)

Da quanto emerso, il sospettato risulta avere precedenti per reati contro il patrimonio. Secondo quanto riferito nella conferenza stampa dagli inquirenti, “è verosimile che le strumentazioni sequestrate sarebbero state usate a scopo di rapina, e per eludere, e rendere più difficoltose sia le intercettazioni, che le indagini”. Proseguono intanto le indagini incentrate soprattutto sulle autovetture, ed i mezzi rubati.

Redazione Stato, inesmacchiarola@riproduzioneriservata


Photogallery




VIDEO



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi