GarganoManfredonia
"Quattro anni fa la Puglia ha già vissuto l’esperienza traumatica per la collettività di un Piano di rientro dal deficit"

De Leonardis: “Amarezza e preoccupazione per il nuovo piano di riordino”

"Un conto ancora una volta salatissimo dovuto alla mancanza di programmazione e capacità di riorganizzazione"

Di:

Bari. “Quattro anni fa la Puglia ha già vissuto l’esperienza traumatica per la collettività di un Piano di rientro dal deficit e di Riordino ospedaliero che ha avuto un impatto devastante per i rispettivi territori. Ma che tuttavia non è riuscito poi a modificare in meglio la sanità pugliese, perché le strutture chiuse hanno continuato a rappresentare un costo senza alcun ritorno, le riconversioni promesse sono rimaste tali, solo sulla carta, la medicina territoriale non è mai decollata e non si è registrato alcun intervento incisivo sul fronte della lotta agli sprechi e per eliminare la disomogeneità di prestazioni e costi tra una struttura e l’altra, tra un territorio e l’altro. Un continuo navigare a vista che oggi ci coglie ancora una volta spiazzati dai nuovi tagli e dai criteri imposti dal DM 70/2015 e dalla Legge di Stabilità 2016 del Governo nazionale, cui sarà adesso fin troppo facile scaricare tutte le colpe e responsabilità per il nuovo Piano di riordino, la cui prima bozza è stata finalmente presentata stamane in III Commissione dal Presidente Emiliano e dal Direttore del Dipartimento Sanità Gorgoni, e che prevede la chiusura di 9 ospedali e il declassamento di numerosi altri. Un conto ancora una volta salatissimo dovuto alla mancanza di programmazione e capacità di riorganizzazione, di verifiche e controlli (come evidenziato ripetutamente dalla Corte dei Conti e dalle inchieste della magistratura in questi anni), che continueranno a pagare i cittadini e gli operatori, e che produrrà inevitabilmente una crescita della mobilità passiva verso altre Regioni, fenomeno che andrebbe invece contenuto – vista l’incidenza sulle casse regionali – migliorando la qualità e la quantità delle prestazioni erogate sui territori. Un copione che si ripete senza sostanziali sorprese e novità, purtroppo. E non possiamo nascondere la nostra amarezza, delusione e preoccupazione per quello che potrebbe succedere”. Lo dice in una nota Giannicola De Leonardis.

De Leonardis: “Amarezza e preoccupazione per il nuovo piano di riordino” ultima modifica: 2016-02-19T19:39:11+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi