Foggia

Piano nazionale aeroporti, Gino Lisa “scalo regionale”, attesa per bando

Di:

Aeroporto Gino Lisa (statoquotidiano)

Foggia – “MILANO Malpensa, Venezia, Pisa/Firenze*, Roma Fiumicino, Napoli, Bari, Lamezia, Catania, Palermo, Cagliari: “Aeroporti strategici”. Restanti aeroporti di interesse nazionale: Milano Linate, Torino, Bergamo, Genova, Brescia, Cuneo, Verona, Treviso, Trieste, Rimini, Parma, Ancona, Roma Ciampino, Perugia, Pescara, Salerno, Brindisi, Taranto, Reggio Calabria, Crotone, Comiso, Trapani, Pantelleria, Lampedusa Olbia, Alghero: “Restanti aeroporti di interesse nazionale”. Nella seduta di consiglio dei Ministri del 17 gennaio 2014, il Ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Maurizio Lupi, ha svolto un’informativa sul Piano nazionale degli aeroporti. Come prevedibile, lo scalo ‘Gino Lisa’ di Foggia non è entrato nel gruppo di aeroporti di interesse nazionale, rientrando dunque tra gli scali minori e quindi a totale carico della Regione.

Il piano in ogni modo non è stato ancora approvato in via definitiva: “dovrà discuterne prima la Conferenza Stato-Regioni, quindi tornerà in consiglio dei ministri per l’approvazione ed infine arriverà in Parlamento per essere vagliato dalle Commissioni competenti”.

Resta ora il dubbio sul futuro della pista del Gino Lisa. “Dopo una lunga vertenza, la comunità Dauna ha ottenuto che la Regione apriresse un bando per interventi funzionali all’allungamento della pista dagli attuali 1.600 metri a 2.000” con progetto ancora in piedi nonostante il Piano. Prevista per il 30 gennaio prossimo la scadenza dei termini del bando. Spetterà alla Commissione Europea stabilire se per l’intervento sulla pista possono essere utilizzate risorse pubbliche o diversamente “in quanto aiuti di Stato”.

IL PIANO

SLIDE



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi