Foggia
Gli uomini di Stroppa salgono a +4 sui salentini

Super Foggia vede la B: tris al Lecce

Oltre 15.000 gli spettatori paganti


Di:

Foggia. IL Foggia batte 3-0 il Lecce e mette un piede in serie B. Marcature siglate al 29′ da Mazzeo, al 33′ da Coletti, al 53′ da Deli. Gli uomini di Stroppa salgono a +4 sui salentini. Strepitoso il pubblico rossonero. Oltre 15.000 gli spettatori paganti.

Segue la cronaca completa

Il Foggia schianta il Lecce e si lancia verso la B. Allo “Zaccheria”, nel big-match della 30^giornata di Lega Pro, i rossoneri superano per 3-0 i salentini, schiacciati dalle reti di Mazzeo, Coletti e Deli, che consegnano a Stroppa tre punti fondamentali nella rincorsa alla serie cadetta.

Squadre schierate con un modulo a specchio, sia Stroppa che Padalino scelgono il 4-3-3: c’è Chiricò e non Sarno nel tridente rossonero, mentre gli ospiti si affidano a Costa Ferreira e Doumbia a sostegno di bomber Caturano. Il Foggia gestisce il pallino del gioco fin dalle prime battute, guadagnando un calcio di punizione interessante al 2’, ma la conclusione di Coletti sfiora soltanto il palo alla destra di Perucchini. Subito dopo si fa vedere anche il Lecce, Fiordilino prova l’imbucata per Pacilli, che però si allarga troppo e trova la respinta di Guarna in corner. Satanelli ancora pericolosi da calcio piazzato, al 25’ ci prova Martinelli con la potente conclusione dal limite, ma Perucchini è bravo e la inchioda a terra. Il vantaggio dei padroni di casa arriva al 29’: Deli pesca Mazzeo, che entra in area e fa fuori anche Perucchini, appoggiando in rete per l’1-0. Il boato dello “Zaccheria” è assordante! Non passano neanche 4’ ed il Foggia trova il raddoppio: Coletti controlla sui trentacinque metri e lascia partire un bolide imprendibile per Perucchini, con la sfera che termina all’incrocio, scatenando il delirio dell’impianto foggiano. Si va dunque all’intervallo con il risultato sul 2-0 per i padroni di casa.

Nella ripresa il Foggia non perde tempo, trovando il tris al 53’: Coletti verticalizza con precisione, servendo Deli che, tutto solo davanti a Perucchini, lo fulmina con un preciso diagonale.

Al 65’ ancora pericolosi gli uomini di Stroppa, nuovamente da calcio piazzato, stavolta è Mazzeo a sfiorare il montante alto della porta giallorossa. La gara si avvia stancamente verso il finale, il Lecce è psicologicamente annientato e si fa rivedere soltanto all’87’, quando Doumbia, dopo una buona iniziativa, mette a lato di poco. Si arriva dunque al triplice fischio, che giunge dopo 3’ di recupero: il Foggia batte 3-0 i salentini, sale a quota 65, prendendo quattro lunghezze di vantaggio ad otto giornate dal termine del torneo. La lotta verso la conquista della B prosegue però domenica prossima, i Satanelli affronteranno il Catania in trasferta, il Lecce sfiderà il Fondi tra le mura amiche.

TABELLINO
FOGGIA: (4-3-3) Guarna; Loiacono, Martinelli, Coletti, Rubin; Vacca, Agazzi, Deli (dal 57’ Gerbo); Chiricò (dal 77’ Agnelli), Di Piazza (dal 71’ Sarno), Mazzeo. A disp.: Tucci, Figliomeni, Sainz-Maza, Sicurella, Dinielli, Pompilio, Sanchez, Pertosa, Faber. All.: Stroppa.
LECCE: (4-3-3) Perucchini; Ciancio, Cosenza, Giosa, Agostinone; Tsonev (dal 69’ Arrigoni), Fiordilino (dal 69’ Marconi), Pacilli (dal 46’ Lepore); Costa Ferreira, Doumbia, Caturano. A disp.: Bleve, Chironi, Vitofrancesco, Mancosu, Drudi, Monaco, Muci, Maimone, Mengoli. All.: Padalino.
Arbitro: sig. Giua di Olbia.
MARCATORI: 29’ Mazzeo (F), 33’ Coletti (F), 53’ Deli (F).
AMMONITI: Vacca (F); Ciancio, Lepore (L). – ANGOLI: 4-3 per il Foggia. – RECUPERI: 1’ p.t.; 3’ s.t..

(A cura di Salvatore Fratello, Foggia 19.03.2017)

FOTOGALLERY ENZO MAIZI

Super Foggia vede la B: tris al Lecce ultima modifica: 2017-03-19T16:58:14+00:00 da Salvatore Fratello



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • donia

    Ma se mancano ancora 8 giornate e già vedono la B. Ma speriamo che le perde tutte le partite. A morte u fogge.


  • lucio _ bo

    A distanza di mesi è d obbligo riconoscere le qualità e la professionalità di Fabio Mazzeo.. giocatore giunto in chiusura di mercato con molta diffidenza e ritenuto da meun semplice ripiego… Ecco i fatti mi sconfessano ma ne sono felice. Ha dimostrato con la sua dedizione di essere un vero top player per la categoria… conseguentemente va riconosciuto il valore degli addetti ai lavori che hanno saputo allestire un gruppo coeso per tentare la risalita. Anche su questo pensavo ad un anno sabbatico dopo l esonero dell allenatore a ferragosto. Mea culpa. Za Fogg!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This