"Il 17 aprile ci sarà un referendum in Italia, non sarà facile raggiungere il quorum"

Trivelle: Jovanotti, io voto sì

"Quelle contrarie al Si sostengono che non ci siano rischi e che così il paese rinuncia a profitti e posti di lavoro"

Di:

Roma. ”Il 17 aprile ci sarà un referendum in Italia, non sarà facile raggiungere il quorum (il 50 per cento degli aventi diritto al voto, sennò il referendum non è valido) ma vale la pena tentare. Si tratta di scegliere se continuare la trivellazione del mare di fronte alle nostre coste per cercare petrolio e gas naturale. Considerato il fatto che il petrolio è ancora necessario ma non può essere il futuro dell’energia per il pianeta (ci vorrà ancora tempo ma la direzione e il cammino verso nuove fronti energetiche più sostenibilii è inesorabile) io andrò a votare perché credo che in Italia i rischi di queste trivellazioni siano maggiori dei vantaggi, e che cercare petrolio vicinissimo alla costa sia comunque una cosa fuori dalla storia, specialmente in un paese come il nostro. È la mia opinione, dopo aver raccolto infromazioni e parlato con persone favorevoli e contrarie. Quelle contrarie al Si sostengono che non ci siano rischi e che così il paese rinuncia a profitti e posti di lavoro. I favorevoli dicono che un paese ecologicamente più sicuro e sostenibile è un valore irrinunciabile che può generare occupazione e quindi profitto senza rischi per l’ambiente ma anzi in maggiore armonia. Vi metto il link, di Greenpeace, che insieme a Legambiente sostiene il SI al referendum. Ciao a tutti!”.

Lo scrive Lorenzo Jovanotti su Twitter e Facebook.



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Mariello

    Scusate ma questo non è lo stesso Lorenzo Jovanotti che appoggia in maniera più o meno incondizionata il governo Renzi?
    Perché non ha aggiunto che è scandaloso il tentativo del governo di insabbiare il referendum?
    mmmmmhhhhhhhhhhhh

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi