Cronaca
"La rappresaglia non porta mai alla risoluzione dei conflitti"

Papa “Rispondiamo con il bene a coloro che parlano male di noi”


Di:

Roma. Rispondere al male con il bene è uno degli elementi chiave della “rivoluzione cristiana” che Gesù insegna: si tratta di un superamento della legge del taglione che non implica un diniego della giustizia ma la realizzazione di una giustizia superiore, ispirata alla Misericordia del Padre, e volta a non fomentare la vendetta.

La tentazione, infatti, quando rispondiamo a un torto che abbiamo subito non è quella di cercare la vera giustizia ma è quella di cercare vendetta
. Gesù, invece, ci invita a “distinguere tra giustizia e vendetta“. Come si fa questo? “Gesù non chiede ai suoi discepoli di subire il male – ha spiegato il Vescovo di Roma durante la propria riflessione prima della preghiera mariana dell’Angelus – anzi, chiede di reagire, però non con un altro male, ma con il bene. Solo così si spezza la catena del male“.

“La rappresaglia non porta mai alla risoluzione dei conflitti. – ha commentato Francesco – ”Tu me l’hai fatta, io te la farò”: questo mai risolve un conflitto, e neppure è cristiano“.

Va da sé che, reagire con il bene quando si riceve del male, “può comportare anche la rinuncia ad un legittimo diritto“, e in tal senso Gesù stesso “ne dà alcuni esempi: porgere l’altra guancia, cedere il proprio vestito o il proprio denaro, accettare altri sacrifici…“, ha sottolineato Bergoglio, “ma questa rinuncia non vuol dire che le esigenze della giustizia vengano ignorate o contraddette; no, al contrario, l’amore cristiano, che si manifesta in modo speciale nella misericordia, rappresenta una realizzazione superiore della giustizia“.

In ottica cristiana, dunque, seguendo l’insegnamento di Gesù, “ci è consentito di chiedere giustizia; è nostro dovere praticare la giustizia. Ci è invece proibito vendicarci o fomentare in qualunque modo la vendetta, in quanto espressione dell’odio e della violenza“.

Quando parliamo di “nemici” non dobbiamo pensare a chissà quali persone diverse e lontane da noi; parliamo anche di noi stessi, che possiamo entrare in conflitto con il nostro prossimo, a volte con i nostri familiari. Quante inimicizie nelle famiglie, quante! Pensiamo a questo.“, ha dunque concluso Papa Francesco, “Nemici sono anche coloro che parlano male di noi, che ci calunniano e ci fanno dei torti. E non è facile digerire questo. A tutti costoro siamo chiamati a rispondere con il bene“.

Rispondiamo con il bene a tutti coloro che parlano male di noi

Papa “Rispondiamo con il bene a coloro che parlano male di noi” ultima modifica: 2017-02-19T18:02:24+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi